Roma Whisky Festival, il 2 e il 3 marzo nella Capitale

Tutto pronto per l’ottava edizione del Roma Whisky Festival, il festival dedicato alle etichette di spirits in degustazione e che si terrà il 2 e il 3 marzo nella Capitale, presso il Salone delle Fontane al’Eur.  

Eventi, ospiti, internazionali, contenuti ed experiences: il formato che nel corso degli anni ha assicurato il successo della kermesse non cambia e si punta ancora sul whisky tasting con ben 2000 etichette proposte dalle aziende. Spazio naturalmente a masterclasses, seminari mixology e un’area bar del tutto rivisitata. 

A Tutta Torba!, l’evento di Roma dedicato ai whisky

Appuntamento con i migliori whisky torbati fissato a Roma nella giornata di domenica 2 dicembre: la terza edizione di A Tutta Torba! Si terrà presso il Chorus Cafè con la partecipazione delle migliori distillerie scozzesi e internazionali. 

Un evento interamente dedicato interamente ai whisky torbati, con la presenza di centinaia di etichette, bottiglie vintage e rare che potranno essere gustate presso il collector’s corner: tra le etichette partecipanti, circa 30 bottiglie rare di whisky tra cui, Ardbeg 1974 Spirit of Scotland – 500 Years of Scotch Whisky, Limited Edition, Bowmore 1980 – 21YO Dun Bheagan Collection, Talisker 25YO imbottigliato nel 2007. Ci sarà anche un’area affidata allo street food romano del Maritozzo Rosso che verrà farcito con le delizie della gastronomia romana da abbinati ai prodotti tornati della rassegna. 

Ricette veloci dolci, coppette di pesche all’amaretto

ricette veloci dolci coppette pesche amaretto

Promesso: non dovrete accendere il forno! E’ il 14 di agosto, giornata notoriamente calda che segna l’inizio dell’ultima parte dell’estate. C’è troppo caldo per pensare di stare ai fornelli e di accendere il forno e la torta di nonna papera la riserviamo per l’autunno, quando le giornate si saranno rinfrescate. Per oggi secondo me, è molto meglio un dolce fresco, veloce da fare e leggero, che unisca la freschezza e la dolcezza della frutta con il leggero sentore alcolico del whisky.

Si tratta delle coppette di pesche all’amaretto, una vera delizia per adulti, fatta di pesche cotte con lo zucchero e una spruzzatina di whisky e poi ricoperte di gelato alla vaniglia (ma volendo anche alla panna o alla crema) e amaretti sbriciolati. Se a pranzo oggi ci sono anche dei bambini, per loro preparate solo il gelato alla vaniglia con gli amaretti!

Ricette estive veloci dolci, panna montata al whisky

ricette estive veloci dolci panna montata whisky

Questo è decisamente un dessert per i grandi! La panna montata al whisky è un ottimo fine pasto, di certo non è un dolce dietetico, ma è estivo e veloce, leggero e fresco quanto basta per concludere ad esempio un pranzo a cui non ci si può sottrarre nemmeno in estate. Parlo di orde di parenti e preparazioni che magari andrebbero bene più con il freddo, grandi abbuffate non adatte alla calda stagione, troppe chiacchiere da sopportare con la calura estiva! Si, forse la sto facendo troppo lunga dipingendo scene da film tragicomico, ma è pur vero che a volte queste riunioni diventano pesanti perchè si mangia troppo!

Se avete la possibilità di cucinare qualcosa voi puntate su piatti leggeri, Ginger&Tomato offre moltissimi spunti, e poi concludete con questo dessert al cucchiaio speciale, e se ci sono dei bambini vi basterà solo non aggiungere il whisky a una una parte di panna

Dolci facili, crema alla panna con whisky

dolci facili crema panna whisky

Cosa possiamo preparare di buono oggi? Che ne dite di una ricetta dolce molto facile che prevede l’utilizzo di pochi ingredienti? Abbiamo pensato alla crema con la panna e il Whisky, ci mettiamo all’opera? La ricetta, come vi dicevo prima, è davvero semplice e vi terrà impegnati in cucina solo per poco tempo.

