Vellutata con patate e con emmenthal

Genuina e poco calorica la vellutata di patate con emmenthal è una ricetta semplice da preparare e particolarmente adatta quando le temperature si abbassano.

tortini, patate, patate alla savoiarda, parmigiana , patate raganate , patate, baci di dama, duchesse, , insalata svedese, spaghetti fritti di patatepizza santa chiara, roselline di patate, patate, contorno

Nutriente e poco calorica, la vellutata con patate e con emmenthal si prepara in poco tempo: è un piatto abbastanza ricco, ma potrete anche arricchire ulteriormente la vostra portata aggiungendo dei crostini di pane.

Strudel di asparagi di Cotto e Mangiato

Ora che la primavera è ormai entrata nel suo vivo la voglia di gustare prodotti di stagione si fa sempre più forte; proprio gli stessi che abbiamo aspettato per diversi mesi. A questo proposito vi propongo la ricetta dello strudel di asparagi di Cotto e Mangiato, che è poi una delle versioni più semplici che io abbia trovato ed allo stesso tempo una di quelle che mi abbia dato più soddisfazioni.

Strudel di asparagi

4 ricette di canapè con foto

Adesso che l’estate è entrata nel vivo non mancherà occasione per organizzare delle cene in casa. Avete presenti quelle trascorse in compagnia in assoluto relax, ricche di pietanze gustose ma non troppo elaborate? Una parte importante è rivestita dall’aperitivo/antipasto. Questo deve essere caratterizzato da stuzzichini accattivanti che non facciano altro che solleticare l’appetito: ecco a questo proposito 4 ricette di canapè con foto dalle quali prendere spunto per le vostre prossime occasioni.

Muffin salati con pomodorini e emmental

Muffin salati pomodorini emmental

In vista di una giornata da passare fuori casa ho preparato questi muffin salati con pomodorini e emmenthal. Sapevo che sarei rimasta in giro tutto il giorno e non sarei tornata a casa per il pranzo, quindi, onde evitare di mangiare l’ennesimo panino acquistato in fretta presso un qualunque bar ho pensato bene di portarmi dietro qualcosa fatto da me, sano e genuino. I muffin salati con pomodorini e emmental mi sono sembrati l’ideale: sfiziosi quanto basta, economici e pratici da mangiare senza posate, eccoli quà.

Insalata di pasta fredda con cetrioli, ravanelli ed emmenthal

Insalata pasta fredda cetrioli ravanelli emmenthal

Iniziata la bella stagione, almeno sul calendario perchè finora i giorni di sole rispetto a quelli di pioggia sono stati veramente pochissimi. Oggi che è tornato a splendere il sole però mi è venuta voglia di un piatto di pasta colorato e perfetto per queste temperature, linsalata di pasta fredda con cetrioli, ravanelli e emmenthal. Un piatto, se vogliamo, neanche troppo calorico per essere un primo, variopinto quanto basta per mettere allegria e sicuramente adatto ai vegetariani.

Tortino di carciofi con il Bimby, una ricetta semplice

tortino carciofi bimby ricetta semplice

Se siete alla ricerca di una ricetta facilissima che vi richiederà poco tempo nei preparativi siete capitati nel posto giusto. Dopo gli eccessi alimentari di questa estate sono sempre alla ricerca di ricette che siano abbastanza leggere, gustose ma soprattutto facili da preparare. Gli impegni sono tanti e il tempo da dedicare alla cucina scarseggia. Oggi ho dato uno sguardo al frigo, c’erano dei cuori di carciofi surgelati e un pezzo di formaggio emmenthal. Quindi mi è subito venuto in mente che avevo letto da qualche parte questa ricetta del tortino di carciofi con il Bimby.

Per una volta non ho dovuto sforzarmi ad inventare e con i miei ingredienti ho fatto un tortino veramente squisito! Ho intenzione di approfittare del sole che ancora splende in Sicilia per andare qualche altra volta al mare e visto che ancora le giornate lo permettono, penso che porterò questo tortino con me.

Torta di maccheroni, un primo piatto regionale per Carnevale

In Sicilia a Carnevale si mangiano in mille modi, ma soprattutto conditi con il ragù di carne e una abbondante manciata di parmigiano. Sto parlando dei maccheroni a cinque buchi, una specialità gastronomica sicuramente catanese, che non so se sia diffusa anche a Messina e Palermo, e che forse è un pochino difficile reperire in altre regioni d’Italia. Ad ogni modo a Catania non c’è festa in maschera se non si mangiano maccheroni a cinque buchi, salsiccia e chiacchiere. I maccheroni a cinque buchi sono dei grossi maccheroni che presentano cinque buchi nel tronco, quattro forellini laterali e uno grande centrale. Questo formato di pasta si presta benissimo ad essere condita con sughi corposi, come quello del ragù perchè tende a riempirsi e a diventare davvero “casereccia”. Mi ricordo ancora quando la faceva mia nonna, la presentava in tavola anche con il sugo di carne, oppure con la salsa di solo pomodoro concentrato. L’importante è che l’intingolo abbia davvero gusto.

