L’ultima puntata delle Tapas, antipasti di verdure al sapore di Spagna

di Claudia 0

Anche le tapas di verdure, come quelle al formaggio e uova, si avvicinano molto al nostro modo di concepire sia l’aperitivo fuori casa che l’antipasto prima di iniziare un pranzo o una cena tra amici. Anzi, possiamo dire che durante gli happy hour sono proprio le verdure a fare un richiamo alla tradizione culinaria italiana, cosa che le tapas rappresentano in tutta la loro totalità per la cucina tradizionale spagnola. Quante volte ci sarà capitato di mangiare una parmigiana di melanzane durante un aperitivo, io ne ho viste di molto carine, mono porzione, così come le cruditè vengono intinte negli intingoli e nelle salse che rappresentano una parte della nostra cucina, mi viene in mente ad esmpio la bagna caoda per il Piemonte o delle salse al pesto, per la Liguria.

Ma ritorniamo alle nostre tapas. Questo è il capitolo conclusivo del nostro excursus spagnolo, chiudiamo in bellezza con queste delizie in miniatura, colorate e saporite.

Peperoni piquillo ripieni

Ingredienti per 8 peperoni: 8 peperoni piquillo freschi (o altri peperoni allungati rossi e non piccanti), 6 pomodori secchi, 2 cucchiai di pinoli, 6 olive verdi, 300gr. di formaggio di capra, ½ cucchiaino di timo secco, 2 cucchiai di olio d’oliva.

Riscaldate bene il forno. Nel frattempo lavate i peperoni, sistemateli su una teglia oleata e poneteli in forno per una decina di minuti. Quando si formeranno le bolle, tirateli fuori e metteteli in una busta di plastica, chiudetela e teneteli da parte. Mettete i pomodori secchi in acqua tiepida per 10 minuti, tostate i pinoli senza olio, snocciolate le olive e tagliatele a cubetti, quindi sgocciolate i pomodori e tagliateli a dadini. Lavorate il formaggio con il timo e l’olio, poi aggiungete i pomodori, i pinoli e le olive. Scuotete la busta con i peperoni per facilitare la spellatura, poi prendeteli, spellateli, togliete il picciolo e da sopra eliminate i semi. Riempiteli con il composto di formaggio, disponete poi i peperoni su un piatto da portata e accompagnateli con pane fresco o focaccine.

Melanzane allo zenzero

Ingredienti per un vassoietto: 8 melanzane piccole, 1 cucchiaino di zenzero fresco grattugiato, 1 cucchiaio di salsa di soia, ½ cucchiaio di semi di cumino, peperoncino in polvere, 2 cucchiai di succo di limone, 10 foglie di basilico, olio di semi di girasole, 3 spicchi d’aglio.

Tagliate le melanzane nel senso della lunghezza, bagnate la polpa con l’olio di semi di girasole, poi ponetele con la parte interna rivolta verso il basso in una padella antiaderente posta sul fuoco a fiamma media e già ben calda. Quando si saranno colorate toglietele dalla padella e mettetele da parte. Mettete nella padella un cucchiaio d’acqua e fatevi rosolare l’aglio sbucciato e schiacciato, lo zenzero, i semi di cumino e un pizzico di peperoncino. Quando l’aglio si sarà dorato abbassate la fiamma e, mescolando continuamente, aggiungete la salsa di soia, il succo di limone e 12,5cl d’acqua. Fate cuocere per 15 minuti. Rimettete le melanzane nella padella, fate cuocere per altri 10 minuti, girando di tanto in tanto, fino a che le melanzane saranno morbide e il sugo rappreso. Sistemate tutto su un vassoio, cospargete con foglioline di basilico e servite tiepido.

Hamburger di zucchine

Ingredienti per un vassoietto: 2 zucchine grosse, 150gr. di prosciutto cotto, 150gr. di formaggio a pasta morbida, 3 pomodori, 2 uova, farina, pangrattato, olio d’oliva, sale.

Lavate e asciugate le zucchine, tagliatele a rondelle di circa 1 cm di spessore e mettetele sotto sale, in modo che perdano l’acqua in eccesso. Nel frattempo tagliate il prosciutto e il formaggio, ricavando delle fette che abbiano più o meno lo stesso spessore delle zucchine. Lavate e tagliate il pomodoro, e ricavate delle fette sempre di diametro simile a quello delle zucchine. Asciugate le zucchine e su ogni rondella ponete una fettina di formaggio, una di prosciutto e una di pomodoro, chiudendo poi con una zucchina, come a formare un panino. Con uno stuzzicadenti fermate il tutto. Passate questi piccoli spiedini nella farina, nelle uova sbattute e infine nel pangrattato, friggeteli in abbondante olio di oliva, rigirandoli bene da ogni lato. Sgocciolateli e serviteli ben caldi.

Ormai siamo pronti a ir de tapas. Proprio per questo vi consiglio, se avete in mente un viaggio in Spagna, magari a breve, di provare almeno per una sera a fare un giro per i numerosi locali spagnoli, a bere vino tinto e mangiare tutte queste splendide delizie culinarie in miniatura. Una volta tornati a casa sarete davvero pronti a riproporre, anche con l’aiuto della vostra creatività, il mondo delle tapas, tradizionale, artistico, squisito, originale.

[photo courtesy of everystockphoto]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>