Orecchiette con carciofi e feta greca, profumate all’arancia

di Roberta Chiarello 8



Più o meno questo, è il periodo dei carciofi, è, nella mia bella Sicilia, si usa farli davvero in tantissimi modi, tanto che, precisamente a Niscemi (CL) si tiene, oramai da diversi anni, più o meno verso Marzo,la sagra del carciofo, dove si possono degustare una enorme vastità di piatti a base ovviamente di carciofi, dai quali si evince la passione per la buona cucina e il desiderio di tramandare una cultura ricca di tradizione, folclore e amore per i frutti della terra.

E per i golosi di carciofi, che come me, che non possono aspettare solo la sagra di Niscemi? Tranquilli, esiste un ristorante a Cerda (PA), dove il menù è tutto, assolutamente a base di carciofi, e la cosa fantastica è, che, tale menù, lo si può gustare tutto l’anno! Una regola, non scritta, però vige, quando si vuole andare a Cerda a mangiare carciofi: essere una bella comitiva di persone, in quanto questo ristorante è famoso anche per le numerosissime tavolate di gente!

Ma visto che non tutti possono recarsi a Cerda o alla sagra del Carciofo di Niscemi, eccovi una ricettina molto fantasiosa e ricca di sapori creata apposta per i lettori di Ginger.

Orecchiette con carciofi e feta greca


Ingredienti

8 carciofi | 2 arance | 200 gr. feta greca | 1 bicchiere vino bianco secco | sale e pepe | 450 gr. orecchiette | 4 limoni | 4 spicchi aglio | olio d'oliva | scorzette d'arancia

Preparazione

   Pulite bene i carciofi, facendo attenzione alle spine e privateli del gambo (foto 1 e 2); con un coltello recidete la parte superiore delle foglie appuntite (foto 3) e togliete le foglie più dure (foto 4, 5 e 6). Asportate completamente la parte di gambo restante e tagliate a metà il carciofo (foto 7); con un coltellino ricurvo e ben appuntito, scavate la parte centrale cosiddetta “barbetta” (foto 8 e 9) e, una volta puliti tutti i carciofi, metteteli a bagno con acqua sale e limone per 15/20 minuti (foto 10).

   Private l'aglio dell'anima (parte centrale), (foto 11), fatelo rosolare in un po' d'olio (foto 12); fate sgocciolare i carciofi, dopo averli sciacquati bene in uno scolapasta, tagliateli a striscioline quanto più sottili possibile (foto13), togliete dall'olio l'aglio imbiondito (foto 14) e versatevi dentro i carciofi (facendo attenzione ad eventuali schizzi di olio caldo) (foto 15).

   Fate rosolare i carciofi per bene e sfumate con un bicchiere di vino bianco secco e con il succo d'arancia (foto 15). Con il pelapatate togliete la parte arancione della buccia dell'arancia, riducetela a striscioline sottilissime (foto 17) e unitele al condimento (foto 18). Fate cuocere a fuoco lento per 25/30 minuti.

   Tagliate a dadini la feta greca (foto 19 e 20), unitela al condimento (foto 21) e fatela amalgamare a fuoco bassissimo e molto lentamente (foto 22 e 23).

   Condite le orecchiette al dente e spolverate con del pepe nero appena macinato.

Per quanto riguarda il vino da abbinare ad una pasta con i carciofi, non è poi così semplice come si crede, per via del particolare sapore che caratterizza proprio il carciofo in se.

In alcuni casi per esempio, come i carciofi alla trapanese che vi illustrerò domani, è consigliabile bere solo acqua, proprio per via del retrogusto particolarmente “ferroso” che lasciano in bocca queste verdure.

Come vino da bere con le orecchiette ai carciofi, feta e arancia, io ho scelto un San Giovanni della Sala uno dei bianchi meno noti forse delle cantine del Castello, un vino molto fine dal sapore leggermente fruttato che dona una gradevole sensazione di pulizia ed equilibrio al palato, a mio avviso, necessari, al cospetto di un piatto dal sapore deciso come le nostre orecchiette.

Commenti (8)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>