Ricette estive facili, zuppa di pesce al curry

ricette estive facili zuppa pesce curry

Sapere che si sta parlando di una zuppa di pesce, per di più dal sapore un tantino esotico dato dal curry, e abbinarvi l’aggettivo facile può sembrare una svista, un errore, una leggerezza data dal calore che impazza! E invece no! Questa zuppa di pesce è davvero l’ideale per fare una gran bella figura senza dover ordinare il pesce il giorno prima, perdere una mattinata a pulirlo e spinarlo, e praticamente impiegare mezza giornata per tutte le diverse cotture di crostacei, molluschi e pesci… utilizziamo il pesce surgelato e lo rendiamo gustoso!

Preparerete un sugo favoloso, volendo anche utilizzando uno di quelli già aromatizzati e preparati come condimento “di pesce”. L’aglio e lo scalogno, il curry e il vino completeranno l’opera e in questo modo anche il pesce surgelato avrà una marcia in più e la zuppa di pesce sarà buonissima!

Contorni da Cotto e Mangiato, la giardiniera

contorni cotto e mangiato giardiniera

Devo essere sincera, quando ho visto questa ricetta di Cotto e Mangiato ho storto un po’ il naso, visto che per la Giardiniera è una preparazione che è praticamente quasi uguale a quella in ricetta, ma che viene conservata nei barattoli e si consuma dopo qualche mese di attesa.

Mia nonna tutte le estati preparava la giardiniera e le melanzane sott’olio, come da antica tradizione non solo napoletana ma di tutto il sud, ovvero il non buttare mai via niente e quindi convertire in prodotti sott’olio o sotto aceto le verdure in eccesso, che nei tempi passati arrivavano dai campi durante i raccolti, mentre quando le preparava mia nonna era principalmente per il diletto di poterle poi gustare, come un tempo, in inverno. La Giardiniera di mia nonna era davvero speciale, io la adoravo, e anche se era un po’ piccante e io ero piccola ne mangiavo tantissima, quasi da dovermi togliere il barattolo da sotto al nasino altrimenti lo finivo tutto!

Pentola a pressione Lagostina: un aiuto in cucina per una ricetta sfiziosa

pentola pressione aiuto cucina ricetta sfiziosa

Non tutti conoscono la pentola a pressione e forse non tutti sono consapevoli di come sia utilie in cucina e non hanno mai pensato all’eventualità di utilizzarla, però tutti abbiamo sentito parlare delle famosissime pentole Lagostina, che sono note per essere prodotti di qualità che danno un valido aiuto in cucina. La pentola a pressione ha il grande vantaggio della velocità di cottura: si possono preparare ottimi piatti  con poco tempo da dedicare alla preparazione. Unico svantaggio: non tutti gli ingredienti sono adatti alla cottura con la pentola a pressione.

Via libera sicuramente a bolliti, spezzatini, patate, cereali, legumi. Tra i cibi “no” rientrano sicuramente i grassi particolarmente sensibili al calore (come ad esempio l’olio di girasole) e tutti gli alimenti che hanno un tempo di cottura piuttosto breve. Con la pentola a pressione oggi cuciniamo degli squisiti bocconcini di carne di maiale con una salsina ai peperoni, un secondo piatto gustosissimo, profumato e veloce da preparare. Dopo aver rosolato la carne infatti, basterà chiudere la pentola e poi aspettare trenta minuti a partire dal fischio.

Un secondo facile per pasqua, i cosciotti di tacchino saporiti

Se siete alla ricerca di un secondo piatto per pasqua che sia alternativo al “solito” agnello al forno, vi suggerisco questa ricetta proveniente da Cotto e Mangiato: i cosciotti di tacchino saporiti. Si tratta, come già avrete capito dal titolo della ricetta, di un secondo a base di carne a forno e soprattutto molto saporito. Ad accompagnare la carne di tacchino infatti avremo capperi, pomodorini secchi, olive nere, acciughe, aglio, alloro e rosmarino.

