Crema al cioccolato fondente veloce

Avevo voglia di provare una nuova crema al cioccolato fondente quando mi sono imbattuta in questa, diversa da quelle realizzate fino ad ora, che mi ha subito incuriosito per il procedimento, nonchè per la presenza dell’acqua tra gli ingredienti. Si tratta di una crema al cioccolato super golosa adatta sia come base per deliziosi dolci al cucchiaio che come farcia per crostate e torte. Si realizza facilmente ed è subito pronta a prendere per la gola, dopo il dovuto raffreddamento, ovviamente.

Crema cioccolato fondente veloce

Pizza senza glutine. Una ricetta gustosa e adatta a tutti.

Pizza senza glutine? Si può. La ricetta della pizza senza glutine è senza dubbio una delle più richieste dai nostri amici celiaci. La pizza infatti è un piatto amato universalmente, che mangiamo spesso senza mai stufarci, però è una di quelle cose a cui chi soffre di intolleranza al glutine deve rinunciare. Per fortuna sono moltissime ormai le pizzerie che adottano la ricetta della pizza senza glutine per chi ne fa richiesta. Resta però il problema per chi volesse fare la pizza fatta in casa, ecco quindi la soluzione con la ricetta della pizza senza glutine. In effetti la pizza senza glutine si può preparare in casa utilizzando la farina mix B senza glutine per pane, ma se invece di utilizzare quella farina voleste provare a farla in un altro modo, questa è una variante perfetta a base di amido di mais consentito e farina di riso. Il risultato è una pizza abbastanza morbida all’interno e leggermente croccante fuori, ma per niente gommosa come spesso accade in questo tipo di preparazioni. Certo la mancanza del glutine rende l’impasto leggermente più friabile del normale, ma a parte questa piccola differenza il risultato e il sapore sono ottimi.

Una volta preparato l’impasto base, potete sbizzarrirvi a preparare la pizza nei gusti che preferite, dalla semplice margherita con mozzarella, pomodoro e basilico, fino alle pizze coi condimenti più elaborati.

La pasta di zucchero per le vostre decorazioni

Non dobbiamo di certo diventare degli artisti come chi ha messo in piedi questa magnifica signora con i cetrioli sugli occhi! Credo che la piccola donna si trovi in una Spa oltretutto, circondata da prodotti e da una bottiglia di champagne! Insomma, questo poi dipende da quanto siete brave voi, a lavorare con le mani soprattutto, io sono una frana ad esempio, e posso limitarmi a bellissime coperture, ma voi potrete anche stupire tutti con personaggi e piccoli oggetti da favola! La pasta di zucchero può anche essere comodamente acquistata, ma farla con le vostre mani sarà una grande soddisfazione. Detta anche fondant questa pasta fatta con lo zucchero a velo può anche essere colorata, con il colorante alimentare, che aggiungere prima di unire il composto liquido allo zucchero, ed ecco che anche voi sarete vita ai vostri dolcissimi personaggi!

Crostata di frutta fresca con crema pasticcera di Luca Montersino

Buondì. In questi giorni, non so perchè, ho una voglia irrefrenabile di dolci. Per fortuna non ho avuto molto tempo da passare in casa e di conseguenza non ho cucinato molto (nella mia lista ci sono in coda un paio di plumcake ed una torta, se li avessi preparati sono certa che non mi sarebbe bastata una sola fettina per soddisfare i miei sfizi). etto questo domenica scorsa ho comunque voluto preparare un dolce (te pareva) ma avevo voglia non della solita torta secca, bensì di una colorata e fresca crostata con crema e frutta: avete presente quelle che si vedono nelle pasticcerie? Bene, è lì che è caduta la mia scelta.

Japanese cheesecake, avete mai assaggiato una nuvola?

japanese cheesecake

 

TEMPO: 10 min + 70 di cottura | COSTO: basso| DIFFICOLTA’: bassa

VEGETARIANA:SI | PICCANTE:NO | GLUTINE: SI | BAMBINI: SI


Già, l’avete mai assaggiata una nuvola? Io si. E’ proprio questa la sensazione che si prova affondando i denti per la prima volta nel Japanese cheesecake. Un nome strano, forse sconosciuto ai più, per indicare pur sempre un cheesecake, cotto però a bagnomaria e con ingredienti simili a quelli di un cheesecake tradizionale ma con procedimento e risultato nettamente diversi.

Il japanese cheesecake prevede la presenza di un formaggio cremoso, in questo caso il philadelphia, gli albumi montati a neve molto soda in modo che il composto risulti essere soffice ma pur sempre sostenuto. La cottura a bagnomaria infine dona al dolce una sofficità unica ed una leggerezza inimmaginabile. L’unico modo per provarla è prepararlo. Vedrete che non rimarrete delusi. Le dosi riportate per questa ricetta sono per uno stampo molto piccolo, da 20 cm di diametro, per una tortiera da 26 cm raddopiate le dosi.

Coppe alla banana: in poco tempo e buone

TEMPO: 20 minuti | COSTO: basso | DIFFICOLTA’: bassa

VEGETARIANA: SI | PICCANTE: NO | GLUTINE: SI | BAMBINI: SI

Non so a voi ma a me ogni volta che compro le banane non finiscono mai e prima che si anneriscano di brutto divenendo un ricettacolo di insetti preparo queste coppe alla banana molto buone e gradevoli alla vista. Basta che abbiate a disposizione un paio di banane, una ventina di minuti di tempo per prepararle e tanta fantasia!


Coppe alla banana

Ingredienti per 4 persone:

2 banane | | zucchero di canna g 25 | panna dl 2,5 |amido di mais g 20 | un tuorlo | uno bustina di vanillina |un cucchiaio di cacao amaro in polvere