Timballo di spinaci e ricotta

di Anna Maria Cantarella Commenta



 

Ancora un timballo? Sì, perchè la cucina italiana ne conta tantissimi. E poi, sono semplici da preparare e basta solo un pizzico di creatività per fare un timballo con gli ingredienti che più ci piacciono e adattarlo alle esigenze dei nostri pranzi. Si può usare la pasta per un primo, o le verdure per utilizzarlo come contorno. Quella di oggi è una ricetta classica, a base di due ingredienti che comunemente si cucinano insieme, gli spinaci e la ricotta. Anche in questo caso, valgono i piccoli suggerimenti di cui vi parlavo ieri. Questo impasto, avvolto in due fogli di pasta sfoglia, si può benissimo trasformare in un antipasto, oppure in una torta salata. Il procedimento è semplice e veloce. Bollite gli spinaci in foglia con poca acqua. Io preferisco quelli freschi, anche se sono noiosi da ripulire, ma si possono utilizzare anche gli spinaci surgelati. Poi sgocciolateli per bene e mischiateli agli altri ingredienti. Fate sempre attenzione che anche la ricotta sia ben sgocciolata. Questo formaggio infatti, quando è fresco contiene molto siero. Infornate per circa 20 minuti a 180 gradi. Come sempre vi consiglio di usare una teglia dalla forma particolare per servire il timballo aggiungendo un tocco di creatività. Questa ricetta è perfetta anche per i bambini. I più piccoli sono sempre restii a mangiare le verdure, ma forse in questo modo si può aggirare l’ostacolo.

Timballo di spinaci e ricotta


Ingredienti

400 gr. spinaci | 200 gr. ricotta | 2 tuorli d'uovo | parmigiano reggiano | sale | burro

Preparazione

  Bollite gli spinaci e sgocciolateli per bene.

  Sgocciolate per bene anche la ricotta e poi unitela agli spinaci.

  Aggiungete al composto i tuorli delle uova, il parmigiano, il sale e una noce di burro.

  Infornate a 180 gradi per circa 20 minuti. Il timballo sarà pronto quando, inserendo uno stuzzicadenti al centro, questo uscirà asciutto.

Ultimi consigli. Quando acquistate gli spinaci freschi fate attenzione che le foglie siano fresche e non ingiallite. In ogni caso quando li preparate per la cottura, eliminate le foglie superficiali del mazzo. In genere sono quelle più gialle e rovinate. Per quanto riguarda la cottura invece, fate sempre attenzione a non esagerare con l’acqua quando li bollite. Gli spinaci infatti sono una verdura molo ricca di nutrienti e contengono anche tanta acqua. Se si fanno bollire con troppo liquido, si rischia di perdere tutti i nutrienti nell’acqua, in più le foglie perdono la loro naturale croccantezza e si ammorbidiscono troppo. L’ideale cottura è una bollitura breve in una pentola molto capiente, con pochissima acqua. Aggiungete gli spinaci piano piano e man mano che si cuociono controllate se è necessario aggiungere altra acqua.