Cos’è il ramen, ingredienti e ricetta

Gli appassionati di cucina giapponese lo conosceranno di certo: agli altri, invece, dico subito che, nel caso in cui non ne abbiate mai sentito parlare, dovete assolutamente rimediare: il ramen altro non è che una deliziosa zuppa di noodles di origine orientale particolarmente diffusa in Giappone, nonostante nasca in Cina. Ciò che la caratterizza è, oltre che la ricchezza degli ingredienti utilizzati, vari e capaci di regalare un sapore irripetibile, anche l’aspetto, curato e nel quale nulla viene lasciato al caso.

Ramen

Ramen estivo 5 ricette da gourmet

Il ramen estivo è la declinazione, adatta alla bella stagione, della famosa zuppa a base di nodles, ovvero tagliatelle di frumento, brodo ed i più disparati ingredienti. Nonostante abbia origini cinesi e sia particolarmente diffuso in Giappone, ha conquistato anche gli italiani, tanto da essere presente oramai nel menù di parecchi ristoranti, giapponesi e non, nei quali lo si può trovare in diverse varianti. Decisamente più indicato per le alte temperature, il ramen estivo viene servito freddo per consentire agli estimatori della pietanza di non dovervi rinunciare anche ad Agosto. Di seguito vi proponiamo 5 ricette da gourmet, provenienti dai più rinomati ristoranti italiani, tutte da scoprire.Ramen estivo 5 ricette da gourmet

I 10 Padiglioni dove si mangia meglio a Expo Milano

Sono oltre 130 i Paesi partecipanti ad Expo2015. Un’occasione unica per poter assaggiare le prelibatezze provenienti da ogni parte del Mondo tutte a disposizione nello stesso istante. Vediamo quali sono i 10 Padiglioni dove si mangia meglio ad Expo Milano e cosa assaggiarvi assolutamente.

Expo2015, California roll, ricetta giapponese

Quella che vi proponiamo oggi è la ricetta giapponese dei California roll, che gli amanti del sushi conosceranno di certo. La cucina tradizionale del Giappone, tra i Paesi partecipanti ad Expo2015, è ricca di preparazioni a base di pesce crudo e riso ed i California Roll non ne sono che un solo esempio. Si tratta, in verità, di una ricetta “americanizzata” che vede il sushi sotto una nuova forma. Nello specifico, tra gli ingredienti utilizzati ci sono solitamente il cetriolo, il surimi e l’avocado.

Expo2015 California roll ricetta giapponese

Ramen giapponese: bacchette e scodelle per tutti!

ramen

 

Molti di noi sono cresciuti con i cartoni animati giapponesi ed una delle scene più classiche era quella in cui i protagonisti si abbuffavano mangiando una strana zuppa: dal detective Zenigata al più recente Naruto, li abbiamo visti tutti piegati su una ciotola con le bacchette in mano risucchiando qualcosa che assomigliava a dei “tagliolini”. Solo negli ultimi tempi però la cucina giapponese è stata rivalutata da noi italiani e non solo il suhi ed il sashimi, ma anche il ramen.

 

Il ramen è una ricetta diffusissima in tutta l’Asia, composta da spaghetti (o tagliatelle) all’uovo serviti in brodo di carne, verdura o pesce. Questa è la base, mentre il resto degli ingredienti e delle decorazioni variano a secondo di dove lo assaggerete. In Giappone sono innumerevoli i piccoli localini in cui vi serviranno un ramen speciale, frutto di sperimentazioni durate anni ( se capitate in Giappone e volete assaggiare il ramen evitate rigorosamente i locali grossi e che fanno parte di catene, e puntate su quelli piccoli e a conduzione familiare dove la ricetta del ramen è un tesoro tramandato di generazione in generazione.

 

Noi di Ginger vi presentiamo oggi una ricetta per preparare il ramen a casa (anche se con la globalizzazione adesso si trovano anche delle confezioni di ramen istantaneo o liofilizzato nei negozi orientali), cercando per quanto possibile di indicarvi ingredienti facilmente reperibili in Italia.

Surimi al naturale

Spesso lo abbiamo usato come condimento per la pasta o freddo come antipasto.
Ma cos’è di preciso il surimi?
Il surimi è un prodotto di origine giapponese e nasce dalla secolare esperienza di questo popolo nella conservazione dei prodotti ittici.
E’ costituito dalla polpa di pesce di Merluzzo da cui vengono ricavati alcuni strati compatti che serviranno a formare quei piccoli cilindri arrotolati dal caratteristico colore arancione sull’esterno e bianco all’interno; i vari strati sono poi tenuti insieme da stabilizzanti, polifosfati e zuccheri.
Ultimo passaggio, il congelamento a -20 gradi.