Super Food, Arezzo 10-11 Novembre 2012

Super Food Arezzo 10 11 Novembre 2012

Il 10 e l’11 novembre 2012 ad Arezzo avrà luogo Super Food un importante evento enogastronomico pensato per il grande pubblico che si pone come obbiettivo non solo quello di andare alla scoperta dei migliori prodotti tipici nazionali, ma anche di creare un incontro tra i vari produttori, spesso lasciati nell’ombra ed il consumatore finale, che avrà così modo di conoscere i retroscena della produzione e soddisfare le proprie curiosità direttamente alla fonte.

I cibi che non dovreste mai portare in aereo

cibi che non dovreste mai portare aereo

Siamo tutti d’accordo sul fatto che il cibo servito sugli aerei non sia il massimo dal punto di vista delle freschezza e del gusto. Spesso siamo tentati dall’idea di portarci del cibo da casa per gustarlo comodamente seduti in aereo. Ma non sempre le nostre scelte sono azzeccate. Anzi spesso scegliamo dei cibi non proprio adatti al viaggio per una serie di fattori. Ecco i cibi che non dovreste mai portare in aereo. Solo per fare qualche esempio, si sconsiglia di portare preparazioni a base di aglio o cipolle.

Pasta ai formaggi e frutta secca

pasta formaggi frutta secca

Sono un’appassionata di formaggi e se non fosse perchè un po’ di attenzioni alla linea sono necessarie, ne mangerei in continuazione. Ecco perchè nel mio frigo non mancano mai due o tre pezzi di formaggio, da mangiare con una fetta di pane a merenda oppure da utilizzare per cucinare, specialmente se ne restano solo pochi pezzi. La pasta ai formaggi e frutta secca io la considero un piatto della cucina degli avanzi, perchè la faccio sempre quando in frigo restano dei pezzi di formaggio che non saprei come utilizzare altrimenti. E la mia pasta non è mai la stessa, perchè in genere i formaggi possono facilmente essere sostituiti a seconda delle esigenze e di quello che ho in dispensa. Voi provate questa versione, è squisita!

Golosaria 2011, a Milano il 5-6-7 Novembre: rassegna di cultura e gusto

Golosaria 2011 Milano 5-6-7 Novembre rassegna cultura gusto

Anche quest’anno torna Golosaria, la manifestazione che unisce cultura e gusto promossa dal Club Papillon. Un’occasione per vedere riuniti i maggiori produttori d’Italia e per scoprire i nostri migliori prodotti: salumi, formaggi, vini, sughi, birra, cioccolato, per citarne solo alcuni …  Una manifestazione imponente ospitata in autunno da Milano e poi da Torino, e che in primavera trova la sua accoglienza nel Monferrato. Golosaria 2011 è un evento assolutamente da non perdere che racchiude in 3 giorni di manifestazione un enorme numero di eventi speciali.

Torta di formaggio, un antipasto goloso senza glutine

Qualche giorno fa avevo intenzione di preparare un vero tè all’inglese con dolcetti e qualche portata salata. Le idee non erano molte e non avevo molto tempo, però sfogliando il mio librone delle ricette ho trovato questa golosa ricetta di torta al formaggio. E siccome sono una grande appassionata di formaggi non mi sono lasciata sfuggire l’occasione di prepararne una, senza troppa fatica e in poco tempo. Non è proprio il massimo della leggerezza ma una volta ogni tanto si può sgarrare la dieta.

La torta al formaggio è una deliziosa torta salata che potrete servire come antipasto oppure al posto di un secondo piatto a tavola, accompagnato da un’insalata leggera. Io trovo che sia perfetta anche per un picnic all’aria aperta, quando il tempo ce lo permetterà. A differenza di tante ricette di torte salate a base di formaggio, questa torta non va cotta in forno e questo è un gran vantaggio specialmente se avete poco tempo a disposizione. L’unica piccola incombenza è quella di lavorare i formaggi morbidi e il burro in modo da ottenere delle mousse molto morbide e omogenee. Per il resto la procedura è semplice e il risultato ottimo è garantito. Ovviamente potete servire la torta di formaggi tagliata a piccole fettine da infilzare con uno stuzzicadenti, in modo da avere un perfetto finger food.

