Penne all’ortolana con pancetta

di Roberta Chiarello 2



Per gli intramontabili amanti della pasta asciutta, ecco un primo sfizioso e gustoso, nato dall’esigenza di improvvisare una cena per degli ospiti d’eccezione molto speciali….i  suoceri!….ospiti, che nessuno vorrebbe deludere!

Qualche sera fa, all’improvviso, sento suonare al campanello e…panico…i suoceri!!!

E adesso che faccio?

Cosa gli preparo per cena?

Pizza? No, troppo scontata.

Arrosto e insalatina? No, troppo banale.

Apro il frigo ed avevo davvero poco, anzi di meno!

Erano già le 20:00, quindi addio spesa fulmine al Super….

Scatta il piano B….inventiamo!

Sicurissima di me, li invito a restare a cena e gli preannuncio che gli avrei una specialità che ho fatto “tante volte”, e, che per l’occasione, rifarò apposta per loro!….ovviamente, non sapevo assolutamente cosa avrei fatto e soprattutto, qualsiasi cosa avessi fatto …… l’avrei fatta per la primissima volta!…..altro che averla fatta tante volte!

Ma guardate cose è venuto fuori con un po’ di fantasia e soprattutto con pochissimi ingredienti….

Adesso posso dirvi con sincerità che è stato un successone e che sicuramente è una delle paste asciutte che rifarò.

Penne all'ortolana con pancetta


Ingredienti

1 cipolla bianca | 100 gr. pancetta a dadini | 300 gr. funghi freschi | 200 gr. sedano | 10 pomodori secchi | 1 carota | 1 bustina zafferano | parmigiano | pan grattato abbrustolito | sale e pepe

Preparazione

  Fate rosolare la cipolla in poco olio, aggiungere la pancetta, poi i funghi e di seguito i pomodori secchi tagliuzzati (foto 1). Tagliate la carota a cubetti piccolissimi (foto 2), aggiungetela al condimento, tagliate anche grossolanamente il sedano (foto 4) ed aggiungete anche lui al condimento (foto 5).

  Fate cuocere fino a quando le verdure non si saranno appassite (foto 6).

  Cuocete la pasta in acqua salata e zafferano (foto 7), scolatela al dente, amalgamatela al condimento, aggiungete il pepe e servitela con una spolverata di parmigiano ed una di pan grattato abbrustolito (foto 8).

Ho servito le mie penne super improvvisate con un bel vino della mia amata Sicilia: un Planeta bianco, ed esattamente “La Segreta”, un vino giovane, allegro, vivace, dal profumo dei nostri agrumeti e dei frutti a polpa bianca e dolce, e dal sapore fresco ed esuberante, ottimo compagno per una serata in compagnia.

Commenti (2)

  1. Buoonaaaaaaaaaaaaaaaa!!!
    Ma i pomodori secchi che dici tu qua non si trovano!!!

  2. @ Luca:
    peccato! perchè i pomodori secchi non macerati sott’olio sono più turgidi e sodi, ma questa pietanza puoi farla anche con i pomodorini sott’olio, viene buona uguale. 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>