Penne con ragù di rana pescatrice

penne ragu rana pescatrice

Oggi iniziamo a parlare di ricette di pasta con la rana pescatrice, ed iniziamo con il preparare un ragù perfetto per le stagioni di mezzo, signore e signori, ecco a voi: le penne con ragù di rana pescatrice. Un ottimo piatto di pasta, leggero e dai sapori molto particolari. Le penne con ragù di rana pescatrice sono un perfetto primo piatto per chi ama mangiare il pesce. Un buon ragù di pesce, un ragù in bianco, è un condimento leggero ma ricchissimo di sapori che si sposa in maniera ideale con la pasta. Amanti della pasta ed amanti del pesce, ecco a voi la ricetta delle penne con ragù di rana pescatrice.

Polpettone con ragù di funghi, ottimo anche freddo

polpettone ragù funghi secondo piatto freddo

A chi pensa che il polpettone sia un piatto esclusivamente invernale oggi darò un motivo per ricredersi. Certo, bisognerà in ogni caso accendere il forno, ma putroppo non possiamo evitare di cucinare e se fatica ci deve essere l’importante è che sia ricompensata quando porterete in tavola questo squisito polpettone con ragù di funghi, abbastanza semplice da preparare e ottimo anche in questa stagione. Io l’ho provato ieri sera, tagliato a fette e servito a temparatura ambiente è ottimo e i funghi, anche se non sono un prodotto di stagione, sono certamente un contorno ideale per la carne di vitello che mescolata con prosciutto e patate, e poi annafiata di vino bianco, diventa un secondo piatto gustoso che vi consiglio di provare!

Polenta fritta con ragù, un piatto completo invernale

polenta fritta ragù piatto completo invernale

C’è chi si tiene in forma e chi non bada al conto delle calorie, anche perchè con questo freddo per fare la dieta ci vuole davvero tantissima buona volontà. Oggi vi parlo della polenta fritta con ragù, un piatto super calorico, è vero, ma davvero squisito, da servire in quelle giornate in cui c’è bisogno di piatti molto energetici, gustosi e completi, che comprendono tutti gli alimenti di cui abbiamo bisogno dai carboidrati alle proteine della carne. Un buon ragù, per essere davvero eccellente, ha bisogno di almeno un’ora di cottura. Per questo motivo questa ricetta della polenta fritta non è molto veloce da preparare. Ma una volta cucinato il ragù, la gran parte del lavoro è già fatta.

La frittata di pasta di Sophia Loren riproposta da Benedetta Parodi

frittata pasta sophia loren benedetta parodi

La ricetta di oggi sarà un piatto ben noto per tanti campani, ma penso in generale per chi arriva o vive al centro sud, anche perché con mio grande stupore mi è capitato di offrire una frittata di pasta a delle amiche toscane che non ne avevano mai vista e assaggiata una in vita loro! Questa ricetta in particolare fa parte di una puntata de “I Menu di Benedetta” in cui la Parodi ha riproposto una serie di piatti le cui ricette sono di personaggi celebri, e in questo caso abbiamo proprio la napoletana Sophia Loren con la sua frittata di pasta.

Il pasticcio di Natale, una ricetta della cucina siciliana

pasticcio natale ricetta cucina siciliana

Il Natale ormai è diventato non solo una tradizione religiosa, ma un vero e proprio momento dell’anno in cui la cultura eno-gastronomica del nostro paese dà il meglio di sé! Non esiste regione italiana che non abbia i suoi piatti tipici sia per quanto riguarda i primi, che i secondi e tutti i vari contorni e infine i dolci. La Sicilia, che già tradizionalmente è ricca di ricette davvero molto gustose, non è da meno e come accade spesso nella cucina siciliana i piatti natalizi sono estremamente ricchi, quasi piatti unici, ben conditi e abbastanza elaborati da preparare. Eccone il perfetto ritratto: il pasticcio di Natale.

