Nuove ricette per dolci: Eccles Cakes

di Claudia 2



Siamo in Inghilterra. Una leggera pioggerellina bagna il nostro prato verde e tutto il quartiere è immerso in una tranquillità irreale, da dipinto. Delle amiche stanno arrivando per il tè ed ecco che noi, davanti al nostro bellissimo forno tiriamo fuori i dolcetti che abbiamo preparato da servire alle 17,00 in punto: gli Eccles Cakes.

Questi pasticcini ripieni sono per l’appunto il classico dolce da tè di origini inglesi, sono molto carini da vedere e buonissimi. Inoltre come al solito trovo sia sempre il caso di sperimentare nuove ricette, non appena li ho scoperti ho fatto qualche indagine sulle origini sui modi di prepararli e di servirli e li ho trovati così perfetti per una merenda, ma anche per la colazione, e allora proprio non potevo fare a meno di proporveli!

Eccles Cakes


Ingredienti

400 gr. pasta sfoglia | 2 cucchiaio farina | 55 gr. burro ammorbidito | 55 gr. zucchero di canna | 85 gr. uvetta | 25 gr. scorzette candite miste tritate | 1/2 cucchiaino spezie miste in polvere (miste) | 1 albume leggermente sbattuto | 1 cucchiaino zucchero

Preparazione

  Stendere la pasta sfoglia su un piano di lavoro e ricavare da essa 10-12 dischi di circa 9 cm di diametro.

  Lavorare il burro con lo zucchero in una terrina fino ad ottenere un composto omogeneo, aggiungere quindi la frutta candita e le spezie. Mescolare ancora.

  Mettere un cucchiaino di ripieno all'interno di ogni disco di pasta. Raccogliere i bordi dei dischi di pasta in modo che racchiudano il ripieno, quindi pizzicarli per sigillarli.

  Dare forma rotonda ai dolcetti e poi capovolgerli, schiacciandoli leggermente, fino a quando l'uvetta comincerà a intravedersi. Effettuare una griglia di incisioni su ogni dolcetto, sistemarli sulla placca del forno imburrata e lasciarli a riposare per circa 15 minuti.

  Spennellare gli Eccles Cakes con l'albume sbattuto e spolverizzarli con lo zucchero, quindi metterli in forno preriscaldato a 220°, per 15 minuti, fino a quando non saranno croccanti e dorati.

  Mettere i dolcetti a raffreddare su una gratella e poi a piacere aggiungere altro zucchero.

Gli Eccles Cakes possono essere serviti ancora caldi, lasciati a raffreddare giusto il tempo che siano poi buoni da mangiare, senza scottare, oppure possono essere conservati fino a una settimana e vanno riscaldati prima di essere serviti agli ospiti.

Commenti (2)

  1. vorrei avere delle idee nuove su cosa fare per cena a mio marito,ma….c’è un ma….lui fa il cuoco e torna molto tardi la sera (23.30/24.00) e al ristorante cena molto presto (18.30) quindi ,la sera quando torna, ha un pò fame. Ma non ho mai idee appetitose ma leggere adatte all’ora! La pasta non la vuole mai, la vedrura non la mangia volentieri…insomma,è un pò complicato…. come devo fare????AIUTO! grazie mille anticipatamente!

    1. Ciao Manuela, bel dilemma! Provo a tirare fuori qualche idea, poi, qui su Ginger potrai trovare tantissime ricette, anche utilizzando come parole di ricerca qualcuno dei suggerimenti più generali che possono venirmi in mente adesso!
      Innanzi tutto direi che se hai tempo, e se a tuo marito piacciono, potrebbe essere carino anche fargli trovare sempre qualche dolcino, proprio da mangiare prima di andare a dormire, quindi muffin, cupcake o torte base, allo yogurt ad esempio, sono perfetti, ne basta uno, sono buonissimi e hai una bella soddisfazione prima del riposo! Poi, potresti preparargli delle torte salate, in questo modo anche le verdure sono più appetitose, e poi puoi variare preparandole con carne, formaggi e affettati. Infine, per i secondi, carne e pesce, puoi preparare delle cose al forno, così quando lui arriva basta scaldarle, tipo l’orata o la spigola con le patate, leggero ma sostanzioso, o dei tagli di carne da preparare al forno, chiedendo magari consiglio al macellaio.
      Ti sono stata un po’ utile? Fammi sapere come va!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>