Oshinko: il sushi vegetariano ma non solo per i vegetariani

di liulai 2

Quest’oggi Ginger&Tomato vuole presentarvi un classico della cucina giapponese: oshinko. Con il termine oshinko vengono indicate molto semplicemente delle verdure in salamoia utilizzate nella decorazione del bento, nel sushi o nel takuwan. Quasi mai si mangia da solo in quanto presenta un sapore decisamente forte ma viene utilizzato soprattutto come decorazione. In origine si chiamava daikan, indicando con questo nome l’unico ortaggio con il quale veniva fatto l’oshinko, una specie di grande ravanello, dalla consistenza carnosa e dal sapore piccante che, messo in salamoia, acquista il classico colore giallo che si ritrova nei makimono. Tuttavia fare l’oshinko è davvero semplice e possono essere utilizzate tutte le combinazioni di verdure possibili. La ricetta di seguito è soltanto un esempio
Oshinko (ingredienti per circa 3 o 4 porzioni)
  • 1 cavolo bianco lavato e tagliato a pezzetti
  • 2 cetrioli, tagliati a rondelle
  • 2 carote tagliate a fettine sottili
  • 1 daikon, tagliato sottile
  • 3 peperoncini secchi
  • 100gr di sale grosso



Preparazione:
Lavare, pulire e tagliare a piccoli pezzi tutte le verdure. Metterle dentro una grande ciotola, coprirle molto bene con il sale grosso. Ricoprire la ciotola con una pellicola trasparente. Sopra la pellicola adagiarvi un piatto da portata così da tenere ben premute le verdure ricoperte di sale; per creare una pressione maggiore potete mettere sopra il piatto anche un grosso peso tipo una bottiglia di acqua (piena naturalmente!).

Sistemare la ciotola in un luogo fresco e lasciare macerare le verdure per tre giorni. Di tanto in tanto girare le verdure e buttare il liquido che si è creato. Dopo tre giorni è possibile mangiare gli oshinko che potranno essere conservati in frigorifero per circa quattro giorni.

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>