Cotoletta alla palermitana

Dite cotoletta e pensate alla cotoletta alla bolognese, ma oggi proponiamo la ricetta della cotoletta alla palermitana, variante meridionale della tradizionale cotoletta croccante e fritta adorata anche dai bambini. La caratteristica della ricetta è data sostanzialmente dalla presenza di ingredienti tipici, dalla vitella al pecorino siciliano.

cotoletta alla palermitana, Bavette alla bottarga dalla Prova del Cuoco

Non viene invece prevista la presenza dell’uovo che dovrebbe essere usato nella frittura: cambia anche la modalità della cottura. 

Ricette da Israele ad Expo 2015, lo shnitzel di pollo

Apparentemente una classica cotoletta alla milanese, lo shnitzel di pollo è invece una ricetta proveniente da Israele che oggi vogliamo inserire tra quelle di Expo2015. Prima di azzardare qualsiasi similitudine vi avverto subito: la differenza sostanziale sta, innanzitutto, nel tipo di carne utilizzata, quì quella di pollo in sostituzione del manzo. Ma non solo.

Israele Expo ricette shnitzel pollo

Cotoletta impanata nella frutta secca di Molto Bene

In cucina basta veramente poco per trasformare la solita pietanza in qualcosa di assolutamente originale. Prendete ad esempio la classica fettina di carne: di seguito vi spiego come trasformarla da una comune cotoletta in uno sfizio irresistibile. La cotoletta impanata nella frutta secca di Molto Bene è un secondo piatto adatto a stupire i propri commensali. Il segreto sta nella panatura alternativa, ma come si ottiene?

Cotoletta impanata nella frutta secca

Come si prepara una cotoletta perfetta

Come si prepara una cotoletta perfetta

La cotoletta è uno dei secondi piatti più apprezzati che ci sia. E’ anche uno di quelli che si prepara in maniera estemporanea, con pochi ingredienti facilmente reperibili in qualunque dispensa e nonostante ciò risulta sempre gradita tanto da venire spazzolata nel giro di pochi minuti. Preparare una cotoletta perfetta è facile ma alcuni piccoli accorgimenti possono portare ad un risultato impeccabile che faccia la differenza. Ecco quali sono.

Cibo italiano a Londra, apre “Italian Farmers”

Cibo italiano Londra Italian Farmers

Finalmente a Londra, uno dei paesi in cui è possibile trovare più che negli altri il maggior numero di piatti italiani tarocchi apre Italian Farmers, il primo negozio ad offrire ai clienti londinesi del cibo 100% italiano. Una gran bella notizia per chi ami la cucina nostrana e voglia assaporarla e conoscerla nella sua autenticità. La prima bottega italiana di Campagna Amica fornirà ai clienti non solo i nostri migliori prodotti, ma anche la possibilità di degustare gli acquisti appena effettuati presso spazi dedicati. Sita in una posizione altamente strategica, a poca distanza dalla stazione della metro di Finsbury Park e vicino all’Arsenal Stadium, Italian Farmers arriva in un momento propizio.

Menù sano per bambini

Menù sano bambini

Anche i bambini possono essere dei buongustai. Spesso crediamo che si accontentino di tutto. In realtà è bello anche prenderli per la gola con piatti che siano golosi ad i loro occhi ma allo stesso tempo sani. Ecco quindi un menù appositamente pensato per loro. Come primo ho scelto un risotto, cremoso e filante, come secondo le sempre amate cotolette ma arricchite con della frutta secca, che fa sempre bene, ed infine un dolcetto per farli felici, la panna cotta. Che ne dite, vi piace l’idea? Ecco il menù sano per i bambini.

Straccetti in crosta di polenta: successo sicuro!

straccetti crosta polenta successo sicuro

Se state pensando alle solite cotolette vi sbagliate di grosso. Gli straccetti in crosta di polenta sono un po’ più di una comune cotoletta, anche se in realtà gli somigliano tantissimo. La differenza fondamentale sta nel fatto che mentre le cotolette si impanano nel pangrattato, queste fettine di carne dovrete impanarle in una miscela di farina bianca e farina di mais, per intenderci la stessa farina gialla che si usa per fare la polenta. Il risultato è una fetta di carne croccante, gustosissima, un po’ fuori dal comune, che potrete accompagnare con il contorno che preferite, da una semplice insalata fino al classico purè di patate. Questa ricetta è perfetta anche per un pranzo all’aperto o per un pic-nic perchè le cotolette restano croccanti anche se sono tiepide. Io le ho provate ieri e considerato il fatto che sono sparite in pochi minuti, dieri che sono state molto apprezzate!