Un condimento abbastanza aromatico ed un sapore deciso per i nostri cosciotti di tacchino. La preparazione dei cosciotti di tacchino saporiti ha dalla sua, oltre la bontà, anche la semplicità di preparazione. La carne, strofinata con l’aglio, andrà disposta in teglia e cosparsa con gli ingredienti prima citati. In più ad irrorare il tutto un bicchiere di buon vino bianco.

Ricette bimby, cosce di pollo stufate per secondo

Dopo il risotto allo spumante di ieri oggi prepareremo un secondo di carne con il bimby. Il pollo sarà protagonista della ricetta di oggi. Insieme faremo le cosce di pollo stufate. Anche oggi cucineremo utilizzando il nostro simpatico robot da cucina. Un ottimo secondo che può benissimo essere presentato in tavola per una cena speciale ma anche per il pranzo di tutti i giorni. Essendo una cottura particolare, i cosciotti saranno stufati, ci vorrà qualche minuto in più per la preparazione ma in meno di un’ora avrete il vostro secondo di carne pronto. La carne bianca piace a tutti e può essere preparata nei modi più svariati. Oggi abbiamo scelto questa variante leggera che potrete accompagnare con un’insalata fresca o con delle verdure in modo da non appesantire il pranzo o la cena.

Un contorno per Pasqua? L’insalata di fave

E pensando alle fave mi viene subito in mente la primavera e per associazione le feste pasquali. Quale contorno migliore da servire a Pasqua che una bella insalata di fave con scaglie di pecorino? Di insalate di fave quì su Ginger ne abbiamo proposte diverse, a partire da quella con i calamaretti  e continuando con quella con i piselli. Ma quella tra fave e pecorino credo sia un’accoppiata vincente che nasce probabilmente nella cucina romana, ma che vi assicuro è assolutamente da provare!

L’insalata di fave e pecorino tra l’altro è molto veloce da preparare. Si sbucciano le fave e si lessano per pochi minuti in acqua bollente. Basteranno giusto 3-4 minuti perchè le fave devono risultare cotte ma comunque ancora sode. Nel frattempo si preparara una salsa mescolando vino bianco, aceto rosso, sale e pepe, e si condiscono con questa vinaigrette le fave versate in una ciotola.

Ricette pasquali pugliesi, l’agnello con i piselli

 

Noto anche come “Benedetto”, l’agnello con i piselli è un piatto pasquale tipico della Puglia. Si prepara e si gusta rigorosamnete il giorno di Pasqua, come da tradizione. L‘agnello con i piselli costituisce un piatto unico, data la presenza della carne, l’agnello, dei legumi, i piselli, ed infine delle uova. Come ogni regione anche la Puglia offre tutta una serie di ricette pasquali degne di nota e questa è proprio una di quelle da non perdersi.

L‘agnello con i piselli si prepara così: si versano in una pentola l’olio, la cipolla e il prezzemolo tritati. Si aggiunge anche l‘agnello tagliato a pezzi, il sale ed il pepe. Si cuoce il tutto a fiamma bassa con il coperchio, per circa 10 minuti. A questo punto si aggiunge il vino e ci prolunga la cottura di altri 5 minuti. Trascorsi anche questi si aggiungono i piselli e dell’acqua, tanta quanta ne serve per riempire la pentola fino a metà.

Ricette pesce, le seppie al vino bianco

La morte loro, per me, è con i piselli, ma anche questa ricetta non è assolutamente da sottovalutare. Le seppie al vino bianco costituiscono uno di quei secondi che puoi sempre improvvisare, basta avere a disposizione delle seppie fresche in casa ed il resto degli ingredienti che solitamente abbiamo in dispensa. L’unica seccatura che comporta il dover cucinare questo tipo di pesce è la sua pulizia.

