Gnocchi all’ortica, ricetta

L’ortica… solo a sentirla nominare non vi provoca una sensazione di prurito generale? Sono sicura, però, che di fronte questi gnocchi tutto penserete tranne grattarvi. Gli gnocchi all’ortica rappresentano una preparazione insuperabile, ma dovrete dare loro una possibilità. Risultano molto morbidi grazie alla ricotta il che li rende forse un po’ difficili da gestire, ma con qualche piccolo accorgimento renderete la loro creazione più agevole.

Gnocchi ortica ricetta

 

Un classico napoletano per il pranzo di Natale: la minestra maritata

minestra maritata

La foto non rende molto onore a ciò che la minestra maritata è davvero, un piatto classico, saporito, caldo e antico, un piatto povero e al tempo stesso ricco, ma di tradizioni e storia. Il modo in cui viene chiamata questa minestra, maritata, deriva proprio dal fatto che le verdure e la carne si “maritano”, si sposano, in un connubio perfetto, per dar vita a un piatto davvero saporito, proprio nel senso di ricco di sapori, ricchezza di gusto.

La ricetta è mutata nel tempo, e infatti il mascariello, ovvero la guancia del bue, che trovate in ricetta, così come l’orecchio di maiale sono ormai stati sostituiti da parti di carne, soprattutto di maiale, come la cotica, che servono ad insaporire le verdure. Ci sono dei tagli di carne che si sono persi nel tempo, ma secondo me esiste ancora qualche nonna che prepara la minestra maritata con l’orecchio di maiale e il mascariello. Anche per le verdure il discorso è particolare, infatti, nel napoletano, sono i fruttivendoli (o ortolani) che si preoccupano di selezionare le verdure e dividerle in mazzetti, in modo da dare la giusta quantità (e qualità) di verdure a seconda delle persone per cui si prepara la minestra, considerando che queste verdure vanno poi anche pulite. I classici sono la scarola, la verza, la cicoria, la borraggine e l’ortica. In ricetta è citata anche la torzella, un particolare tipo di cavolo, riccio, detto anche cavolo greco.

Un nuovo ingrediente per il risotto, le ortiche

risotto alle ortiche

TEMPO: 50 minuti| COSTO: medio| DIFFICOLTA’: facile

VEGETARIANA: SI | PICCANTE: NO | GLUTINE: NO | BAMBINI: SI


Il sapore amaro va necessariamente provato prima o poi, o se già sapete che vi piace periodicamente va mangiato qualcosa dal sapore amarognolo, sono sempre belle sensazioni per il palato. Rucola, cicoria, gli asparagi, i carciofi, e la protagonista di oggi: l’ortica. Se volete potete raccogliere i germogli di ortica da soli. Certamente senza andare a rubare nei giardini dei vicini o nei parchi pubblici, proteggetevi le mani con dei guanti e andate a cercarli lontano dalle strade o da luoghi inquinati.

Non credevo fosse possibilie al giorno d’oggi andare a raccogliere erbe nei parchi e nei giardini cittadini, anche se ben curati, fino a che proprio quest’estate non ho avuto bisogno di un gran quantitativo di alloro, che non mi serviva per cucinare ma per creare una corona d’alloro per un attore. In un parco ci siamo messi a cercare, visto che i gestori ci avevano detto che avremmo trovato diversi cespugli, dei vecchietti ci hanno indirizzato verso un angolo del parco, e a un certo punto una simpatica vecchietta ci chiede di cosa abbiamo bisogno, ce lo indica, ci aiuta a strappare i rami e insiste a sottolineare che quella pianta lì l’aveva piantata lei molti anni prima. La signora aveva la sua casetta lì nel parco, una dimensione quasi d’altri tempi, una realtà che di certo si trova solo nei piccoli centri, ma è davvero molto importante che ci sia ancora.

Buon risotto.

Dal Molise: zuppa di ortiche

La nostra cucina tradizionale sa esprimersi al meglio soprattutto quando si tratta di utilizzare i prodotti alimentari più semplici: a volte, poi, ne valorizza alcuni che sono ormai praticamente ignoti al grande pubblico. Ma non a Ginger&Tomato, ovviamente!

In molte aree del centro-sud, ad esempio, si preparano deliziose minestre a base d’ortica e non si tratta, come verrebbe da pensare, di ricette povere. In realtà si tratta di piatti che partecipano alla ritualità combinata dei filtri d’amore e delle pozioni atte ad incrementare la fertilità.

Il fatto, inoltre, che le minestre a base d’ortica risultino anche delicatissime, prelibate, ovviamente non guasta affatto: ve ne vorrei proporre una che reputo tra le migliori, che è anche di facilissima preparazione, originaria del Molise. Per provare altre squisite preparazioni a base d’ortiche, date un’occhiata anche qui, a questa ricetta postata qualche tempo fa: io stessa l’ho provata, ed è deliziosa!

Risotto alle ortiche, buono e non pizzica!

ortica

Sapevate che l’ortica è una pianta selvatica ottima per preparare frittate e risotti? Proprio la solita ortica che quando eravamo piccoli e andavamo in montagna o in campagna puntualmente finiva per strusciare sulle nostre gambe e sulle nostre mani e pizzicava un sacco. L’ortica pizzica anche ora che siamo cresciuti ma per utilizzarla in cucina basta usare un paio di guanti e metterrne da parte le punte più tenere con i germogli.

La primavera è il momento migliore per cominciare a raccogliere le cime d’ortica e le foglioline più giovani. L’ortica ha proprietà diuretiche, digestive e depurative e per eliminarne le proprietà “urticanti” bastano il calore o 12 ore di essicazione.

Vediamo come preparare il risotto.