Frittata al forno profumata alle erbe, con zucchinette genovesi, salame spagnolo e latte

di Roberta Chiarello 4



Oggi vi propongo una ricetta davvero molto semplice e versatile, ma soprattutto economica e dato il periodo credo non sia poco…!

Prima di illustrarvela però vi do due suggerimenti:

  1. Un’idea alternativa per utilizzare questa frittata al forno? Un aperitivo improvviso con gli amici…tagliatela a quadrucci e servitela anche fredda come stuzzichino rustico …. il successo è assicurato!
  2. Volete provare a far mangiare le verdure e le uova a chi magari non ne va matto? Vi garantisco che questo è uno dei metodi migliori, se poi  fate intingere nel Ketchup i pezzetti di frittata, sarà impossibile resistevi!

Frittata alle erbe con zucchinette, salame spagnolo e latte


Ingredienti

5 uova | mezza cipolla bianca | 120 gr. polpa di pomodoro | 2 zucchinette genovesi | 4 foglioline menta | 4 foglioline salvia | mezzo bicchiere latte | 2 cucchiai pan grattato | 4 cucchiai parmigiano | 2 dadi vegetali | una spolverata curry | 5 fette salame spagnolo | 6 sottilette

Preparazione

  Lavate molto bene le zucchinette genovesi, privatele della parte superiore ed inferiore, ma non pelatele, tagliatele a tocchetti non troppo piccoli e mettetele in un grande contenitore dalle sponde alte. Sbucciate la mezza cipolla e tagliatela molto, molto sottile, unitela alle zucchinette, aggiungete la polpa di pomodoro, rompetegli sopra le uova ed amalgamate il tutto con un cucchiaio di legno.

  Unite le foglioline di menta e salvia che avrete tagliuzzato, il pan grattato, il parmigiano, i dadi ed il curry, mescolate bene e ricordatevi di non cambiare mai il verso in cui girate, perche le uova essendo molto delicate potrebbero impazzire.

  Tagliate le fette di salame spagnolo molto grossolanamente, aggiungetele al resto del condimento, e, ammorbidite il tutto con il latte.

  Foderate con un foglio di carta da forno una teglia alta almeno 2 dita e distribuitegli sopra il composto, mettete il tutto in forno preriscaldato a 150° per 20/25 minuti fino a quando vedrete dorarsi la superficie della vostra frittata.

  Tagliate le sottilette a striscioline e disponetele sopra la frittata formando una specie di rete a maglie larghe come quella con la quale si decorano le crostate. Servite la vostra frittata tiepida su di un tagliere di legno intingendola se vi va in un pò di Ketchup.

E per accompagnare una frittata, dal sapore tutto campagnolo, posso consigliarvi un bel vino che, dato il forte amore che nutro per la mia terra, non può essere che siculo.

Io opterei quindi per un bel Cerasuolo di Vittoria, un fantastico rosso rubino dal gusto vellutato, dai riflessi color amarena e dall’inconfondibile profumo dei frutti rossi come le fragole, le ciliegie e i nostri sicilianissimi fichi d’india, da servire a temperatura ambiente.

Commenti (4)

  1. Non ho capito il finale del puno 3 ….: ?????

    …. della vostra frittata.dimento e ammorbidite il tutto con il latte …??????

  2. Cara Lorenza,
    grazie per avermelo fatto notare e, scusa il pasticcio!!
    E’ stato un errore di battitura/trascrizione al quale ho rimediato grazie al tuo commento. 🙂
    Mi auguro di leggere una tua nota sul come ti sia riuscita questa frittata un pò particolare.
    Ciao,ciao e …. a presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>