Timballo di zucchine e melanzane

di Anna Maria Cantarella 0



Preparare i contorni può essere una impresa ardua. Non sempre infatti è facile abbinare gli ingredienti giusti, che si adattino al secondo piatto, con la giusta dose di creatività sempre necessaria in cucina. I timballi di verdure, da questo punto di vista, possono costituire una valida soluzione al problema. Certo non sono molto rapidi da preparare, ma il risultato finale è sempre perfetto, quindi vale la pena perdere un po’ di tempo in più nella cottura del piatto. Quella che vi propongo oggi è una ricetta che ha sempre successo quando la propongo ai miei ospiti. Somiglia leggermente ad una parmigiana, ma è fatta di zucchine e melanzane, e contiene meno ingredienti e più leggeri, così da non risultare troppo pesante per lo stomaco e per la dieta. La preparazione è semplice. Sbucciate le melanzane e le zucchine, tagliatele a fette e passatele nella farina 00. Poi friggete le fette in olio d’oliva. Infine componete il timballo con gli altri ingredienti e infornate. Semplice e gustoso. Se poi scegliete una teglia dalla forma particolare, potrete servire un piatto che dia anche sfogo alla fantasia.

Timballo di zucchine e melanzane


Ingredienti

200 gr. Melanzane | 200 gr. Zucchine | 200 gr. Pomodori | 250 gr. Mozzarella | Farina | 2 Uova | sale e olio evo

Preparazione

   Tagliate le zucchine e le melanzane a rondelle. Passate le fette nella farina 00 e friggetele in olio extra vergine d'oliva

   Lasciate riposare le fette sulla carta assorbente e preriscaldate il forno a 180°

   Tagliate a pezzi la mozzarella e i pomodori a fette.

   Foderate la teglia di carta forno e disponete le fette di zucchine e melanzane alternandole con i pomodori e la mozzarella.

   Sbattete le uova e versatele sulla superficie del timballo, per ottenere una crosticina dorata.

   Infornate il timballo per circa 20 minuti a 180 gradi. Lasciate riposare e servite tiepido.

I timballi sono specialità culinarie cotte al forno in un apposito stampo per essere serviti sformati. Gli ingredienti possono essere di diverso tipo, dalla pasta al riso, dai ceci alle verdure di ogni tipo, alle carni. Talvolta possono essere preparati mettendo gli ingredienti all’interno di pasta sfoglia o pasta frolla. L’origine dei timballi è da rintracciare nella cucina napoletana, dove tra il ‘700 e l’ ‘800 erano molto in voga nelle cucine dei nobili. Ancora oggi a Napoli, una delle ricette più diffuse è senza dubbio il sartù di riso. La ricetta che vi ho proposto può essere anche utilizzata per farcire la pasta sfoglia. Se volete provare anche questa opzione, prima di comporre il timballo foderate la teglia con un foglio di pasta sfoglia. Componete il timballo e ricoprite con un altra sfoglia. Questa variante, tagliata a quadrettini, può essere utilizzata anche come antipasto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>