Una ricetta per carnevale, i krapfen

di Anna Maria Cantarella 0



Carnevale è alle porte e dobbiamo prepararci per bene, esplorando tutto il variegato mondo delle ricette che si preparano in questa occasione. Abbiamo già parlato di frappe, chiacchiere e castagnole che sono i dolci più conosciuti. Oggi parliamo di un dolce di origine straniera, il krapfen.  Si tratta di un dolce nato nel ‘600 e di origine austriaca. E’ un dolce  fragrante, dal ripieno di crema bianca o di marmellata di albicocche, e conosciuto anche come “Faschingsk krapfen auf Grazer art”, cioè “dolce di Carnevale alla moda di Graz”, poiché veniva preparato per le feste di Carnevale, quando i krapfen erano fritti e venduti nelle strade. Da Graz fu presto esportato a Vienna, e poi si diffuse nel Lombardo-Veneto e soprattutto in Trentino, dove nei centri dolomitici si mangiano ancora oggi i migliori krapfen che si possono trovare in Italia.
Quello che un krapfen deve assolutamente avere per essere considerato tale è il ripieno di crema (che bisognerebbe introdurre prima di friggere il dolce, affinché tutta la pasta ne assorba l’aroma) anche se volendo potreste riempirli con la marmellata di albicocche,cioccolata, ecc… e la copertura di zucchero al velo che li rende una vera delizia da leccarsi i baffi.

krapfen


Ingredienti

100 gr. burro | 500 gr. farina 00 | 150 gr. zucchero | 50 gr. lievito di birra | 4 uova | olio per friggere | un pizzico sale | zucchero a velo

Preparazione

  Impastate 100 grammi di farina con il lievito sbriciolato e diluito con un bicchierino di acqua tiepida. Lavorate un poco la pasta e poi infarinatela e mettetela avvolta in un tovagliolo a lievitare al caldo.

  Quando questo panetto avrà raddoppiato il suo volume, incorporatelo agli altri 400 grammi di farina, unite lo zucchero, il burro liquefatto, il sale, le uova e impastate energicamente sbattendo varie volte la pasta sulla spianatoia.

  Mettete la pasta a lievitare finchè si sarà raddoppiata di volume e poi fatene delle bomboline grosse come uova ma ben rotonde ed appiattite. Coprite i krapfen con un tovagliolo lasciandoli lievitare per un'ora.

  appena saranno ben gonfi adagiateli nell'olio bollente e lasciateli gonfiare e dorare da ogni lato. Fate sgocciolare l'unto su foglio di carta assorbente, poi servite spolverizzandoli di zucchero a velo.

La ricetta che potete leggere è quella del krapfen da solo, senza la crema. Se voleste riempirli potete preparare una crema pasticcera seguendo la ricetta classica, magari aromatizzandola con la vaniglia. Oppure utilizzate qualunque altro tipo di farcitura preferite.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>