Idee per Halloween: zucca in agrodolce

di Claudia 2



Il successo della zucca non fu immediato. Arrivò in Europa nel XVI secolo, parliamo della variante perenne, originaria dell’America Meridionale, e la zucca attirò le persone che venivano a contatto con essa più che altro stimolandone la fantasia, vista la sua particolare forma. Gli impieghi alimentari all’inizio furono davvero scarsi, visto che la zucca è caratterizzata  da una polpa poco saporita, che non attirrava nessuno. Poi arrivarono lunghe carestie e una volta finite queste qualcuno provò particolari abbinamenti con altri ingredienti, con condimenti e aromi particolari, metodi di cottura diversi e così la zucca è diventato l’ortaggio che noi tutti conosciamo e apprezziamo e che in questo periodo dell’anno acquista anche una fama particolare!

Come detto anche in precedenza negli altri articoli delle ricette che la riguardano, ribadiamo che la zucca è estremamente digeribile e anche che è una fonte eccellente di beta-carotene, un antiossidante che il nostro organismo trasforma in parte in Vitamina A e che si rivela utile per prevenire i danni dei radicali liberi, che possono provocare alcune forme tumorali. In realtà della zucca non andrebbe consumata solo la polpa, ma anche i semi, che sono ricchi di tutta una serie di minerali, quali il magnesio, lo zinco, il fosforo, il ferro e il potassio.

La zucca finisce col rivelarsi un alimento talmente tanto sano e completo che non possiamo davvero limitarci a mangiarla solo in autunno o in questo determinato periodo dell’anno. Può essere Halloween tutte le volte che vogliamo!

Zucca in agrodolce


Ingredienti

1/2 kg. zucca | 3 cucchiaio zucchero | 3 spicchi d'aglio | 1 bicchiere aceto | 1 cucchiaio foglie di menta | 1 dl olio di semi | sale

Preparazione

  Sbucciare la zucca, privarla dei semi e dei filamenti interni e poi tagliarla a fettine di circa 1/2 centimetro di spessore. Disporre le fettine in una ciotola e spolverarle con del sale, in modo che perdano un po' d'acqua.

  Far scaldare l'olio in una padella e friggere le fettine un po' alla volta, lasciandole dorare da entrambi i lati.

  Mettere in un tegamino l'aceto e dopo averlo scaldato unire lo zucchero e lasciarlo sciogliere. Pulire la menta e tritarla insieme agli spicchi d'aglio.

  Lasciare asciugare la zucca su carta da cucina, sistemarla a strati su un piatto da portata e su ogni strato spolvere il trito di aglio e menta.

  Versare l'aceto, intiepidito, sulla zucca e servire.

Non sempre ci soffermiamo sugli abbinamenti delle ricette con i vini. Stavolta un suggerimento può essere utile visto che le preparazioni che prevedono l’agrodolce hanno sempre un gusto e un retrogusto particolari, davvero difficili da abbinare con le bevande in generale e con i vini. Il mio ricettario consiglia l’Orvieto, un vino umbro poco strutturato, delicato e morbido è che ha un leggero retrogusto amarognolo.

http://www.gingerandtomato.com/zuppe-creme/vellutata-zucca-rossa/

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>