Ricette estive piatti freddi, insalata affumicata con kiwi e barbabietola

di Claudia 0



Stanchi della solita insalata? In inverno potremmo dire stanchi della solita zuppa e invece con il caldo asfissiante di questi ultimi giorni ci siamo nutriti di frutta e foglie verdi, pesce fresco magari e perché no verdure lesse condite solo con olio e sale, per evitare soffritti anche leggerissimi che comunque appesantiscono un po’ il piatto. Ecco che in nostro soccorso arriva questa deliziosa insalata affumicata con kiwi e barbabietola, che unisce al sapore del pesce, nello specifico storione e aringa, quello del frutto esotico da noi più utilizzato, e oltre al kiwi insaporiamo anche con patata e barbabietola.

Pensate a questa insalata anche in autunno. Sostituendo il kiwi magari con delle mele e delle pere e poi preparando prima la salsa, mettendo nel piatto le patate e le barbabietole lessate ancora calde, e infine aggiungendo anche le uova sode appena cotte e frullate, vedrete che anche calda o tiepida sarà una vera delizia! Per adesso che siamo nella stagione calda servitela invece fredda, buonissima e saporita sarà un antipasto ideale, ma volendo anche un piatto unico da gustare in famiglia.

Insalata affumicata


Ingredienti

3 filetti aringa affumicata | 3 filetti storione affumicato | 2 patate | 2 barbabietole cotte | 3 kiwi non troppo maturi | 4 Per la salsa agrodolce di condimento: uova sode | 1 bicchiere panna acida | 1 tazzina aceto alla menta | 3 cucchiaio olio extravergine di oliva | 3 cucchiaio zucchero | 1 cucchiaio succo di limone | pepe

Preparazione

   Sbucciare le barbabietole, le patate e i kiwi, tagliare tutto a dadini e disporre sul piatto da portata, sistemando gli ingredienti in modo da alternare spicchi di colore diverso. Lasciare libero il centro del piatto e disporvi i filetti di pesce.

   Preparare la salsa: lasciar inacidire la panna con il succo di limone. Emulsionare l'aceto con lo zucchero, il pepe e l'olio. Incorporare poi tutto alla panna acida e mescolare con cura.

   Tritare le uova e unirle alla salsa, mescolarle ancora e servirla a parte.

Se l’aringa dovesse risultare troppo salata potete lasciarla a bagno in un po’ di latte per qualche ora: in questo modo perderà l’eccesso di sale. Strizzatela bene e poi iniziate a preparare la vostra insalata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>