Considerato che questo formato di pasta non sarà facile da trovare in giro, potete benissimo sostituire i maccheroni a cinque buchi con un formato di pasta corta molto grossa, rigatoni, paccheri o quello che preferite. La ricetta che vi propongo è semplice ma gustosissima e ricca, tanto che potreste benissimo presentarla come piatto unico.

Ricette bimby, soufflè al formaggio

Siete a corto di idee per Natale? Volete preparare qualcosa di sfizioso con il vostro bimby? Beh allora questa ricetta fa proprio al caso vostro: il soufflè al formaggio con il bimby. Naturalmente il consiglio è valido anche per chi non utilizza questo fantastico robot e magari si fa aiutare da altri elettrodomestici, perchè la ricetta è ottima e la presentazione è molto carina visto che potrete servire questo soufflè dentro delle cocottine monoporzione facendo un’ottima figura con i vostri ospiti.
Ciò di cui avrete bisogno sarà sicuramente dell’ottimo emmenthal, del parmigiano, burro e latte ed inoltre di uova fresche da aggiungere a questo semplice ma saporito impasto. Al resto vi aiuterà il bimby che impasterà per voi e vi dovrete preoccupare solo di preparare la teglia o le cocottine per la cottura in forno.

Il casatiello napoletano, una ricca torta rustica

Chi lo conosce già al solo sentirne pronunciare il nome sarà invaso da una voglia irrefrenabile, a chi non lo avesse mai sentito pronunciare invece si aprirà davanti un nuovo mondo: sto parlando del casatiello napoletano, una torta rustica dalle origini napoletane, preparato prevalentemente nel periodo pasquale (ma io non mi lascerei perdere l’occasione di proporlo anche durante il periodo natalizio), a base di pasta lievitata.

La preparazione del casatiello napoletano prevede una lunga lievitazione e, come ripieno, una valanga di formaggi e salumi misti, insomma, il trionfo della rusticità! Per la sua preparazione vi consiglio di utilizzare una parte di farina manitoba, come già detto, più ricca di glutine che conferirà al nostro casatiello una morbidezza unica. Mentre per il ripieno c’è da sbizzarrirsi: potete variare a vostro piacimento tra provolone dolce o piccante, fontina, caciocavallo, grana, etc, mentre per quanto riguarda i salumi potete scegliere tra salame, prosciutto e pancetta. L’impasto prevede che venga amalgamata la farina con lo strutto, il pepe ed il lievito, e dell’acqua tiepida.

Ricette secondi, il soufflè di zucchine

E’ sempre stato il mio piatto più temuto, non sapete quanti ne ho dovuti buttare perchè non riusciti come dovevano, eppure, a pensarci oggi, se avessi seguito alla lettera, ma veramente alla lettera la ricetta, non avrei provocato tutti quei disastri. Sto parlando dei soufflè, quelle spumose preparazioni nelle quali affondare il cucchiaio e con enorme soddisfazione dire: ce l’ho fatta! Il soufflè di zucchine è un secondo a base di uova e zucchine, con l’aggiunta di formaggi, molto goloso e vi dirò facile anche da preparare.

L’operazione fondamentale per la buona riuscita di un soufflè consiste nel montare a neve fermissima gli albumi ed aggiungerli molto delicatamente all’impasto mescolando dal basso verso l’alto con un cucchiaio di legno. Mi raccomando, gli albumi non devono assolutamemente smontarsi. Per il resto la preparazione del soufflè alle zucchine è piuttosto semplice: si cuociono a dadini le zucchine e si frullano ottenendo una cremina, a parte si mescolando i tuorli con i formaggi ed alla fine si mescola bene il tutto.

