Ricetta di un dolce light in vista dell’estate: semifeddo all’ananas

di Roberta Chiarello 3



Chi lo ha detto che se si vuole mantenere la linea bisogna rinunciare ai dolci?

Di certo sarà opportuno rinunciare a quelli canonici traboccanti di cioccolato o di panna, lievitati o ricchi di zucchero, burro o elementi fortemente ingrassanti ma, se poniamo un po’ di attenzione e selezioniamo gli ingredienti giusti , potremo mangiare dei dolci deliziosi, freschi leggeri e assolutamente privi di lievito!

Sto parlando dei Semifreddi, dolci semplicissimi, ricchi di gusto e molto poveri di grassi e zuccheri.

Oggi vi propongo il semifreddo all’ananas, uno di quei dolci per i quali non serve accendere il forno, perché va in frigo e quindi non correrete mai il rischio che la “cottura” non sia appropriata!

Tra le altre cose è un dolce “non dolce” perché vede impiegati solo due cucchiai di zucchero!

E poi, l’ananas è da sempre il primo frutto utilizzato per bruciare i grassi!

Semifeddo all'ananas


Ingredienti

400 gr. yogurt | 500 gr. ananas a fette | 500 gr. latte | 1 foglio di colla di pesce | 2 cucchiai di zucchero

Preparazione

  Fate ammorbidire la colla dì pesce in acqua fredda, strizzatela e fatela sciogliere nel latte bollente. Tagliate quasi tutto l'ananas a pezzetti e frullatelo.

  Unite lo yogurt e lo zucchero alla purea: frullate ancora per l minuto, quindi incorporate il latte con la colla di pesce. Versate il composto in uno stampo da budino bagnato e mettete per 3 ore circa in frigorifero.

  Al momento di servire immergete lo stampo in acqua calda, capovolgete lo stampo su un piatto di portata e sformate il semifreddo. Decoratelo con le fette di ananas rimaste.

Questo semifreddo si presta perfettamente come ottimo dolce per la merenda ma anche come dolce da servire dopo il pasto magari accompagnato da un buon limoncello chiacciato.

Commenti (3)

  1. Ciao! secondo te posso sostituire l’ananas con qualche altro frutto? grazie mille

    1. Certamente Federica, considera che io lo stesso dolce, ho provato a farlo con le arance e con le pesche sciroppate ed una volta con i limoni!!!! ed è venuto buono, buono uguale 🙂

  2. …ci proverò allora, poi ti farò sapere il risultato! grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>