Cotoletta alla valdostana, un piatto perfetto anche per i bambini

cotoletta valdostana piatto carne bambini

Nel variegato mondo delle cotolette c’è spazio per soddisfare tutti i gusti, ma la cotoletta alla valdostana resta una delle mie preferite. La ricetta originale è un piatto di carne nvernale, molto sostanzioso, tra i cui ingredienti figura la fontina e il buonissimo tartufo bianco che conferisce alla ricetta un sapore unico e delicato. Per questa versione  però, l’ispirazione proviene dalla seconda variante della famosta cotoletta valdostana che contiene il prosciutto. Magari l’aggiunta del prosciutto non sarà apprezzabile per gli appassionati di ricette originali e sapori tradizionali, ma secondo me può essere un modo per rendere un po’ più interessante un piatto molto conosciuto. Tentare non nuoce e quando ho letto questa ricetta ho deciso che valeva la pena provarla. E’ un piatto ideale per i bambini o per chi ama la cucina veloce ma gustosa.

Scaloppine al curry, un secondo sempre di classe

scaloppine curry

TEMPO: 30 minuti| COSTO: medio| DIFFICOLTA’: media

VEGETARIANA: NO | PICCANTE: NO | GLUTINE: SI | BAMBINI: SI


Le scaloppine sono un po’ come le cotolette, mi spiego meglio per intenderci a pieno. La scaloppina è un piatto da mamma, così come la fettina panata o cotoletta che sia, ovvero una di quelle cose che finchè sei bambina, o comunque sei nel nido, mangi con moltissimo piacere, ne sei golosa anche (io adoro le scaloppine), ma che poi tu non prepari mai!

Magari questo discorso vale solo per me, nel senso che da quando vivo da sola, e ormai sono più di tre anni, non ho mai preparato nè una cotoletta nè una scaloppina! Ma come, direte voi, ti piace cucinare, ti gingilli per tutti i piatti che cucini bene, e poi non sai fare una fettina panata?! Non è questione di non saper fare credo, e più un discorso di tempo, la fettina la faccio in padella, non mi metto a sbattere uova, a girare la carne nella farina…

Vabbè, io mi riprometto di prepararmi da sola questi piatti, e di non ridurmi a comprare le cotolette già pronte e a mangiare le scaloppine solo al ristorante, ma voi provate questa ricetta, nostrana e un po’ orientale, grazie al curry.

Il culatello e le varie parti della carne di maiale

Le parti molto richieste nel maiale sono relativamente poche. Solo il 60% della carne di un maiale può essere venduta fresca, della parte restante il 35% viene insaccato. Arrosti, tagliati da cotoletta, prosciutto e spalla, formano solo il 34% di un maiale ben cresciuto. Con ciò si spiega anche il suo prezzo elevato. L’età ed il tipo dell’alimentazione sono decisive per la qualità della sua carne. Nella cotoletta anche un profano diviene intenditore: maiali giovani hanno cotolette più piccole con un bordo di grasso relativamente largo e sono più chiari nella carne; animali più adulti presentano cotolette più grandi con carne rosso scuro e con fibre più grasse.

Nei primi giorni dopo la macellazione la carne di maiale ha il miglior sapore. Il macellaio distingue nel prosciutto il soccoscio, la parte interna, la noce ed il fianco. Questi sono i pezzi più richiesti e più cari. Dal soccoscio e dalla parte interna si tagliano le fettine, particolarmente morbide dalla noce e dal fianco. Il soccoscio non è tanto richiesto come arrosto. La spalla viene divisa in scapola e falso filetto: tutte le parti si addicono eccellentemente per arrosti. La coppa è una parte mista, i cui fasci muscolari sono adagiati in sottili strati di grasso: con l’osso ci dà un arrosto saporito, senza osso e nella stessa qualità è proporzionalmente più caro; tagliata in fette viene offerta come cotoletta di coppa.