San Valentino, piovono critiche su Carlo Cracco e Antonino Cannavacciuolo

Un menù di San Valentino di ben 400 euro: questo è i prezzo del menù personalizzato che ha preparato lo chef Antonino Cannavacciuolo in occasione della festa degli innamorati. 

La romantica cena proposta da Cannavacciuolo nel suo ristorante di Villa Crespi, sul lago d’Orta propone un menù personalizzato di San Valentino con dieci diverse portate. Tutti i piatti presentano ingredienti prelibati, fra cui scampi siciliani, baccalà, tartufo di mare, ma anche carne e contorni pregiati.

Crema di zucca e arancia amara con croccante

In occasione del ritorno nelle piazze italiane delle arance della salute a sostegno dell’Airc per la ricerca contro il cancro, arriva anche il ricettario degli chef su come utilizzare in modo creativo le arance in cucina. Fra le proposte, la crema di zucca e arancia amara con croccante di sesamo di Carlo Cracco. 

zucca, crema

tratta dal libro dello chef, Il buono che fa bene (edito da Vallardi) offre la possibilità di poter preparare una crema di zucca abbastanza alternativa che viene rinnovata dalla presenza dell’arancia amara. Il tocco in più però è dato indubbiamente dalla presenza del croccante di sesamo. 

Pane alle carote, limone e arancia

Tornano in piazza le Arance della salute: con un contributo di soli 9 euro potrete contribuire alla sostegno della ricerca contro il cancro promossa come sempre dall’Airc. Insieme alle arance, quest’anno i volontari andranno anche a distribuire un ricettario con tante ricette di celebri che che propongono come utilizzare le arance in cucina. Ecco la ricetta del pane alle carote, limone e arancia di Carlo Cracco, un piatto che viene servito proprio all’interno del ristorante dello chef. 

lonza maiale arancia secondo carne agrumi

Ottimo pane alternativo è preparato all’insegna degli agrumi ed è veramente speciale: la preparazione è un po’ lunga, ma potrete dedicarvi alla preparazione di un pane ottimo da servire in qualche occasione speciale.

Maccheroni alla chitarra con asparagi e seppia, la ricetta di Carlo Cracco

Se avete voglia di un piatto diverso e di confrontarvi con qualcosa di originale ecco la ricetta che fa per voi: i maccheroni alla chitarra con asparagi e seppia di Carlo Cracco sono una ricetta tutta da provare.

hell's kitchen carlo cracco

Lo chef si è ispirato a un piatto abruzzese, ma ha reinventato gli ingredienti aggiungendo anche il cacao per un risultato diverso rispetto al solito, mentre per una consistenza già asciutta ha deciso di aggiungere la crosta di pane all’impasto.

Milano sbagliata di Carlo Cracco

Dopo le polemiche sulla pizza napoletana di Cracco, massacrata dal utenti, le polemiche si sono rinnovate anche contro la classica cotoletta alla milanese secondo Carlo Cracco.

hell's kitchen carlo cracco

I clienti non hanno di certo esaltato la cotoletta proposta in Galleria anche perché il prezzo veramente troppo alto contrasta con una porzione estremamente esigua.

Carlo Cracco, la cotoletta alla milanese da 26 euro

Carlo Cracco ci riprova e dopo la pizza napoletana in versione Cracco che ha scatenato non poche polemiche, si cimenta con un classico della cucina lombarda: la cotoletta alla milanese.

cotoletta carlo cracco

Stavolta la cotoletta viene preparata seguendo le regole della tradizione e utilizzando carne di vitello, rigorosamente con l’osso e impanata al modo giusto. Stavolta insomma gli ingredienti di regola per un piatto classico ci sono tutti, ma non basta. 

Pizza gourmet di Carlo Cracco, è bufera sui social

Pensate che lo chef possa sempre far rima con la tradizione e anche con la classica e inimitabile pizza napoletana?  Così non sembra però a giudicare dalla nuova pizza gourmet inventata dallo chef Carlo Cracco e proposta nel suo nuovo locale in Galleria a Milano.

pizza cracco

I prezzi sono un po’ alti, ma nn solo perché lo chef , ex storico giudice del talent Masterchf, è stato letteralmente attaccato via social dagli utenti dopo la pubblicazione di uno scatto della sua pizza margherita.

Guida Michelin, Carlo Cracco perde una stella

Sono nove i ristoranti italiani che vantano tre stelle nella Guida Michelin 2018: la new entry che conquista le tre stelle è lo chef Norbert Niederkofler del ristorante St. Hubertus di San Cassiano in Val Badia, in provincia di Bolzano.

hell's kitchen carlo cracco

Il ristorante che ha appena conquistato le tre stelle, si affianca ai ristoranti tri-stellati fin dallo scorso anno, Piazza Duomo ad Alba, Da Vittorio a Brusaporto, Dal Pescatore a Canneto Sull’Oglio, Reale a Castel di Sangro, Enoteca Pinchiorri a Firenze, Osteria Francescana a Modena, La Pergola a Roma e Le Calandre a Rubano.

 

La guida però riserva pessime notizie per Carlo Cracco

Hell’s Kitchen, il filetto di sgombro con i ceci

Se avete ospiti a cena e volete preparare qualcosa di semplice, ma che vi assicuri una bella figura, ecco la ricetta che fa per voi: il filetto di sgombro nella versione di Hell’s Kitchen è quello che fa per voi.

sgombro,polpette sgombro olive gustosa ricetta pesce

Si tratta di un piatto tradizionale firmato dallo chef Carlo Cracco che rielabora piatti tradizionali, ma perfetti anche per il ristorante.

Hell’s Kitchen, al via la quarta stagione con Carlo Cracco

Al via la quarta stagione di Hell’s Kitchen che torna tutti i martedì alle 21.15 su Sky Uno a partire dal 3 ottobre. 

Anche in questa nuova edizione, è in palio un posto da Executive Chef per i partecipanti al programma, ma i cuochi dovranno confrontarsi con lo Chef Carlo Cracco pronto a cucinare davanti ai loro occhi. 

hell's kitchen carlo cracco

La preparazione di piatti impeccabili e di servizi perfetti è ciò che attende i 14 cuochi protagonisti della nuova edizione del programma che dovranno cercare di dimostrare quello che vengono davvero per conquistare il posto di Executive Chef. 

Chef italiani, la top ten dei più ricchi

Chef, sì, ma non solo: gli chef stellati moderni non solo solo artigiani raffinatissimi, ma restano soprattutto imprenditori che dal loro ristorante ricavano guadagni. E a quanto pare sempre più alti. Ma quanto guadagno davvero gli chef e quali sono quelli più ricchi?

A chiarire la situazione è arrivato lo studio del 2016 della società Jfc sui ristoranti stellati Michelin che in Italia sono 334 (al secondo posto dopo la Francia) con una media di circa 6.318 clienti all’anno ed equamente divisi tra italiani (52,6%) e stranieri (47,4%).