Pagliaccio di frittata e verdura: a tavola con allegria

Se per far mangiare un piatto di verdure ai vostri figli o peggio al vostro maritino siete costrette ad ingaggiare una vera e propria battaglia, non disperare. Con alcuni accorgimenti, potete convincere i piccoli di casa a non fare troppi capricci a tavola. «Quando cucini, fatti aiutare dal tuo bambino», suggerisce la dottoressa Waldthaler. «L’ idea di aver contribuito alla preparazione lo invoglierà a mangiare. Inoltre, alterna pietanze di consistenza diversa (croccanti, soffici…) e cerca di insaporire i piatti per renderli più sfiziosi». Infine, provate a trasformare il pasto in un momento di gioco, portando in tavola piatti colorati e presentati in maniera divertente. A questo riguardo provate con il
Pagliaccio di frittata e verdure (ingredienti per quattro persone)


Preparazione:
Sbattere le uova nella ciotola, condirle con 1 pizzico di sale ed il parmigiano grattugiato. Cuocere 4 frittatine, 1 alla volta, nel padellino leggermente unto di olio per circa 3 minuti, girandole a metà cottura. Asciugare le frittate, man mano che sono pronte, su qualche foglio di carta assorbente da cucina e trasferirle su un tagliere o sul un piano di lavoro. Ritagliare i bordi delle frittate, in modo da ottenere dei cerchi regolari, che formeranno le facce dei pagliacci.

Appoggiare ogni frittata su ciascun piatto piano individuale. Formare il naso, appoggiando 1/2 pomodorino ciliegia pulito al centro di ciascuna frittata, dalla parte del taglio. Arrotondare gli angoli di 2 fette di formaggio, formando delle fette quasi circolari. Appoggiarle sulla frittata, sovrapponendole leggermente, per simulare il trucco nella zona del mento e intorno alla bocca. Spuntare e spellare le carote. Grattugiarle a striscioline sottilissime, oppure usate quelle già grattugiate. Disegnare gli occhi, formando una croce con il ketchup. Tracciare anche la linea della bocca con un filo di ketchup. Formare i capelli, appoggiando sopra la testa le carote.

2 commenti su “Pagliaccio di frittata e verdura: a tavola con allegria”

Lascia un commento