Un secondo di pesce per la Vigilia, le cozze con la mollica

di Ishtar 0



Un secondo molto sfizioso quello di oggi, le cozze con la mollica. Si tratta di un piatto da poter proporre durante la vigilia di natale come secondo. Documentandomi in occasione della pubblicazione di questa ricetta ho scoperto una cosa, il vero nome delle cozze non è quello per cui le conosciamo tutti, ma mitilo. E’ uno dei frutti di mare più saporiti, è ricca di ferro e contiene un ridotto contenuto di grassi. Bella soddisfazione per me che quando mi capita ne faccio certe scorpacciate!

Per la preparazione delle cozze con la mollica, le quali sono facilissime da preparare, vi serviranno due chili di cozze, peso comprensivo dei gusci però. Infatti dovranno essere cotte in una padella a fiamma alta con olio ed uno spicchio di aglio fino a che non si saranno aperte. A questo punto le cozze dovranno essere messe in una ciotola e, successivamente, insaporite sul fuoco per un paio di minuti con aglio tritato ed olio. Ma nel frattempo si dovrà preparare il condimento a base di mollica, e cioè fare dorare nell’olio il pane grattato e una volta cotto si dovrà mescolare con del prezzemolo tritato finemente.

Cozze gratinate


Ingredienti

2 kg. cozze | 2 spicchi aglio | 2 cucchiaio pangrattato | succo di un limone | sale e pepe | olio evo | una manciata prezzemolo tritato

Preparazione

  Mettere le cozze pulite comprese di guscio in una padella con 2 cucchiai di olio, 1 spicchio di aglio. Far cuocere a fiamma alta per 5 minuti.

  Non appena le cozze si saranno aperte metterle da parte.

  In una padella fare dorare il pangratattato con dell'olio, del sale e del pepe. Aggiungere del prezzemolo tritato molto finemente.

  Fare cuocere le cozze per un paio di minuti a parte in una padella con uno spicchio di aglio tritato e un cucchiaio di olio.

  Rimettere le cozze dentro metà guscio, spruzzarle con il succo di limone e coprirle con il composto di pangrattato.

Una spruzzata di succo di limone sulle cozze rimesse ognuna in mezzo guscio, una copertura con la faritura di pangrattato e saranno pronte da essere consumate. Consumatele con moderazione, sempre se ci riuscite!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>