Le seppie infatti dovranno essere private dell’osso, dovranno essere staccati i tentacoli, estratta la sacchettina dell’inchiostro, gli intestini, la pelle e gli occhi. Le seppie saranno così pronte per essere passate sotto l’acqua fredda ed una volta asciugate tagliate a striscioline. La preparazione delle seppie al vino è molto facile anche se non troppo breve.

Secondi piatti facili: petti di pollo al vino bianco

Ecco un’ottima soluzione per la cena. Sulla carne bianca ne sappiamo abbastanza per dire che va mangiata più di quella rossa eccetera eccetera, però anche il nostro palato ne sa abbastanza, nel senso che il maiale, oppure la tagliata di manzo, il bue (mi perdonino i vegetariani), sono infinitamente più gustosi di un petto di pollo o di tacchino, ma anche delle cosce ben cotte e rosolate! Per queste carni quindi dobbiamo ogni tanto inventarci delle nuove ricette, per evitare che il petto di pollo al burro ci stufi e che il congelatore si riempia solo di bistecche e salsicce!

Ecco che vi propongo una buona soluzione, molto gustosa, e che potrete preparare in qualunque momento, visto che oltre al petto di pollo vi serviranno uova e pan grattato, e li abbiamo quasi sempre a disposizione, e non dimentichiamoci del vino bianco, e anche quello dovremmo avere sempre in frigo, per dare quella spruzzata in più a carne, pesce e risotti. Inoltre i petti di pollo vengono praticamente fritti, quindi, se non avete un occhio alla linea in questo momento, il gusto è assolutamente assicurato.

Ricette dolci, aspic al vino bianco e lamponi

Oggi prepareremo un dolce al cucchiaio. La ricetta che abbiamo scelto per voi è quella dell’aspic al vino bianco e lamponi. Cos’è l’aspic? E’ un piatto basato sulla presenza di ingredienti che vengono poi incorporati nella gelatina. In questo caso ne prepareremo uno dolce ma potrebbe anche essere un piatto salato. Si potrebbe utilizzare qualsiasi tipo di frutta fresca. Oggi noi abbiamo scelto i lamponi. Se non si trovano quelli  freschi si possono comprare anche quelli congelati. In poco tempo avrete preparato un dolce davvero buono che non sempre viene presentato sulle nostre tavole. Il risultato però vi lascerà davvero soddisfatti. Nella nostra ricetta di oggi abbiamo deciso di non utilizzare le uova. Si potrebbero usare qualora volessimo un aspic più cremoso e spumoso: gli albumi ci aiuterebbero a renderlo tale. Oltre alla frutta l’ingrediente fondamentale è la colla di pesce che ci servirà per avere la gelatina. Inoltre per la nostra ricetta sarà decisivo il vino bianco che darà un tocco di classe al dessert.

Un secondo per capodanno, gli involtini di sogliola

Dopo gli stuzzichini per l’aperitivo ed un primo piatto per capodanno, è la volta di un secondo a base di pesce, gli involtini di sogliola. Gli involtini di sogliola costituiscono un secondo delicato ma allo stesso tempo gustoso grazie alla presenza di gamberetti, scalogno, e mandorle nel ripieno. Un tocco di gusto in più è dato dal vino che verrà versato sugli involtini prima di infornarli.

Gli involtini di sogliola sono veloci e semplici da preparare, non vi ruberanno troppo tempo ma ad ogni modo avrete un secondo delizioso da portare in tavola in occasione del cenone di capodanno. Vediamo nel dettaglio come si preparano: innanzitutto si versano nella ciotola del mixer i gamberetti, le mandorle ed infine lo scalogno già pulito. Si frulla il tutto e si spalma sui filetti di sogliola già disposti su un piano da lavoro. Si spolvera con del sale, del pepe ed infine si arrotolano bene ma delicatamente. Vanno bagnati con del vino bianco, coperti con dell’alluminio ed infornati a 200 C° per 20 minuti.

