Come cucinare le alghe -ultima puntata-

di Claudia 0

Finisce il nostro viaggio alla scoperta di questo affascinante mondo gastronomico. Abbiamo fatto un tuffo nella storia delle alghe e una brevissima puntata per conoscere quelle di uso più comune, che non sono difficili da trovare nemmeno per noi in Occidente. Oggi concludiamo con le ultime quattro ricette, che hanno come protagoniste le alghe Iziki e Arame. Buona lettura e se vi andrà di cercare gli ingredienti e sperimentare qualche nuovo sapore, buona prova di cucina orientale, alla scoperta di nuovi sapori.

Iziki alle mandorle

Ingredienti: 50gr. di iziki, 2 cucchiai di shoyu, 60gr. di mandorle sgusciate, alcuni rametti di prezzemolo.

Lavate le alghe, sistematele in un recipiente, aggiungete dell’acqua e rimescolatele, fate lo stesso sponstandole in un altro recipiente. Infine copritele d’acqua e lasciatele in ammollo per 10 minuti. Trascorso questo tempo tagliatele a pezzi di circa 4 cm, mettete l’acqua dell’ammollo in una pentola, facendo attenzione che sul fondo non vi siano granelli di sabbia, e fate bollire le alghe, aggiungendo, se necessario, altra acqua. Lasciate cuocere per 35 minuti, a fuoco moderato e pentola coperta, unite lo shoyu e lasciate sul fuoco ancora per 20 minuti. Una volta evaporato il liquido unite alle alghe le mandorle tostate e tritate. Guarnite con del prezzemolo tritato e portate in tavola.

Iziki con verdure

Ingredienti: 40gr. di iziki, 1 cucchiaio di shoyu, 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva, 150gr. di cipolle, 80gr. di carote, 50gr. di cavolo bianco, 80gr. di seitan, cipolline, sale.

Usate lo stesso procedimento della ricetta precedente per lavare a lasciare in ammollo le alghe, conservate poi l’acqua dell’ammollo. Tagliate le alghe scolate in pezzi di circa 4 cm l’uno. Cuocete le alghe nella loro acqua, controllando sempre prima che non ci sia sabbia, portando l’acqua a ebollizione, aggiungendone se necessario, e poi lasciando bollire per 35 minuti. Versate lo shoyu nella pentola, lasciate cuocere ancora per una ventina di minuti, in modo che il liquido possa evaporare. In una padella fate saltare le cipolle, tagliate a mezzelune, nell’olio, unite poi le carote lavate, pulite e tagliate a fiammifero, un pizzico di sale e lasciate cuocere per 3 minuti appena. Unite anche il cavolo tagliato a striscioline lunghe e sottili e il seitan tagliato a fiammifero, fate saltare per 3-4 minuti a fiamma allegra, mescolando con un cucchiaio di legno. Infine aggiungete le alghe cotte, lasciate sul fuoco per altri 3-4 minuti, mescolando bene. Versate su un piatto da portata e guarnite con le cipolline tritate.

Arame con funghi e broccoli

Ingredienti: 1 tazza di arame (circa 50gr.), 150gr. di funghi, 150gr. di infiorescenze di broccoli, 2 cucchiai di shoyu, sale.

Dopo aver lavato le alghe lasciatele in ammollo per 10 minuti. Versate poi l’acqua dell’ammollo in una pentola, facendo attenzione che non siano presenti granelli di sabbia, aggiungete le arame e lasciate cuocere per una ventina di minuti, coperte e a fuoco moderato. Nel frattempo lavate i funghi, tagliateli a fettine e dopo i 20 minuti versateli nella pentola e lasciate cuocere ancora per una decina di minuti, senza incoperchiare, in modo che il liquido evapori. Unite poi la salsa di soia. In un’altra pentola versate un po’ d’acqua, salatela, portatela a ebollizione e gettatevi i broccoli, fateli cuocere per 2-3 minuti, scolateli e lasciateli raffreddare su un piatto. Mescolate insieme i broccoli con alghe e funghi, impiattate e servite.

Arame come contorno

Ingredienti: 1 tazza di arame (circa 50gr.), 1 cipolla, 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva, 2 cucchiai di shoyu, 2 spicchi d’aglio, alcuni rametti di prezzemolo, 1 cucchiaio di gomasio.

Lavate accuratamente le alghe, in modo che perdano tutta la sabbia, e lasciatele poi in ammollo per una decina di minuti. Nel frattempo sbucciate e tagliate la cipolla a mezzelune, saltatela in padella con l’olio per alcuni minuti, mescolando con un cucchiaio di legno. Unite le alghe con l’acqua dell’ammolo e lasciate cuocere a fuoco lento per una ventina di minuti. Aggiungete infine lo shoyu e dopo un minuto togliete dal fuoco e mescolatevi un trito di aglio e prezzemolo, spolverate poi con il gomasio.

Il seitan è un alimento ricavato dal glutine del grano, ma anche dal farro o dal Kamut. E’ altamente proteico, infatti è molto utilizzato nella cucina vegetariana visto che è in grado di sostituirsi ai cibi di origine animale.

Il gomasio è un prodotto, molto utilizzato nella cucina asiatica, composto da sale marino e semi di sesamo. E’ abbastanza calorico vista l’elevata presenza di sesamo. Viene utilizzato per condire il riso lessato, salse o insalate.

[photo courtesy of blue lotus]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>