Ministrudel con sarde uvetta e pinoli

di Camilla Salaorni 0

Molti amici e molte amiche mi chiedono spesso consigli e suggerimenti sugli antipasti: può sembrare strano, ma in effetti preparare qualcosa di originale ma non eccessivamente sofisticato, qualcosa che non sia la solita banalità di crostini e olive in salamoia ma neppure una ricetta astrusa e complicatissima, non è così semplice come sembra. Qui su Ginger&Tomato, in fondo, lavoriamo quotidianamente per questo.

A questi amici, e naturalmente a tutti coloro che hanno tempo e voglia di sperimentare un antipasto diverso dal solito, che richiede, tra gli ingredienti non scritti, una certa dose di finezza del palato, vorrei suggerire oggi i ministrudel con le sarde, l’uvetta ed i pinoli. Lo strudel, come molti sanno, è una specialità austro-ungarica derivata dalla baklava orientale (ma alcuni sostengono che questo dolce sia in realtà originario del Tirolo): un dessert croccante ed al contempo morbidissimo il cui cuore contiene per lo più frutta, come mele, pere, fichi… La sardina, d’altronde, è un tipo di pesce dalla carne compatta ed un po’ grassa. Presi così, strudel e sarde, paiono inconciliabili. Ma se intervengono le mediazioni giuste, come in ogni piatto, ecco che la ricetta acquista un senso, una peculiarità di gusto, e sopratutto sprigiona la sorpresa di un accostamento inatteso e riuscito.



MINISTRUDEL CON SARDE, UVETTA E PINOLI

Ingredienti per 4 persone

  • 500 gr. di pasta sfoglia
  • 100 gr. di ricotta
  • 50 gr. di pinoli
  • 300 gr. di filetti di sarde
  • 50 gr. di uva sultanina
  • 40 gr. di burro
  • 1 ciuffo di finocchietto selvatico
  • olio extravergine di oliva
  • sale e pepe q.b.

Fate ammollare l’uva sultatina. Lavate i filetti di sarde, spezzettateli e rosolateli in una padella antiaderente con un filo d’olio. Insaporite con il finocchietto tritato, sale e pepe. Spegnete il fuoco, amalgamate alle sarde i pinoli e l’uva sultanina, sgocciolata e ben strizzata, e fate raffreddare il tutto.
Stendete la pasta in una sfoglia molto sottile e ricavatene tanti rettangoli di circa 12 centimetri di lunghezza. Incorporate la ricotta alle sarde e distribuite il composto sui rettangoli di pasta, lasciando un bordo libero. Arrotolate i ministrudel su se stessi, facendo aderire bene i bordi. Infine adagiateli su una placca foderata di carta da forno e spennellateli con il burro, fuso a parte. Cuoceteli nel forno già caldo a 200° per un quarto d’ora e serviteli caldi o tiepidi.
Questi ministrudel si sposano con un vino bianco, preferibilmente uno Chardonnay Vendemmia Tardiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>