Ricette primi piatti pesce e verdure, Linguine al ragù di pescatrice

ricette primi piatti pesce verdure linguine ragù pescatrice

Tra le ricette di pasta estive non possono mancare quelle dei piatti che prevedono l’incontro del pesce e delle verdure. Il pesce con il suo sapore, a volte, forte ed invadente viene smussato dalle verdure che dolcemente gli si posano accanto e ne arrotondano il gusto. I primi piatti con pesce e verdure sono un perfetto inizio per una cena romantica o tra amici. Le Linguine al ragù di pescatrice sono proprio tra le ricette di questo tipo! Le zucchine, con il loro sapore delicato ma fresco, presenti nella ricetta, ben si accompagnano al pesce ed insieme vanno a comporre mille differenti condimenti per la pasta. Le Linguine al ragù di pescatrice sono perfette per questo periodo dell’anno.

Tante, tantissime sono le ricette di pasta con il pesce. Solo per citarne alcune vi ricordo quelle delle linguine con i bianchetti, degli spaghetti con calamari e gamberi, della pasta con zucchine e sgombro in bianco – dove, appunto, ritroviamo l’accoppiata pesce/zucchine – , le linguine alle vongole pomodori e zafferano ed i fusilli menta limone e tonno. Ma se volete fare qualcosa che sia gradita a tutti, anche a chi è un’inguaribile amante della carne, proponete le Linguine al ragù di pescatrice e avrete, di sicuro, successo!

Ricette con gli avanzi di Pasqua, le zucchine ripiene di ragù

Ricette avanzi Pasqua zucchine ripiene ragù

E continuando con la cucina degli avanzi pasquali, oggi è la volta di un nuovo piatto, questa volta si tratta di un secondo. Durante le feste spesso mi capita di preparare del ragù. E’ il primo condimento che mi viene in mente per condire i piatti di festa. E così è stato anche quest’anno. Il giorno di Pasqua abbiamo pranzato con delle classiche lasagne e, come prevedibile, considerato il fatto che quando preparo del ragù lo faccio per un esercito, ne è avanzata una discreta quantità.

Non volevo utilizzarlo per condire la pasta ed ho cercato così una ricetta che potesse andare incontro alle  mie esigenze. Gira che ti rigira e cerca che ti ricerca ho trovato la ricetta delle zucchine ripiene di ragù. Ecco fatto, fuori i miei avanzi di ragù senza che fosse troppo tardi per utilizzarli, o peggio, prima che finissero dritti dritti nella pattumiera. Per la preparazione delle zucchine ripiene di ragù vi serviranno solamente delle zucchine tonde tali da poter essere riempite a dovere.

Ricette pasqua 2011, le lasagne verdi al ragù

Tra i primi più quotati per quanto riguarda le ricorrenze speciali e le festività, ci sono loro, le lasagne. Un piatto ricco, gustoso che mette tutti d’accordo. E perfetto quindi come primo piatto da servire il giorno di Pasqua. Le lasagne verdi al ragù si differenziano dalle comuni lasagne perchè all’interno dell’impasto per la sfoglia contengono degli spinaci, sbollentati in poca acqua bollente salata ed aggiunti tritati finissimamente all’impasto insieme alla farina ed alle uova.

La preparazione delle lasagne verdi al ragù è abbastanza lunga dato il fatto che dovremo dedicarci prima alla preparazione del ragù, poi a quello delle lasagne ed infine al piatto completo. Quindi si parte dal ragù che si ottiene soffriggendo insieme la cipolla, la carota e il sedano e soffriggendoli in un pentolino con il burro. Al soffritto si aggiungono le carni macinate ed i fegatini. A questo punto è la volta della passata di pomodoro e di una lunga cottura di circa un’ora e mezza.

