La Tarte Tatin direttamente da “Cotto e Mangiato”

di Claudia 0



 Eccola. La Tarte Tatin. Sono un’appassionata delle torte di mele e delle crostate di mele, dell’American Pie direbbero gli statunitensi e una nonna papera del Tennessee ne preparerebbe una e la metterebbe a raffreddare sul davanzale. Proprio in questi ultimi tempi ho scoperto la Tarte Tatin più buona che io abbia mai mangiato. Così come mi piace preparare dolci devo anche dire che li mangio con piacere ma non sono una golosa, e soprattutto non datemi creme e panna a volontà, niente millefoglie farcita, niente creme che te le ricordi per una settimana, ma ci sono quei due o tre dolci per cui potrei fare una strage. La Tarte Tatin, buona, ben fatta, calda e con il gelato alla crema e una di questi! E cosa, succede, proprio mentre sono sotto l’effetto di questa torta in questo periodo, guardo Cotto e Mangiato e mi ritrovo la ricetta, semplicissima. Non potevo non proporvela!

Tarte Tatin


Ingredienti

1 sfoglia pasta brisè | 4 mele | 150 gr. zucchero

Preparazione

   Sbucciare le mele eliminando i torsoli e tagliarle a fettine (sei fette di ogni mela andranno bene).

   Far caramellare lo zucchero in un tegame, possibilmente in uno che poi possa andare anche in forno, aggiungendo due cucchiai d'acqua. Quando il caramello è pronto appoggiare le mele facendole ben aderire l'una con l'altra, senza lasciare spazi vuoti.

   Sistemare il foglio di pasta brisè sulle mele, facendo rientrare bene i bordi all'interno del tegame. Porre in forno preriscaldato a 180° per circa 20 minuti.

   Una volta tirata fuori dal forno capovolgere immediatamente la tarte tatin nel piatto da portata. Servire calda o tiepida, accompagnata da una pallina di gelato alla crema.

Importante: se non avete un tegame che vada sia sui fornelli che in forno una volta pronto il caramello versatelo immediatamente in una teglia tonda e sistemate le mele sopra di esso, quindi procedete con la preparazione. La Parodi consiglia di gustare la torta tiepida, io la preferisco bella calda, con il gelato che si scioglie prima sopra di essa e poi sotto il palato! La ricetta è davvero semplice e velocissima, ma la riuscita credo dipenda da molti fattori, la pasta, la qualità delle mele…. Noi possiamo solo fare attenzione ai piccoli particolari, come il girare la torta appena sfornata, uno dei segreti della preparazione di questo dolce, e poi saranno le nostre mani a dirci se sanno proprio lavorare come quelle degli chef.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>