Riso alla cantonese, una ricetta internazionale senza glutine

Spread the love

Mi piace tantissimo la cucina esotica e amo sperimentare in cucina. In genere amo molto la cucina mediterranea dell’area greca e tunisina, con sapori speziati e salsine piccanti. La cucina orientale invece non è di mio gradimento, ma qualche ricetta però è davvero deliziosa. Una di queste è la ricetta conosciutissima del riso alla cantonese, portata molto comune al ristorante cinese e nota in tutto il mondo.

Il riso alla cantonese, è una pietanza di origine cinese, molto gradita e popolare sia perché molto vicina ai gusti europei e sia perché presente nei menù dei numerosi ristoranti cinesi sul territorio italiano, che spesso la consigliano abbinata a piatti con intingoli, come il pollo alle mandorle o il maiale in agrodolce. Il riso poi, è una portata sempre presenta nella cucina cinese perchè viene consumato in sostituzione del pane, assente nella cucina cinese.

Il riso alla cantonese si prepara adoperando del riso a grana lunga (tipo basmati) lessato e saltato (preferibilmente nel wok) insieme ad ingredienti come piselli, prosciutto, cipolla, uova strapazzate e salsa di soia.

Esiste una variante del riso alla cantonese che prevede l’aggiunta dei gamberetti lessati. In questo caso potete ridurre il prosciutto a 60 grammi e aggiungere 60 grammi di gamberetti lessati, da fare saltare insieme ai piselli e al prosciutto.

6 commenti su “Riso alla cantonese, una ricetta internazionale senza glutine”

  1. @ Giovanna: Ciao Giovanna. La soia è un alimento che i celiaci possono mangiare (mi riferisco al legume tale e quale) però quando si tratta di preparazioni sofisticate come la salsa di soia, consigliamo sempre di leggere benissimo le etichette. Riguardo alla salsa di soia che si acquista generalmente nei supermercati, è vero che contiene il glutine, ma i celiaci possono utilizzare un tipo speciale di salsa di soia che non lo contiene, anche se è un pochino più difficile da reperire. Se ti interessa ti passo qualche informazione in più… 😉

    Rispondi
  2. @ Anna:
    Certo,
    sapevo che la soia era permessa, ma malgrado questo qualdo ho visto gli ingredienti nella salsa ,trovatasolo nei grandi supermercati, ho evitato di usarla;
    mi piacerebbe avere qualche info in più io la cerco ma nn l ho mai trovata senza quell’ingrediente quando vuoi e puoi sono qui tutta orecchie .
    Grazie ^_^

    Rispondi
  3. Eccomi! 🙂
    Ho trovato un tipo di salsa di soia che non contiene glutine perchè viene prodotta senza frumento. Non credo che si trovi nei supermercati, ma ho letto in alcuni forum che si può acquistare su internet anche se mi sembra un pochino costosetta. Ti mando il link! 🙂

    Rispondi
    • @Giovanna:
      Tutte le salse di soia contengono glutine come da ricetta originale che comprende il macero anche di frumanto. Per noi celiaci è più probabile trovare la salsa Tamari (giapponese) che è molto simile ma ha una preparazione differente che non prevede essenzialmente frumento. Io l’ho cercata per mesi prima di scoprire che che è molto probabile trovarla nei negozi di merce BIO. Ovviamente occhio alla spiga sbarrata!!
      http://en.limafood.com/en-gb/our-products/tamari-strong-pronounced-taste/

Lascia un commento