Insalata di formaggio erborinato e fagioli, un secondo piatto freddo

di Claudia 0



Non lasciamoci trarre in inganno dal nome. I formaggi erborinati non sono quei simpatici tomini che troviamo al mercato e al supermercato, speziati, aromatizzati con le erbe più varie, ma sono “semplicemente” i formaggi a cui vengono aggiunte le muffe nobili e che diventano i deliziosi Gorgonzola e Castelmagno. Il nome erborinato, che trae davvero molto facilmente in inganno, deriva dal dialetto lombardo, “erborin“, ovvero prezzemolo in lombardo, espressione che si riferiva ai formaggi non per indicare la presenza di erbe, ma per andare a sottolineare la caratteristica dei formaggi con le muffe, ovvero quelle venature blu o verdi che contribuiscono a donar loro la particolarità, oltre al sapore e alle consistenze. Detto ciò io vi consiglio di non utilizzare un Gorgonzola a pasta morbida per questa ricetta, piuttosto uno di quelli a pasta dura, oppure un Castelmagno o anche un Requefort, insomma, meglio non impiastricciare il tutto ma completarlo con un formaggio abbastanza sodo!

Insalata di formaggio e fagioli


Ingredienti

200 gr. formaggio erborinato | 1 tazza fagioli bianchi secchi | 2 cucchiaio mandorle | 1 cucchiaio senape di Digione | 2 cucchiaio aceto di sherry | 1 foglia alloro | 2 cucchiaio miele chiaro | 4 cucchiaio olio d'oliva | sale e pepe

Preparazione

  Far rinvenire i fagioli in acqua per una notte intera, quindi scolarli, sistemarli in una pentola e ricoprirli d'acqua, aggiungere l'alloro e cuocerli per 2 ore. Una volta pronti scolarli e metterli a raffreddare in una terrina, eliminando la foglia d'alloro.

  Mescolare in una ciotola l'olio con l'aceto, il miele, la senape, sale e pepe. Versare il condimento sui fagioli, mescolare, e unire le mandorle, che in precedenza avrete fatto tostare in padella. Mescolare con cura.

  Unire infine in formaggio sbriciolato, mescolare ancora e servire subito.

Come spesso accade nelle ricette che comprendono i legumi viene indicato di utilizzare quelli secchi, quindi diciamo che dovreste sempre decidere il giorno prima per il giorno dopo, visto che anche in questo caso il consiglio è quello di tenere prima i fagioli a bagno. Io do’ solo due indicazioni: la prima è che mia mamma non ha mai tenuto a bagno i legumi e posso affermare senza dubbi che sono sempre stati saporiti e buonissimi per tutte le preparazioni; seconda banale osservazione, utilizzare pure i fagioli in scatola, il risultato sarà forse solo un pizzico meno saporito, anche se alcune marche, magari regionali, garantiscono ottimi legumi in vetro o in scatola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>