Utensili in silicone: sicuri, belli e pratici in cucina

utensili silicone sicuri pratici cucina

Basta imburrare e infarinare. Basta strofinare teglie incrostate e maneggiare materiali pesanti. Con gli utensili di silicone, pratici, leggeri e versatili, la vita in cucina è molto più semplice. Ormai sono sul mercato da un bel po’ di tempo, ma non tutti hanno già sperimentato i vantaggi dell’uso di una forma per ciambella o per muffin in silicone, oppure di un comodo mestolo o di un gira-frittata. Il silicone alimentare, conformemente alle norme internazionali che regolano l’uso dei materiali destinati al contatto alimentare, può essere considerato un materiale sicuro. Gli utensili in silicone sono facilmente lavabili, flessibili, antiaderenti e molto resistenti. Resistono a temperature molto elevate in forno (fino a 280 ° C) e molto basse in freezer (fino a -40° C) e possono essere utilizzati per più di 3000 cotture. Con gli stampini o le teglie in silicone potrete surgelare o cuocere in forno, senza timore di sbagliare!

La cucina come arte

Sono sempre stata convinta del fatto che la cucina sia una vera e propria forma d’arte. Il procedimento, e molto spesso anche i risultati, possono essere paragonati senza alcun dubbio alla produzione di quadri, fotografie, canzoni, libri e film, un’arte vera e propria, a tutto tondo. E’ chiaro che non è così per tutti e non possiamo generalizzare, soprattutto quando si parla d’arte non va riconosciuta sempre e per forza a tutti la bravura d’autore. La creatività che mettiamo quando cuciniamo non è uguale in ogni momento, per ogni pietanza e chiaramente varia anche da persona a persona, ma proviamo a seguire i procedimenti base, e non potrete far altro che darmi ragione.

Una galleria di immagini per le torte più belle del web!

Torte (7)

Quando ci troviamo davanti a delle torte così belle, decorate, a piani, non possiamo far altro che restare a bocca aperta e chiederci se le nostre mani saranno mai in grado di preparare qualcosa del genere. Certo, alcune/i di voi probabilmente hanno molta dimestichezza con le glasse e con il fondente di zucchero, con le decorazioni in generale e con la Sac à Poche, però se guardate queste immagini vi rendete conto che vengono fuori proprio dalla mano di un artista, una persona nata per decorare dolci e per lasciare sbalorditi i bambini, i ragazzi e anche gli adulti che si troveranno di fronte questi capolavori di vera e propria arte culinaria.

Io credo che l’inventiva c’entri poco, alla fine se si ama qualcuno, che sia un figlio, un compagno, un genitore o un amico ci vengono fuori mille possibilità per decorare un dolce, così come per un giorno speciale non ci facciamo problemi a preparare loro il piatto preferito o a portarli a cena nel ristorante prediletto o anche a comprargli quel regalo che proprio desideravano. Ma per dar forma a certe torte ci vuole abilità esperienza, e anche tanta tanta pazienza!

Nodi, cuoricini, chitarre, motorini, camper, uomini e donne in piedi o distesi, e poi meravigliose le torte per le bambine e le ragazzine, tenere e colorate, delicate. Se ci pensate poco importa cosa si nasconde dentro questi capolavori, ci sarà del Pan di Spagna, un ripieno di crema, cioccolato, fragola o nocciole, pensate all’effetto che può dare affondare un coltello in tutto quello zucchero e poi lentamente arrivare al morbido impasto: una delizia per gli occhi e per il palato!

Cucina & Design: la bellezza delle tazze usurate

tazza stain

Il tempo passa inesorabile, tutto muta e si trasforma, invecchia. L’usura della vostra tazze da tè o caffé preferite vi preoccupa? Siete di quella razza diffusa che, pur di non rovinare il set da té della nonna, tramandato di generazione in generazione, preziose porcellane a livello emotivo, lava tutto solo a mano con estrema delicatezza ed amore?

Bene. Cari i miei precisetti, il vostro incubo peggiore quindi è il passare del tempo. Difatti le stoviglie e il vasellame, più è usato più tende a perdere quella purezza iniziale di appena uscito dal negozio e soprattutto, si riempie di macchie.

Che fare?
Tranquilli, la soluzione è a portata di mano. Invece di tediarvi e tediare chi ha la fortuna di condividere con voi casa e cucina, c’è chi ha prontamente pensato a come intevenire per sovvertire l’inesorabile trascorrere del tempo, piegando al proprio favore l’invecchiamento degli oggetti.

Ci viene in soccorso il sito tea finely brewed, curioso blog che seguo da un po’, dedicato a tutti i té addicted. Peculiarità del sito è sicuramente quella di svelare trucchi ed elargire consigli a chi si muove nel mondo dei santi bevitori di té. Stavolta ci apre l’orizzonte della scelta della tazza da té, proponendo una divertente alternativa a quelle che siamo abituati ad usare.