Però dovrete prepararla in più fasi, questo perché prima bisognerà preparare la crema e farla risposare in frigo per almeno un paio di ore e poi continuare con il resto della ricetta. Di conseguenza se per esempio volete fare questo dolce per la cena sarà meglio iniziare la preparazione nel primo pomeriggio.

Dolci d’estate: il budino della zia Ida

budino-della-zia-ida

TEMPO: 1 ora circa | COSTO: basso | DIFFICOLTA’: media

VEGETARIANA: SI | PICCANTE: NO | GLUTINE: NO | BAMBINI: NO


Questo dolcino, nonostante il nome che richiama quasi immediatamente ai fanciulli e nonostante il resto del titolo “zia Ida” che può far pensare a qualcosa di genuino e un po’ casereccio, bè, diciamo che il testo della ricetta potrebbe davvero portarvi fuori strada!

Questo budino è davvero adatto per una serata tra amici. Offrite qualcosa da bere, magari di forte, whisky, rum, o anche qualche cocktail che però non sia molto fruttato, e poi vi presentate ai vostri ospiti, magari in giardino, o sul terrazzo, ma andrà benissimo anche nel vostro salottino, con questo delizioso budino superalcolico! Certo, può andare bene anche dopo una cena, ma io credo sia davvero perfetto se invitate a casa degli amici direttamente sul tardi, perchè fuori è troppo caldo, o perchè sono amici che non vedete da tempo e volete fare due chiacchiere tranquillamente, insomma, questa è un dolce davvero da gustare come se fosse un liquore di quelli vischiosi, che si bevono lentamente, ed è giusto ogni tanto concedersi anche una serata così, senza fretta,  evitando il caldo dei locali e la confusione dei banconi, senza però farsi mai mancare qualcosa di buono da mangiare e da offrire.

Ingredienti base per un buon aperitivo: Parte 1

«Liscio, con soda, o con ghiaccio?». Quante volte vi sarà capitato di rivolgere questa domanda agli amici che avete invitato per un drink a casa vostra! Invitare gli amici a bere un aperitivo (ma lo sapevate che era già in voga ai tempi dei persiani?) oppure un cocktail è certamente un modo piacevole per iniziare una serata che potrà poi continuare con una cena e concludersi ancora all’insegna di un allegro «cin cin». Naturalmente ci si può limitare all’aperitivo classico (un bitter, un vino bianco secco o spumante, oppure un vino-aperitivo come Madera, Porto, Sherry) o all’altrettanto classico whisky o brandy liscio oppure «on the rocks», ma se si vuole stupire gli amici ci si può sbizzarrire con la fantasia e cimentarsi in qualche sapiente fusione di sapori e colori.

 Non occorre avere l’esperienza di un professionista dello shaker e nemmeno un’attrezzatura degna di un bar! A volte bastano poche bottiglie «base» – perfino una sola – più qualche modesto ingrediente (ghiaccio, sciroppo di zucchero, succo di frutta, seltz o soda) e qualche arnese del mestiere (lo shaker,il mixing glass, lo strainer) più, ovviamente, delle valide ricette, per divertirsi (coinvolgendo magari anche gli amici) a preparare degli aperitivi che predispongono a gustare meglio il pranzo o dei drinks che rendano più allegra la serata.

Una ricetta per tutti gli amanti della carne, la Tagliata di manzo al Whisky

Tutti gli appassionati della carne, non possono far a meno di conoscere la tagliata, succulenta bistecca di manzo che deve esser cotta al punto giusto, per mostrarsi fuori scura e rude ed internamente rosa e tenera.

La sua tenerezza è svelata proprio dal taglio che si fa a fine preparazione, per mettere in risalto la cottura al sangue e per poter far insinuare in modo migliore i sughetti di cottura o i condimenti con i quali si usa cuocere questo tipo di piatto.

La tagliata di manzo si può fare con differenti parti del manzo la più prelibata è quella fatta con il filetto, ma per la preparazione di questo piatto, si può usare anche lo scamone, un taglio ricavato dalla parte posteriore del bovino. Una volta adagiata sul piatto si condisce in vari modi, tra i più conosciuti l’accostamento con la rucola ed il grana padano, o con l’aceto balsamico. Noi vi proponiamo di provare la Tagliata di manzo al Whisky.