Happy Hour, ricette casalinghe

Già ieri abbiamo parlati di happy hour casalinghi e continuiamo oggi con qualche altro piccolo suggerimento per accogliere i vostri ospiti all’ora dell’aperitivo, ma anche a ora di cena. L’aperitivo a casa può tranquillamente essere interpretato come una cena in piedi, visto che nelle grandi metropoli l’happy hour è diventato proprio questo. Pagando solo una consumazione (e si va dai 5€ ai 10€, miglior rapporto qualità prezzo l’ho trovato a Torino  intorno ai 7€, cibo a volontà ed ottimi cocktail!) si cena praticamente, visto che i buffet spaziano dalle creme, ai primi piatti, ai secondi, passano per le verdure e le pizze, si assaggiano formaggi e fritture e a volte ci sono anche dei dolci!

Potete pensare a un happy hour magari per festeggiare un compleanno. Preparate tutte queste cose appena citate, aggiungete stuzzichini vari e infine dite ai vostri ospiti che potranno presentarsi per fare gli auguri e per mangiare qualcosa insieme dalle 19 alle 22. Ognuno arriverà all’orario che gli è più comodo, uscendo da lavoro o passando prima a casa, o anche arrivando sul tardi e potrà solo spiluccare qualcosa o cenare, visto che avrete preparato anche dei primi piatti e sicuramente tutta una serie di piccole cose che sazieranno! E’ un’idea da non sottovalutare, pratica e vi permetterà di sbizzarrirvi in tutta la vostra abilità culinaria!

Ricette con la zucca: purea di zucca e fagioli

fagioli e zucca

Facciamo una serie di brevi considerazioni su alcuni ingredienti di questa ricetta. La zucca è un ortaggio molto digeribile, che viene consigliato proprio a chi soffre di disturbi intestinali. Ha anche proprietà che vanno aldilà della cucina, infatti la sua polpa, cruda e schiacciata, è ottima da applicare sulle bruciature. E’ reperibile durante tutto l’anno, e si conserva benissimo anche per parecchi mesi, bisogna però avere l’accortezza di riporla in un luogo buio e asciutto.

Anche per i peperoncini piccanti ci vuole un occhio di riguardo per la loro conservazione. Se vengono conservati male possono perdere il loro sapore così caratteristico. Conviene metterli in barattoli di vetro e tenerli lontani da fonti di calore e di umidità. In estate però, soprattutto se sono freschi, vanno messi in barattoli scuri e riposti in frigo.

Aggiungiamo qualche altra notizia, sui semi di finocchio stavolta. Il loro utilizzo nella medicina popolare è arrivato molto molto prima che se ne scoprisse l’uso alimentare. In molti sanno che la loro azione digestiva è ottima, questo perchè favoriscono le contrazioni dello stomaco e stimolano la produzione di succhi gastrici. Inoltre combattono anche la ritenzione idrica.

Ricette semplici: la torta dell’ortolano

torta-dellorotolano

TEMPO: 20 minuti + cottura | COSTO: medio | DIFFICOLTA’: facile

VEGETARIANA: SI | PICCANTE: SI | GLUTINE: SI | BAMBINI: SI


A volte bisogna inventarsi in fretta qualcosa, si organizza una cena all’ultimo momento, o si chiede a degli amici se vogliono fermarsi a mangiare con noi, perchè la giornata prosegue bene e sarebbe triste separarsi proprio al momento di mettersi a tavola, e quindi anche se non era programmato si mangia tutti insieme!

Ecco, questa ricetta può essere perfetta per voi, se tenete sempre in casa della pasta sfoglia surgelata soprattutto o se avete la possibilità di andare a comprarla velocemente. Un po’ di verdure di stagione in casa non mancano mai, d’estate soprattutto ma in fondo anche in inverno, e lo stesso vale per le uova e il parmigiano grattugiato.