Sto parlando di Stain Teacup, le tazze da té che rivelano il decoro solo dopo costante utilizzo. Più vengono usate queste particolari tazze, più si ha la matematica certezza che  diventeranno ancor più belle.

Perchè?

Idee per il Barbeque: grigliando polpette

meatball-griller Gioia mista a stupore alla visione di questo portento di griglia! Voi amanti delle scampagnate e che non mangiate all’aperto se non carichi di carbonella e salamelle, voi maestri nell’arte dell’accendere il fuoco anche con due sassi, voi perfetti fuochisti, esultate!

Ecco una scoperta che cambierà ed amplierà la gamma delle vostre specialità culinarie da proporre durante le vostre perfette giornate di brace. Perchè non unire la magia del barbeque all gusto delle polpette?

Perchè diciamolo, le polpette da che mondo è mondo, sono irresistibili per chiunque. Piccole, grandi, succulenti, aromatizzate, vegetariane, ripiene… quelle della nonna! Ginger & Tomato ne ha proposte di varianti da sbavare.

Questa è una valida alternativa per grigliarle, in quantità, velocemente ed ordinatamente. Geniale strumento per godere in pieno di fumosi profumi di brace.

Proposto da Williams Sonoma alla modica cifra di $49.99. Pesanti polpette fatte in casa con la vostra super ricetta segreta?

No problem. Questo è davvero quello che stavate aspettando. Il Meatball Grill Basket è super resistente, concepito e costruito in una forte struttura di acciao per sorreggere e cuocere le vostre polpette preferite. In più tutta la superficie è bucherellata, in modo da permettere alle carne di far colare il grasso in eccesso, nella perfetta salubre tradizione della grigliata.

Aperitivo a Milano: giovedì sera in Triennale!

triennale milano

Ecco una delle soddisfazioni di abitare a Milano. Preziosa iniziativa questa della Triennale di Milano. Attiva già da un po’, ha preso piede alla velocità della luce, ma solo ora mi sento pronta ad affrontarla.

Questa è la proposta per oggi: 10 euro Speciale Triennale (Triennale Design Museum, tutte le mostre e Aperitivo al DesignCafé)

Sto parlando dell’aperitivo in Triennale il giovedì sera: la Triennale rimane aperta fino alle 23.00 e da la possibilità di aperitivo e cena con Cracco. Si avete letto bene, fino alle 22.00, quindi dopo l’aperitivo, è possibile cenare alla Triennale di Milano, alla carta con le proposte ideate ed elaborate dallo chef Carlo Cracco.

Oggi casualmente è giovedì. Che faccio, provo? Credo che stavolta sarà diverso.

Fino ad ora ho consapevolmente, fermamente e volutamente snobbato questo evento. Con sommo rammarico, visto che l’attrazione verso questo genere di situazioni è forte. Ma la mente è stata più forte del cuore, ho resistito con le unghie a lasciarmi trascinare nell’ennesimo evento che mi avrebbe stancamente deluso. Perchè alla fine la delusione che ogni meravigliosa occasione Milanese come questa si trasformi in un perfetto HAPPY HOUR DI PAURA, stanca.

Ribadisco. Stavolta sarà diverso.

Cibo e fotografia: le immagini pop di Liz Wolfe

liz wolfe

Cosa hanno in comune una giovane fotografa, colori sgargianti e cibo ambientato in location super- pop? Stiamo per varcare la nuova frontiera della fotografia di food, e tutto grazie alle nuove e fresche immagini di una giovane e promettente fotografa: Liz Wolfe.

Fotografa e artista Canadese che con le sue immagini gioca con le cromie, elementi di contorno, composizione… facendo riconoscere in ogni suo scatto la sua inconfondibile firma. Immediata.

Già tempo fa grazie a Ginger&Tomato ci siamo addentrati nel mirabolante mondo di chi del cibo come comunicazione ne ha fatto un serissimo hobby, chi addirittura ci vive lavorando duramente e proponendo idee sempre nuove per parlare attraverso l’arte culinaria. Come per esempio tutti i foodblogger che imperversano nella rete tra gare, concorsi e nuove ricette, oppure la nuova interessante moda che si sta diffondendo finalmente anche in Italia, di catering multi-sesnsoriali ed eventi socio-gastronomici.

Questa è la volta di  Liz Wolfe., colorata, surreale ed eccessiva. Da una visone del cibo sicuramente singolare e personalissima. Non si può che rimaere colpiti, nessuno è indifferente alle sue interpretazioni di ingredienti, elementi e contesti. Questo scricciolino di ragazza ha una fucina di idee e di visioni da far impallidire il più fanatico dei fanatici in ambito enogastronomico.