Ricette veloci senza glutine: il ragù di pesce

Da una delle più recenti puntate di Cotto e Mangiato, la ricetta per la preparazione di un ragù goloso e raffinato ma allo stesso tempo velocissimo da preparare:  il ragù di pesce. Si tratta di un sughetto decisamente gustoso, raffinato, ma anche semplice e velocissimo perchè si prepara con dei semplicissimi filetti di merluzzo. Tra i primi piatti, sicuramente quelli più prelibati sono a base di pesce ma spesso i costi e i tempi ci scoraggiano. Non sarà così con questo ragù di pesce che Benedetta Parodi ci mostra, questa ricetta facile ed economica, grazie ai filetti di merluzzo surgelati che potete tranquillamente trovare al banco frigo del supermercato, e che sono adatti anche come secondo. Con poco lavoro e una spesa davvero moderata potrete ottenere un primo piatto da leccarsi i baffi, perchè la bontà di un piatto non è data dal tempo che ci rubano i fornelli ma dall’amore e le cure con cui lo prepariamo. Ci vuole davvero poco e il pesce rilascerà un sapore così delicato da sposarsi bene sia con la pasta corta che con gli spaghetti.

Torta di maccheroni, un primo piatto regionale per Carnevale

In Sicilia a Carnevale si mangiano in mille modi, ma soprattutto conditi con il ragù di carne e una abbondante manciata di parmigiano. Sto parlando dei maccheroni a cinque buchi, una specialità gastronomica sicuramente catanese, che non so se sia diffusa anche a Messina e Palermo, e che forse è un pochino difficile reperire in altre regioni d’Italia. Ad ogni modo a Catania non c’è festa in maschera se non si mangiano maccheroni a cinque buchi, salsiccia e chiacchiere. I maccheroni a cinque buchi sono dei grossi maccheroni che presentano cinque buchi nel tronco, quattro forellini laterali e uno grande centrale. Questo formato di pasta si presta benissimo ad essere condita con sughi corposi, come quello del ragù perchè tende a riempirsi e a diventare davvero “casereccia”. Mi ricordo ancora quando la faceva mia nonna, la presentava in tavola anche con il sugo di carne, oppure con la salsa di solo pomodoro concentrato. L’importante è che l’intingolo abbia davvero gusto.

Considerato che questo formato di pasta non sarà facile da trovare in giro, potete benissimo sostituire i maccheroni a cinque buchi con un formato di pasta corta molto grossa, rigatoni, paccheri o quello che preferite. La ricetta che vi propongo è semplice ma gustosissima e ricca, tanto che potreste benissimo presentarla come piatto unico.

Dalla cucina greca un piatto unico senza glutine: la moussaka

Mi piace molto la cucina straniera e mi piace altrettanto sperimentare piatti, sapori e abbinamenti di gusti che non fanno parte della nostra cultura gastronomica. Quella della moussaka però, è una ricetta della cucina greca, quindi una cucina mediterranea molto simile a quella dell’Italia. Se non fosse una ricetta originaria di Cipro oppure addirittura della Turchia, potremmo benissimo confonderla con una parmigiana di melanzane e carne. La moussaka infatti, uno dei piatti greci più noti in tutto il mondo, è un piatto composto di melanzane fritte, carne di agnello o carne mista e besciamella. Non si tratta quindi del massimo della leggerezza ma di un piatto decisamente sostanzioso e calorico ma… meravigliosamente buono! Somiglia anche un po’ alla nostra lasagna per la presenza del ragù e della besciamella ma non vi sono strati di pasta bensì di melanzane fritte. Questa volta l’ho fatta seguendo la ricetta di un libro che ho comprato prima di tornare dalle vacanze a Santorini. Visto che la preparazione è abbastanza lunga, se volete potete prepararne di più e congelarla in porzioni da scongelare all’occorrenza. La ricetta non contiene glutine, però fate attenzione a preparare da voi la besciamella. Quella che si compra già pronta contiene il glutine, mentre se la preparerete da voi potete usare la classica ricetta della besciamella sostituendo la farina con la farina senza glutine oppure con l’amido di mais , che ha lo stesso potere addensante. La ricetta è semplice, provatela e… kale orexe!

Timballo di scrippelle. Un primo immancabile del Natale in Abruzzo.

