leonardo.it

Qualche ricetta con la pasta frolla (già pronta) al cacao

 
Claudia
9 giugno 2009
Commenta

pasta-frolla-al-cacao

TEMPO: 30 minuti + cottura | COSTO: medio | DIFFICOLTA’: media

VEGETARIANA: SI | PICCANTE: NO | GLUTINE: SI | BAMBINI: SI


Credo che “l’invenzione” dei prodotti già pronti, preconfezionati, solo da scaldare, faccia parte dei cambiamenti evolutivi dei tempi moderni. Non è un processo che riguarda solo l’emancipazione femminile, vale sia per le donne in carriera, che possono passare poco tempo in cucina, che per i single, uomini o donne che siano, che magari non hanno voglia tutti i giorni di prepararsi gran manicaretti. Se si trovano dei prodotti convenienti e di buona qualità vale sempre la pena provarli e sfruttarli, alla fine anche i surgelati fanno parte di questa categoria (a volte è così bello non dover pulire le verdure), le conserve sott’olio, i preparati per dolci, le confezioni monodose presenti in tutti i supermercati.

Sono anche una fautrice della cucina fatta con le mani, dal pesare la farina a rompere le uova, dalla scelta delle foglie della bietola al soffritto per il sugo. Soprattutto per quanto riguarda i dolci ho imparato quanta differenza ci sia tra una bella torta fatta in casa e un preparato che si deve solo versare nella teglia, ed è già pronto per essere infornato. A volte però questi prodotti sono molto utili. Mi ha incuriosito questa nuova pasta frolla Buitoni al cacao e l’ho comprata e provata. Il risultato è stato comunque piacevole, e così ho pensato che in alcuni casi, anche queste paste (frolle, sfoglie, brisè) già pronte hanno davvero moltissimi vantaggi. Provare per credere!

Ricette con la pasta frolla Buitoni al cacao

Ingredienti:

una o più confezioni di pasta frolla al cacao Buitoni | crema pasticciera | crema moka | frutta di stagione |  gelatina di frutta | frollini | mandorle sgusciate, nocciole, gherigli di noce

LA PREPARAZIONE:

  1. La prima opzione è la più semplice. Sistemate la pasta frolla in una teglia antiaderente e fatela cuocere in forno preriscaldato a 180° per circa dieci minuti. Nel frattempo preparate la crema pasticciera. Quando la frolla sarà pronta versatevi la crema all”interno e decidete voi come completare la ricetta: se volete le famose strisce di pasta che danno subito la sensazione di crostata utilizzate un altro foglio di pasta frolla e ricavatele, altrimenti potete lasciare la crostata così e decorarla con mandorle e nocciole.

  2. Per la seconda versione della crostata procedete come sopra fino alla crema pasticciera. Sistemate poi la frutta fresca sulla crostata, le fragole sono l’ideale per il modo in cui si sposano con il cioccolato, ma potete utilizzare anche pesche, pere, albicocche o altra frutta. Scaldate la gelatina, semplice o di frutta, e poi, aiutandovi con un pennellino, spalmatela su tutta la superficie della frutta sistemata sulla crostata.

  3. Un’altra variante è quella di creare un vero e proprio dolce. Sistemate la pasta frolla nella teglia, versate la crema pasticciera (che potrà anche essere aromatizzata, al caffè, al cacao, o al rhum) e poi coprite il tutto con un altro foglio di pasta frolla, unite i bordi e mettete in forno, per un quarto d’ora circa, ma comunque controllate la cottura. Avrete così una semplicissima torta farcita, che potrete decorare con della panna. Volendo, per la base o per la copertura potete utilizzare una frolla normale, per avere un dolce bicolore.

  4. Cuocete la frolla al cacao come sempre. Nel frattempo preparate una crema moka (60gr. di burro ammorbidito amalgamati con 60gr. di zucchero, aggiungete poi una tazzina di caffè bello freddo e una tazzina di cacao fuso a temperatura ambiente, oppure anche solo due tazzine di caffè). Quando la frolla sarà pronta versate la crema moka e per decorare il dolce sbriciolate un po’ di frollini e se volete aggiungete anche qualche gheriglio di noce, delle mandorle e delle nocciole.

Da qui in poi potete sbizzarrirvi come meglio credete, per decorare le crostate potete utilizzare anche l’uva sultanina, i pinoli, della frutta sciroppata, ma anche dei cereali e perchè no gli Smarties o gli M&M’S. Se avete amici di vostro figlio ospiti per pranzo, cena o merenda potete improvvisare mille varianti di queste mini ricette senza dover perdere troppo tempo in cucina, o anche se improvvisamente venite invitati a cena o se arrivano degli amici e volete offrirgli qualcosa di sfizioso, o se state preparando un esame e volete una sferzata di energia mentre studiate in gruppo! Insomma, per non fasciarsi la testa con preparazioni da chef ci sono anche queste possibilità “già pronte”!

Articoli Correlati
Ricette bimby, la pasta frolla salata

Ricette bimby, la pasta frolla salata

La pasta base a cui ricorriamo spesso per la preparazione della maggior parte delle torte salate è solitamente la pasta sfoglia. E’ comoda, la troviamo già pronta al supermercato e […]

La Torta di Pere con Crema Pronta

La Torta di Pere con Crema Pronta

L’altro giorno avevo una pausa pranzo piuttosto libera e così mi sono accesa la televisione ed ho guardato “la Prova del Cuoco” , nota trasmissione della Rai. Comunque nel momento […]

Una variante della pasta frolla, quella alle mandorle

Una variante della pasta frolla, quella alle mandorle

La pasta frolla, la base ideale per crostate e biscotti. Esistono un’infinitá di varianti di questo impasto, quí su Ginger vi abbiamo proposto quella al cacao, la versione del mitico […]

La pasta frolla di Maurizio Santin protagonista nella torta della nonna

La pasta frolla di Maurizio Santin protagonista nella torta della nonna

Oggi puntiamo l’attenzione sulla pasta frolla: ne abbiamo già parlato in passato, proponendo diverse varianti e diversi modi di utilizzo. Oggi però vorrei porre l’accento sulla pasta frolla del mitico […]

Crostata di pasta frolla cioccolato e pere: un’altra ricetta dalla Prova del Cuoco

Crostata di pasta frolla cioccolato e pere: un’altra ricetta dalla Prova del Cuoco

Oggi finalmente è domenica, notoriamente giorno di riposo, una lunga settimana è passata e, chi non va a pranzo da mamma o suocera (o anche chi ci va) si starà […]