Come preparare le crepes ai formaggi con il bimby

Le crepes ai formaggi sono un piatto delizioso e completo che adoro fare un pò perchè veloce e buonissimo e un pò perchè quando voglio liberare il mio frigo dai formaggi avanzati è l’ideale.  Il bimby nella nostra preparazione sarà molto utile, infatti prima dovrete spezzettare i formaggi a vostra disposizione e quindi ricotta, emmenthal, fontina e parmigiano; una volta poi completato il ripieno potrete passare con l’impasto ed infine una volta preparate le nostre crepes ai formaggi potremo disporle in una teglia e cuocerle al forno a 200°.
Le crepes con ripieno di formaggi sono tra le mie preferite ma potete farcirle come più preferite, usando ad esempio funghi, fiori di zucca, ricotta e spinaci e poi se siete golosi come me potete anche preparare dell’impasto in più e gustarvi a fine cena un dessert di crepes al cioccolato oppure alla banana e caramello.
Le crepes quindi sono un piatto molto semplice e versatile che potete preparare come più preferite sia con un gusto “salato” che dolce e il risultato sarà comunque ottimo!
Ora però vediamo come preparare le crepes ai formaggi con il bimby, con il quale la preparazione sarà ancora più semplice e veloce.

Secondi a base di uova, le omelette ai formaggi

Pratiche, veloci, versatili, le omelette sono tutto questo ed anche di più. Si preparano in pochi minuti, con ingredienti che bene o male sono sempre presenti in tutti i frigoriferi e sono molto nutrienti. Le omelette ai formaggi ad esempio sono state preparate con degli avanzi: avevo in frigo i classici pezzi di formaggio da finire, uno di fontina, uno di emmenthal ed una mozzarella prossima alla scadenza. Da questo piccolo inventario alla scelta di trasformarlo in una gustosa omelette ai formaggi il passo è stato breve.

Le omelette piacciono molto anche ai bambini e date le proprietà nutrizionali delle uova vi consiglio di portarle in tavola almeno una volta alla settimana magari variando di volta in volta il ripieno: potreste optare per del prosciutto cotto e sottilette, o ricotta e spinaci o funghi e speck, insomma, tutto quello che suggerisce la fantasia ed il frigo saranno bene accetti. Nella ricetta delle omelette è prevista l’aggiunta di latte, questo contribuirà a renderle ancora più soffici, e, se volete un consiglio per renderle più gonfie, aggiungete un pizzico di lievito per torte salate all’impasto, un piccolo escamotage che vi farà portare in tavola delle omelette degne di questo nome e ancora più soffici, provare per credere!

Cucinare con gli avanzi: il plumcake ai formaggi

formaggi

Le feste sono ormai (quasi tutte) finite, si cerca di ritornare pian pianino alla normaità sia nella vita di tutti i giorni che a tavola. Non è facile riprendere, soprattutto per chi, come me, è ancora in ferie, ma si sa, le abitudini sono dure a morire, ci vorrà solo del tempo. Penso che in molti si saranno ritrovati in frigo e in dispensa degli avanzi di queste feste, soprattutto perchè in generale si ha sempre la mania di cucinare per un esercito in occasione di pranzi e cene festivi. Io ad esempio mi sono ritrovata sommersa dai formaggi che avevo acquistato per servirli sia come antipasti tagliati a cubetti insieme ad altri salumi, sia per essere utilizzati nei ripieni dei miei piatti. Per farli fuori prima che andassero a male ho deciso di tuffarli in un cake salato, una delle preparazioni più pratiche che ci sia: si prepara in 5 minuti senza troppa sollecitudine, basta semplicemente mescolare i vari ingredienti facendo solamente attenzione che non si formino gli “antipatici” grumi, ed il gioco è fatto.

Prepariamo una cenetta romantica: canapè di radicchio e groviera

canape-di-radicchio-e-groviera

TEMPO: 15 minuti | COSTO: basso | DIFFICOLTA’: media

VEGETARIANA: SI | PICCANTE: NO | GLUTINE: SI | BAMBINI: SI

Può essere un momento magico cucinare per lui — ma anche per lei, certo — in qualche occasione improvvisata, come una serata a due: un incontro romantico che si rinnova anche se si tratta di una coppia abituata a vivere insieme o comunque legata da tempo. Oppure la scoperta di una mattinata di sole, o di neve, in cui ci risvegliamo senza la tortura della sveglia, dell’orario d’ufficio. Non devono essere ricorrenze precise; questo, in ogni caso, è il punto. Vi dev’essere anche, a volte, qualcosa che sboccia all’improvviso, da uno stato d’animo diverso. Ed ecco quindi un suggerimento davvero delizioso e soprattutto che può essere realizzato all’ultimo momento. Prepariamo i canapè di radicchio e groviera!

Canapè di radicchio e groviera

Ingredienti per 2 persone:

2 fette di pane casereccio | 80gr di radicchio rosso | 80gr di emmenthal | 1 spicchio di aglio | olio extravergine d’oliva | mostarda piccante | aceto | pepe in grani | sale