Le scrippelle sono un piatto tipico della cucina teramana, davvero immancabile durante i pranzi dei giorni di festa e particolarmente a Natale. Si tratta di sottilissime frittatine a base di uova e farina che si cuociono versando l’impasto  in una padella caldissima. Sono molto simili alle crepes francesi che, secondo alcuni, da Teramo furono portate oltralpe al seguito degli eserciti francesi, mentre altri le considerano derivate proprio da queste.
Le scrippelle però differiscono dalle crepes non solo per gli ingredienti ma anche per l’uso che se ne fa. In Abruzzo infatti le scrippelle sono la base di molti piatti salati, che sostituiscono la pasta. E addirittura una ricetta tipica abbruzzese, le scrippelle ‘mbusse, prevede che queste frittatine siano riempite di formaggio e poi servite su un letto di brodo di gallina ruspante. Quella di cui parliamo oggi però, è una ricetta golosissima anche se un pochino più complessa da preparare, che richiede calma per chi lo gusta e pazienza per chi lo deve preparare. Si tratta di un timballo di scrippelle, con ragù di carne, carciofi, besciamella e formaggio. Una vera golosità che piacerà a tutti, grandi e piccini. Le scrippelle vanno cucinate in modo che il risultato sia una sfoglia sottilissima e leggera che poi andrà condita come se fosse una teglia di lasagne. Basterà tenere la fiamma bassa e poi rigirare le scrippelle in modo da cuocerle da entrambi i lati. Riguardo al condimento, potete scegliere di mettere i cuori di carciofo sbollentati oppure, come prevede la ricetta originale, soffriggerli con olio e rosmarino e poi cuocerli in tegame con un po’ d’acqua finchè non saranno diventati tenerissimi.

Timballo di anelletti al forno. Il primo palermitano del Natale.

timballo anelletti forno primo palermo natale

In Sicilia la pasta non è un cibo qualsiasi. I siciliani, e tra questi ci sono anche io, amano la pasta di ogni formato e con qualunque condimento e soprattutto durante le festività natalizie o le principali ricorrenze, non rinunciano assolutamente ad una bella porzione di pasta al forno. Quella che vi propongo oggi è una ricetta tipica del palermitano ma diffusa un po’ in tutta l’isola, cioè il timballo di anelletti al forno. Gli anelletti sono dei piccoli cerchietti da cuocere prevalentemente per preparare la pasta al forno, infatti la loro forma e la capacità di trattenere i condimenti li rende perfetti per gli sformati. A vederli sembrerebbero più adatti per la pastina, invece danno il loro meglio solo con il ragù di carne. Questa  pasta al forno, conosciuta anche come “timballo di anelletti fa parte della tradizione gastronomica palermitana infatti i primi timballi nati a Palermo, furono elaborati durante la dominazione araba nel IX secolo, per poi diffondersi in tutta l’isola. Si tratta non solo di un primo, ma anche di un piatto unico perchè contiene la pasta, la carne e le verdure. Gli ingredienti principali sono il ragù di carne ed i piselli, però in Sicilia ognuno li fa a modo suo. Mia madre, per esempio, è solita mettere le uova sode affettate, le melanzane fritte e la provola ragusana. Condimento, profumo, ma soprattutto un gusto deciso e squisito: sono queste le caratteristiche dei piatti siciliani delle feste. E il timballo di anelletti al forno non si sottrae alla regola.

La terrina di pasta al ragù, un primo piatto speciale

Lo so che potrebbero sembrare delle lasagne e, a onor del vero, la preparazione é simile ma vi assicuro che si tratta di una terrina di pasta fatta con la sfoglia rigorosamente fresca e lunga. Ovvero l’impasto deve avvolgersi attorno al ragù dando così vita ad una vera e propria terrina. Questa preparazione é adatta a chi sa fare la pasta fatta in casa e soprattutto a chi ha pazienza e voglia di preparare un primo piatto di pasta tutto rigorosamente “self made”, pertanto se non siete in questo stato d’animo allora cambiate ricetta. Se invece avete voglia di divertirvi e misurarvi in cucina, questa é la ricette che fa proprio per voi. Dovete avere tempo, pazienza e amore per cucinare un’eccellente terrina di pasta perché ricordate sempre che quando cucinate passate una parte di voi agli altri, quindi forza al lavoro!