Dal Molise: zuppa di ortiche

di Camilla Salaorni 1

La nostra cucina tradizionale sa esprimersi al meglio soprattutto quando si tratta di utilizzare i prodotti alimentari più semplici: a volte, poi, ne valorizza alcuni che sono ormai praticamente ignoti al grande pubblico. Ma non a Ginger&Tomato, ovviamente!

In molte aree del centro-sud, ad esempio, si preparano deliziose minestre a base d’ortica e non si tratta, come verrebbe da pensare, di ricette povere. In realtà si tratta di piatti che partecipano alla ritualità combinata dei filtri d’amore e delle pozioni atte ad incrementare la fertilità.

Il fatto, inoltre, che le minestre a base d’ortica risultino anche delicatissime, prelibate, ovviamente non guasta affatto: ve ne vorrei proporre una che reputo tra le migliori, che è anche di facilissima preparazione, originaria del Molise. Per provare altre squisite preparazioni a base d’ortiche, date un’occhiata anche qui, a questa ricetta postata qualche tempo fa: io stessa l’ho provata, ed è deliziosa!

ZUPPA DI ORTICHE

Ingredienti per 4 persone

  • 600 gr. di steli di ortica
  • 2 pomodori maturi piuttosto grossi
  • 1 cipolla piccola
  • 75 gr. di pancetta di maiale magra e non affumicata
  • 2 cucchiai d’olio d’oliva
  • 8 grosse fette di pane abbrustolite sulla fiamma
  • sale

Per preparare gli steli d’ortica proteggetevi le mani con dei guanti ed eliminate tutte le foglie ed i filamenti che ricoprono i gambi stessi; una volta ottenuto il quantitativo di steli necessari lavateli bene e tagliateli in pezzetti lunghi circa 2 cm.

Versate l’olio in una pentola di coccio resistente al calore e munita di coperchio, scaldatelo a fiamma bassa e fatevi rosolare la pancetta tritata e la cipolla modata ed affettata. Quando la cipolla ha preso colore unitevi i pomodori spellati e tagliati a dadi e lasciate cuocere per 10 minuti circa.

Aggiungete gli steli di ortica, salate a gusto, mescolate bene e portate a cottura a pentola coperta rabboccando, se necessario, con un po’ di brodo o di acqua. La zuppa va servita appena pronta passando a parte le fette di pane abbrustolito ed abbinandola, ad esempio, ad un Pentro di Isernia rosato.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>