Pennette di Kamut ai tre pomodori di Marco Bianchi

Pennette di Kamut ai tre pomodori di Marco Bianchi

Voglia di un piatto sano, leggero, ma allo stesso tempo sfizioso e che porti una firma d’eccezione? Ecco le pennette di Kamut ai tre pomodori, di Marco Bianchi. Si tratta di un primo semplice ma diverso dal solito che non può non catturare l’attenzione dei commensali. Nel caso in cui vi stiate chiedendo quali siano i tre pomodori eccovi accontentati: i pomodorini ciliegia, i pomodori secchi ed il concentrato di pomodoro. Ben mixati danno vita ad un condimento particolare che va ad arricchire ed insaporire le pennette di Kamut.

Concentrato di pomodoro, come si usa

Concentrato pomodoro come si usa

Il concentrato di pomodoro, questo sconosciuto. Si ottiene con una lavorazione particolare facendo passare i pomodori in dei cilindri precedentemente scaldati a vapore. Attraverso questa operazione viene raccolto il loro succo che viene poi concentrato sotto vuoto. Si distingue in tre categorie a seconda del grado di concetrazione: concentrato, doppio concentrato e triplo concentrato. I primi due si trovano facilmente al supermercato in comodi tubetti, il terzo prevalentemente in mini lattine. Ma veniamo alla fatidica domanda: come si usa in cucina?

Spezzatino al Barbera, un secondo piatto per Natale 2011

spezzatino Barbera secondo natale 2011

Per me i secondi piatti sono sempre il problema di ogni cena! Mi piace preparare i primi e fortunatamente mi riescono bene, dei dolci lo sapete già perchè dico di continuo che amo più prepararli che mangiarli, e oltre a questo mi diverte molto accogliere gli amici o più in generale gli ospiti con un bell’aperitivo e qualche antipasto sfizioso. Capirete quindi che anche materialmente resta poco spazio nello stomaco per il secondo piatto durante le mie cene, ma a questo Spezzatino al Barbera, perfetto per il Natale, proprio non si può rinunciare!

Funghi ripieni con salsiccia piccante

Ottima soluzione creativa e se pensate che i funghi ripieni siano un po’ “pochino” come secondo piatto vi sbagliate di grosso! Certo, devo ammettere di averli mangiati sempre in un pasto completo, quindi dopo il primo piatto e a seguire contorni e dolci, però penso che se per una sera volete restare leggeri (non nel senso di qualità e ricchezza del pasto, ma nel senso di quantità e dosi) ecco che i funghi ripieni possono essere un’ottima idea!

Tutti gli alimenti un po’ piccoli, come possono essere i funghi o le cipolle, richiedono un occhio di riguardo in più quando li andiamo a preparare, vanno maneggiati con più cura per evitare che magari si rompano (lo dice una che spesso spacca anche i peperoni quando li prepara ripieni!) e ci vuole un po’ di tempo in più per riempirli, però, il gioco vale la candela, provate questa ricetta e vedrete che c’è davvero da leccarsi i baffi!

Le salse per carni: prepariamo le bistecchine con salsa chili

Ecco un’idea simpatica per una cena tra amici, per rendere il momento del pasto anche sfizioso e simpatico, oltre che buonissimo! Partiamo proprio dalla ricetta completa quindi, queste deliziose bistecchine che una volta pronte potrete tagliare a tocchetti e infilare con gli stuzzicadenti facendo così in modo che i pezzetti di carne possano essere intinti completamente nella salsa, prima di essere gustati. Proprio partendo da questa idea potete pensare di fare una vera e proprio cena chili: preparate una buona quantità di salsa e distribuitele nelle ciotoline. Preparate poi la carne, non solo bistecchine, ma anche petti e ali di pollo, prosciutto arrosto, salsiccia e poi tagliate tutti i tipi di carne a pezzetti, in modo che i commensali possano prendere delle monoporzioni da assaggiare insieme alla salsa chili. Inutile aggiungere che in tavola potrete portare anche della salsa tartara, senape e maionese, e tutte le altre salse che vi vengono in mente, per una cena particolare!

La Pasta al Pomodoro e salsiccia, un primo piatto classico che profuma di infanzia


Alcuni piatti appartengono alla nostra storia: con i loro odori, i loro suoni ed i loro colori sono entrati a far parte di noi e della nostra famiglia. Io credo nel potere evocativo della cucina, perché i profumi e con loro l’olfatto fanno parte della nostra memoria storica di bambini divenuti oramai adulti. Ed allora ecco che quando penso alla mia infanzia ed alle giornate trascorse a casa di mia nonna non posso fare a meno di pensare alla sua cucina verde ed al pentolone che bolliva per preparare la sua gustosissima pasta con pomodoro e salsiccia. Per me oramai é un vero “classico” della cucina casalinga ed anche genuina, il primo piatto che si prepara in autunno quando la temperatura inizia ad essere fredda, uno dei comfort food per eccellenza, un piccolo pezzo di storia che passerà, spero, di generazione in generazione. Lo sapevate che dietro un primo piatto ci potevano essere tutte queste cose?