Con le verdure vi potete davvero sbizzarire, mettere tutte quelle che volete e completare anche, quando la torta si intiepidisce, con del mais o con qualche foglia di insalata, con delle olive o con dei pomodori belli freschi. La torta può essere un antipasto, da mettere in tavola mentre si finisce di preparare una bella e saporita pasta fresca, o può anche essere un ottimo accompagnamento per un pasto veloce, formaggi e salumi, da gustare proprio per il piacere della compagnia degli amici. E’ pratica da portare a una cena e sicuramente stuzzicherà il palato di tutti.

Vi consiglio, vivamente, di provarla.

Campania e Veneto a tavola fino al 20 dicembre

Fino al 20 dicembre 2008 Sorrento sarà protagonista di una serie di giornate gastronomiche dove i maggiori esponenti del mondo goumand internazionale si incontreranno per confrontarsi e “sfidarsi” . Saranno sul palco del Tasso per a “A teatro con i protagonisti, premio Villa Massa” e nelle sale del Vittoria per “Campania & Veneto si incontrano a tavola“.

In sala arriveranno anche 350 studenti provenienti dagli Istituti alberghieri e del turismo della Campania e della Puglia. Le Giornate Gastronomiche Sorrentine rappresentano un omaggio ai prodotti agroalimentari italiani e alle tradizioni enogastronomiche di eccellenza, uno degli appuntamenti del settore più importanti a livello nazionale. Si svolgono in un luogo, come la Costiera sorrentina, che ha raggiunto punte di eccellenza nell’arte della gastronomia, segnalate da tutte le guide.

Panini saporiti con salame e provolone

TEMPO: 45 minuti | COSTO: medio | DIFFICOLTA’: media

VEGETARIANA: NO | PICCANTE: NO | GLUTINE: SI | BAMBINI: SI


Ho preparato questi panini da servire con gli antipasti, ma si possono consumare anche durante il pasto in sostituzione del pane normale. Preparati con abbondanza, si possono congelare, come tutto il pane e usarli quando c’è una emergenza.

Panini saporiti con salame e provolone

Ingredienti per 4 persone:

un cucchiaio di olio extravergine di oliva |Poco latte | 150 gr di salame con occhiatura media | 100gr di provolone, dolce o piccante a seconda dei gusti (eventualmente si possono aggiungere avanzi di altri formaggi a consistenza media) | Alcune olive verdi denocciolate e tagliate a filettini | Sale e pepe

Cultura culinaria: un libro di ricette casertane

E’ da poco uscito in edicola e libreria per i tipi de Il raggio di luna editore il libro “Le ricette di Terra di Lavoro” di Maristella Di Martino che, dopo “Le ricette di Salerno” e “Le ricette dell’Irpinia”, torna a raccontare la cucina del territorio.

Assoluto protagonista è stavolta il Casertano, di cui l’enogastronoma raccoglie ricette raccontate dagli chef dei migliori ristoranti ed agriturismi, ricostruendo l’identità a tavola del comprensorio attraverso la tradizione secolare e la ricerca degli ultimi anni.

Per dare un’idea della mole del lavoro, così imponente da meritarsi una recensione su Ginger&Tomato, basterà citare le 520 ricette: 50 zuppe ed altrettante verdure, 100 tra pasta e sughi, altrettante tra carni e formaggi, 15 tra uova e frittate, 70 dolci e 40 varie, oltre ad un ricco capitolo sulla cucina delle stagioni che contiene ben 95 piatti.

Formaggi: il plateau a regola d’arte!

Dopo una cena importante, la selezione di formaggio da degustare prima della frutta è un piacere irrinunciabile!
Come preparare un vassoio perfetto? Basta seguire alcune semplici regole.
Le tipologie
Per un plateau classico scegliete un formaggio di capra, un pecorino e tre tipi a latte vaccino: delicato, saporito ed erborinato (cioè con le venature blu-verdastre).
Un’alternativa più corposa, ideale quando ci sono molti ospiti, è realizzare due o tre piccoli taglieri a tema: di capra o pecora, di tipologie fresche, di soli formaggi molli oppure duri, tutto italiano o tutto francese.
Un buon assortimento, sicuramente tutto da “apprezzare” può essere composto da un pecorino, Caciocavallo, caprino fresco e Goronzola.