La suddetta signorina riesce a mescolare teste di coniglio, zampe di gallina, lollipop e brintallini in composizioni su fondi a squillanti colori, trasformando il cibo in un poetico giocattolo. Vedere per credere.

Aperitivi & bicchieri: è di qualcuno questo bicchiere?

someonescup

Sempre per rimanere in tema aperitivi & bevande,  sento il bisogno di segnalare un problema che mi sta affliggendo in questi giorni estivi di happy hour con gli amici: qui lo dico e non lo nego, se c’è una cosa che odio è quando nel bel mezzo di una serata mi sparisce il bicchiere.

Luogo del misfatto? Il famigerato aperitivo nei locali con tavoli degnamente imbanditi per l’occasione, con il continuo viottolo  avanti e indietro per procacciarsi il cibo, quello che alla modica cifra di  una bevuta ti permette di mangiare  e spelluzzicare qua e la.

Il lato divertente di un buffet in piedi, una festa o un aperitivo è sicuramente quello di potersi muovere, chiaccherare girando per il posto. Uno degli inconvenienti più fastidiosi di questi sempre più usuali eventi socio-gastronomici è che non prevedono di stare fermi e seduti ad un tavolo, quindi le mani sono sempre super impegnate tra bicchieri, cellulari, sigarette e finger food. Ed è li che accade il fattaccio: appoggi il bicchiere un attimo, lo lasci li accanto a te, ti distrai un attimo e…. riesce a sparire nel giro di un secondo, più veloce di un bimbo appena entrato al supermercato. E magari era ancora mezzo pieno!

Fosse per me scriverei il nome di ognuno su ogni bicchiere, prorpio come alle feste delle medie. Ma c’è chi ha aguzzato l’ingegno, trovando una soluzione ancor più divertente e di sicuro appeal per una interessante linea di bicchieri.

Estate e design: ironiche alternative alla dieta per la prova costume.

asparagus plateL’estate si avvicina inesorabile, e con lei anche l’imminente e l’incubo della prova costume.  In questi giorni non sento altro che parlare di dieta, salute, sport…. il caldo mi attanaglia nel corpo e nella mente, sono esausta da ore di nuoto, arrivo a sera e fisso il mio misero piattino per cena, mezzo vuoto con insalatina malcondita e dietetico pollo ai ferri.

Un incubo. Di birra o vino non se ne parla neanche.

Stanchi di diete miracolose, micro porzioni ed estenuanti sedute in palestra o nei centri massaggi? Sapete perchè tutto questo si sta trasformando in un vero e proprio dramma?

Facile. Perchè siamo come i bambini, le cose serie non ci piacciono, controvoglia la nostra costanza e l’impegno a portare a termine qualcosa tentenna. Personalmente devo riderci abbastanza sopra e tornare a giocare con il disagio per vivere meglio Ecco quindi la mia soluzione, scovata tra i miei giri iperbolici sul web.

Invece di fissare delusi e depressi il piatto scarno di golosità e prelibatezze, mentre sognamo maritozzi con la panna o salamelle grondanti maionese, adesso possiamo dilettarci col gioco più intuitivo che l’infanzia con la settimana enigmistica tra le mani ci ha insegnato ad amare: l’arte di unire i puntini.

Ecco a voi Connect the Dots , il piatto che nasconde un disegno visibile solo unendo i punti in ordine crescente.

Anti-Theft Lunch Bags: non toccare la mia merenda!

lunch_bag_1
Stanchi di farvi rubare pranzo o merenda che sia dalle dita e dalle mani appiccicose di colleghi e collaboratori? C’è qualcosa di più odioso e disarmante di abili coinquilini nell’arte del frigo-taccheggio? Solo chi ha provato la spiacevole sensazione sa di cosa parlo. In ambito domestico può portare a drammi familiari, liti furibonde e una delle prime cuse di divorzio. E’ uno dei problemi sempre più diffusi in ambito lavorativo, da quando è tornato in auge portarsi il pranzo da casa o il ben noto schiscettino (per dirla alla milanese!)
Proteggete il vostro pranzo.
Anche voi, dite basta!
Basta al farvi togliere da sotto il naso il pranzo accuratamente preparato il giorno prima, basta al rapimento dell’ultimo boccone tanto ambito e conservato gelosamente, basta alla delusione del panino desaparecidos in preda ai morsi della fame.
Adesso avete a portata di mano la soluzione. Pratica, veloce e indolore. Finalmente alla fatidica domanda me ne dai un pezzetino o mi fai assaggiare il tuo pranzo, non avrete più bisogno della risposta pronta o la scusa balbettata. Basterà sfoderare il vostro sacchetto anti taccheggio, il praticissimo anti-theft lunch bags.
Ancora non conoscete questo prodigio dell’ingegno?

