Prepariamo la caponata di melanzane

di Camilla Salaorni 3

La melanzana è originaria dell’India: ne esistono parecchie varietà ma quella più nota, che viene più comunemente impiegata in cucina è la violetta, di forma allungata. Esiste anche un tipo di melanzana tonda, sfumata dal viola al bianco che si chiama “seta”. Le melanzane più saporite e più usate provengono dal Meridione.

La caponata di melanzane, nella fattispecie, è un tipo piatto della gastronomia siciliana: trattasi di ortaggi fritti (per lo più, appunto, melanzane), conditi con sugo di pomodoro in salsa agrodolce. Ne esistono moltissime varianti, a seconda degli ingredienti: le ricette “classiche”, raccolte in tutta l’isola, sono una quarantina addirittura.

Quando prendete le melanzane badate che siano sode ed abbiano la buccia lucente; devono essere al punto giusto, nè troppo acerbe nè troppo mature. per preparare la ricetta odierna, la caponata di melanzane, ricordatevi innanzitutto di tagliare a dadini le melanzane, metterle in un colapasta con del sale e lasciarle sgocciolare per almeno un paio di ore affinchè perdano l’amaro.



CAPONATA DI MELANZANE

Ingredienti per 4 persone

  • melanzane 4
  • olio
  • pomodoro 500gr.
  • cipolla
  • 1 gambo di sedano
  • olive verdi 100 gr.
  • capperi 1 cucchiaiata
  • aceto
  • zucchero
  • sale

Preparazione

Tagliate le melanzane a pezzetti senza sbucciarle, spolverizzatele di sale e fate sgocciolare l’eccesso di acqua. Scaldate olio abbondante e mettetevi a cuocere le melanzane sgocciolate, tenendo il fuoco moderato; voltatele e rivoltatele. Quando sono cotte, cioè dopo una decina di minuti, levatele dal tegame col mestolo forato e mettetele da parte, su un piatto.

Nello stesso olio mettete un trito di cipolla e sedano, aggiungete il pomodoro sbucciato e senza semi e tagliato a pezzi- in alternativa potete usare i pelati-, le olive verdi snocciolate. Lasciate cuocere la salsa per una ventina di minuti.

Rimettete nel tegame le melanzane, aggiungete i capperi e bagnate con una cucchiaiata d’aceto, in cui avrete sciolto un pizzico di zucchero. Cuocete ancora per dieci-quindici minuti, mescolando di tanto in tanto. La caponata va servita tiepida, non calda, ed è ottima anche fredda.

Commenti (3)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>