Cacio e pepe, una ricetta per gli spaghetti di Anna Moroni

di Ishtar 2



Credo che alle ricette apparentemente più facili, meno elaborate e ricche, in realtà si debba prestare molta più attenzione per quel che riguarda il risultato finale. Ad esempio un piatto semplice come possono essere gli spaghetti cacio e pepe, facenti parte della tradizione romanesca, diventano una vera e propria opera d’arte se preparati con tutti i crismi. Pecorino romano grattugiato oltre che pepe nero in grani, questi gli ingredienti fondamentali di questo primo piatto, ma non solo, anche loro, gli spaghetti, che devono essere di ottima qualità.

Cacio e pepe


Ingredienti

300 gr. spaghetti alla chitarra | 100 gr. pecorino romano | olio evo | pepe in grani | una noce di burro | 1 spicchio aglio

Preparazione

  Versare in una pentola l'acqua che servirà per la cottura degli spaghetti insieme a poco sale, farli cuocere.

  Versare in una padella dell'olio e farlo riscaldare. Pestare con il mortaio l'aglio vestito insieme ai grani di pepe e un pò di pecorino romano grattugiato.

  A metà cottura scolare gli spaghetti e versarli nella padella facendo terminare la cottura quì insieme all'acqua rimasta in pentola.

  Una volta cotti aggiungere una noce di burro ed il pecorino grattugiato. Servire subito.

Come tutte le ricette popolari anche la cacio e pepe reca con se delle diatribe. L’olio, ci va o non ci va? Nella ricetta di Anna Moroni viene utilizzato insieme al burro, ma il primo solo per soffriggere l’aglio ed il pepe, mentre il secondo viene aggiunto a fine cottura per mantecare la pasta.

C’è anche chi sostiene che l’acqua di cottura della pasta non debba essere salata per via della presenza del pecorino romano grattugiato già abbastanza saporito di suo. Fatto sta che rientra tra le preparazioni della cucina povera, e come tale ha un gusto particolare che viene dalla tradizione. Voi come la preparate la cacio e pepe? Qualche esperto? Attendo consigli!

Commenti (2)

  1. Anatema, per il burro!! Che io sappia, non ci vuole, nemmeno in fase di mantecatura finale. E’ (o almeno dovrebbe esssere, se ben ”maneggiato” e introdotto al momento giusto) il pecorino stesso a sciogliersi in parte e ‘mantecare’ la preparazione.

  2. @ barbara:
    Grazie Barbara, la ricetta della Moroni lo prevede, ma non escludo che, come dici tu, nella ricetta originale non venga utilizzato. Buona Immacolata 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>