Cucinare è un’ arte? Nuovi e curiosi piatti da portata

piatto-cornice

Cucinare è un arte? Beh beh, suona tanto come una domanda retorica. A grandi linee direi assolutamente di si. Ferran Adria lo ripete fino allo sfinimento. Facile da affermare quando sei considerato uno dei migliori cuochi al mondo. Ma come facciamo noi comuni mortali che ci affrettiamo a far la spesa appena usciti da lavoro, oppure che ci inventiamo cene estemporanee con frigo praticamente vuoto? Come possiamo imparare questa innata arte? E se non fossimo proprio capaci di rendere speciale ogni nostro piatto?

C’è chi ci ha riflettuto parecchio su questo dilemma. Immagino la scena amletica di arte o non arte, esaminando i pro e i contro, fino poi ad arrivare ad una equa soluzione che ponesse tutti sullo stesso piano e con lo stesso punto di partenza.

Presumo che sia questo il fine primo dell’idea da cui nascono questi piatti: per togliersi ogni dubbio sul concetto di arte culinaria o sulle peculiarità che una ricetta deve possedere, il design ci viene in soccorso, concependo questi particolari piatti da portata.

In effetti, quando abbiamo tra le mani qualcosa di prezioso, quanto attingiamo a tutta la nostra creatività,  fatto giusto giusto dalle nostre sante manine, nasce dal profondo di noi stessi il desiderio di incorniciarlo per conferire un aurea di sacralità e rispetto per tanto lavoro e passione.

Può un uovo al tegamino raggiungere tali vette di sacralità e arte?

Cucina e Design: Pop’s’stache, bevendo sotto i baffi!

pop's'stache

Donna baffuta sempre piaciuta? Al di là di domande etiche ed estetiche (non è questo il luogo per pensieri così profondi), a cosa associate i baffi in ambito sociale e eno-gastronomico?

La definizione per eccellenza di un lauto pasto è assolutamente da leccarsi i baffi. Poi ci sarebbero i tempi passati dei baffi di latte dopo il caffelatte e biscotti, e anche chi se la ride sotto i baffi.

Probabilmente Shane Blomberg, Andrew Reeves and John Healy, i tre designer che hanno avuto questa idea, se la stanno davvero ridendo sotto i baffi. O quantomeno bevendo.

Ecco a voi Pop’s’stache, i primi baffi da bottiglia, da attaccare alla vostra bevanda preferita, per poter bere sotto i baffi. Sicuramente, vista la varietà di tipologie di baffi che hanno messo a disposidione, riconoscerete la vostra bottiglia tra mille.

Quale stile vi rappresenta di più, di questi stilosissimi baffoni di plastica?

Prodotti Dharma, subito a casa tua !

dharma-mix

Se non siete spassionati fan della serie Lost, probabilmente tutto questo non vi farà né caldo né freddo. Questi prodotti, con queste etichette non vi sembreranno altro che banali prove di stampa di chissà quale giovane grafico. Se invece fate parte della nutrita folla si super addicted della ormai celebre e celebrata serie televisiva Lost, continuate a leggere: tra poche righe potreste trovare la soluzione per realizzare un vostro recondito sogno.

Voi che vi vantate di non aver perso neanche una puntata, avete presente il progetto  Dharma, giusto? Ecco, allora vi sarete sicuramente fatti catturati dal fascino misterioso delle etichette  dei prodotti Dharma, oramai segno inconfondibile di Lost e della vita sull’isola.

E’ incredibile come le confezioni e la grafica di questi prodotti abbiano colpito la fantasia del pubblico, sono bastate due o tre puntate e mi sono rimaste stampate nel cervello.

Avere prodotti dharma in dispensa non è il sogno un po’ di tutti? O solo mio sogno segreto?
Per me, adesso è un bisogno impellente. Io, in questo momento devo averli assolutamente.

Come fare, calcolando che non sono in commercio?

Gli strumenti del mestiere: cosa serve ad un provetto pasticciere?

patisserie42
Chi ha la passione per la cucina, soprattutto per i dolci, molto spesso cimentandosi nella preparazione di questo o quel dessert si trova a dover fare i conti con gli strumenti del mestiere.
Fino a che si tratti di utilizzare strumenti comuni che sono presenti pressochè in tutte le cucine ( eccezione fatta per quelle dei singles), non ci sono problemi, ma quando la ricetta richiede il termometro per misurare la temperatura del cioccolato durante il temperaggio, o il caramellatore (avete presente la crosticina della creme brulèe ?) allora le cose diventano più complicate.