Cappone di Morozzo arrosto in salsa di mirtilli per il Cenone di Capodanno.

Il cappone è una portata tradizionalissima dei pranzi delle feste. Ne abbiamo già parlato in diverse ricette, tutte abbastanza conosciute. Quella di oggi invece è una piccola rivisitazione di un piatto tradizionale, il cappone arrosto, con la salsa di mirtilli. A Cuneo e in tutto il Piemonte in generale, il cappone di Morozzo non manca mai sulla tavola delle feste e in genere si accompagna con una salsa ai mirtilli oppure si farcisce con un ripieno di more.  Morozzo, il piccolo paese dalle antiche origini, a metà strada fra Cuneo e Mondovì, è l’indiscussa capitale regionale del cappone, il delizioso galletto castrato al quale è dedicata la tradizionale fiera di metà dicembre. La razza utilizzata per la produzione del cappone tradizionale di Morozzo è la cosidetta nostrana. Una vera specialità che ognuno di voi potrà preparare, e anche se nella vostra regione sarà un pochino più difficile trovare il cappone di Morozzo potete utilizzare un cappone allevato nella vostra regione. La preparazione è semplice. Tagliate i pezzi di cappone a tocchetti e metteteli in una teglia da forno con olio extra vergine di oliva e brodo. Lasciate cuocere finchè la carne non sarà ben cotta. La salsa di mirtilli è perfetta come accompagnamento della carne bianca perchè ha quel sapore dolciastro ma con un retrogusto un po’ acido che da il contrasto di sapore giusto con il gusto della carne di cappone.

Un primo per la vigilia, gli spaghetti al pesto e gamberi

C’è chi anche a Natale non vuole rinunciare al formato di pasta più classico e rappresentativo che possiamo vantare in Italia: gli spaghetti. Per renderli perfetti per la cena della Vigilia di Natale, durante la quale la tradizione vuole che si mangi pesce (ferme restando ovviamente le abitudini di ogni famiglia) li vediamo accompagnati in questa ricetta con pesto e gamberi, a mio avviso un’accoppiata assolutamente vincente. Nonostante possa sembrare una ricetta fin troppo semplice, la presenza di ingredienti di ottima qualità la renderà speciale e ideale per una cena della vigilia di natale di tutto rispetto.

Iniziamo partendo dagli spaghetti che, volendo, possono essere preparati a mano. La preparazione degli spaghetti ai gamberi e pesto vede inoltre la presenza del pesto che potrete acquistare già pronto scegliendo tra le marche migliori in commercio, oppure i più fortunati (come me) se lo ritroveranno in freezeer perchè preparato in abbondanza durante l’estate quando il basilico è nel pieno del suo splendore. Altro ingrediente fondamentale per la ricetta sono i gamberi, recatevi dal vostro pescivendolo di fiducia per portarne a casa di veramente freschi.

Un primo per la vigilia, il risotto ai frutti di mare

Finora come primi festivi vi ho proposto dei piatti a base di pasta. Ma non dimentichiamoci del riso e soprattutto dei risotti: così avvolgenti, cremosi e adatti per ogni occasione. Il riso del resto in alcune parti d’Italia ed anche in alcune famiglie è più consumato rispetto alla pasta. Noi in famiglia non lo mangiamo spessissimo e non saprei dire neanche il perchè, però quando lo portiamo in tavola, la sensazione di appagamento è unica.

Il risotto ai frutti di mare lo trovo adatto alla cena della vigilia di natale. Innanzitutto perchè è a base di pesce e poi perchè è un risotto ricco di sapore ed in genere è apprezzato da grandi e bambini. Per la preparazione del risotto ai frutti di mare dovrete procurarvi: dei calamari, dei calamaretti, delle vongole e delle cozze; prezzemolo a volontà che con il pesce sta sempre bene e qualche pomodorini fresco fresco che arricchirà di colore e di delicatezza il  nostro risotto.