Ricette senza glutine, tacos de queso

di Filomena 2



Che ne dite di una ricetta messicana? Ogni tanto è anche giusto assaggiare qualcosa che abbia un’altra nazionalità, quindi oggi prepareremo insieme un antipasto che viene da molto lontano. Cucineremo i tacos de queso. Sicuramente avrete sentito parlare di questo tipico piatto messicano; in ogni caso per chi lo sentisse oggi la prima volta spieghiamo subito di cosa si tratta.  I tacos sono delle tortillas messicane ideali per chi non può mangiare alimenti che contengono glutine. Infatti sono preparati con della farina di mais: una sorta di piadina per intenderci. Il taco messicano è generalmente morbido ma le tortillas possono essere anche fritte al punto di diventare croccanti. L’ingrediente principale che utilizzeremo anche noi oggi è il formaggio. Andando però in giro per il mondo il condimento cambia. Come sempre interviene il gusto personale.

tacos de queso


Ingredienti

una cipollta tritata | olio extra vergine d'oliva | 12 tortillas | 450 gr. pomodori pelati | 120 gr. peproncino verde tritato | un cucchiaino origano secco | una tazza panna acida | 250 gr. formaggio tipo caciotta

Preparazione

   Per prima cosa prepariamo il ripieno da mettere dentro alle tortillas.Soffriggiamo la cipolla in due cucchiai d'olio facendola così intenerire.Uniamo poi i pomodori pelati, i peperoncini e l'origano.Facciamo cuocere il tutto lentamente per una ventina di minuti fino a che il sugo non si sia addensato.

   In un padellino profondo immergiamo le tortillas in due cucchiai d'olio bollente per 10 secondi oppure possiamo passarle in un po’ di sugo che ci è rimasto.Se l’olio è tanto le asciughiamo con della carta assorbente

   Tagliamo il formaggio in dodici strisce.Prepariamo le nostre tortillas: mettiamo una striscia di formaggio e due cucchiai di salsa al centro di ogni tortilla;assicuriamoci che i bordi siano ben chiusi.Adagiamo poi su un piano di cottura e copriamo bene con carta d'alluminio.

   Facciamo cuocere in forno a una temperatura di 180° per una decina di minuti.Togliamo poi la carta di alluminio e facciamo cuocere ancora qualche minuto. Riapriamo infine le tortillas e aggiungiamo la panna acida;ultima cosa: le arrotoliamo.

Un buon sughetto ci servirà sia per riempirle che per saltarle in padella: saranno infatti ancora più saporite così facendo. Peperoncino, cipolla e formaggio saranno poi gli altri ingredienti che ci permetteranno di riempire le nostre tortillas. Vi consiglio di acquistarne almeno 12 per preparare un antipasto per quattro persone. Se non gradite il piccante evitate di utilizzare il peperoncino.

Commenti (2)

  1. Allora prima di tutto vi dicco che io sonno messicana e ho guardata inorridita questa ricetta che chiamate messicana, potette chiamarla in un altra maniera ma mai un taco de queso, prima di tutto. Le tortillas son fatte de una farina di maiz, che qui in Italia e quasi impossibile trovare, perché deve essere farina nixtamaliza, che vuol dire con agiunta di calce, si quella che si usa per le costruzioni delle abitazioni, solo la vendono in Messico o nei stati uniti, la marca più commerciale si chiama Maseca. Quelle che si trovano qui son un mix di farina di grano con un po di maiz e non vengono benne fritte, i prodotti di taco fiesta son Tex mex niente a che vedere con la cucina messicana, solo si trovano i prodotti la costena, che quelli si son messicani il pacheto che dice per tacos non sono altro che una tortilla di maiz frita, e non serve a fare i tacos caso mai serve per fare le enchiladas, che e la vostra riceta, gia che metendola nel sugo si amorbidisce, e allora si puo arrotolare e metere al forno. Allora le tortillas possono essere anche di farina di grano, ma quelle si usano per altre ricette non vano benne fritte.
    La tortilla morbida ripiena di qualsiasi cosa apparte il formaggio; si chiama taco. Quando si FRIGGE si chiama tostada che è quello che diceva la vostra riceta. Quando la tortilla morbida calda si riempie di formaggio allora si chiama QUESADILLA.
    In questo caso si puo chiamare enchilada de queso, il proceso e quello si frigie e poi si mette nel sugo, e poi nel forno, Una tostada che si bagna con sugo e poi si arrotola si chiama Enchilada.
    Questa è informazione de una messicana dello stato de Hidalgo. Tante cose cambiano anche da noi, ma in generale questi sonno i nomi conosciuti in tutto Messico, e benne che fuori confini si conosca la realtà de la nostra gastronomia, e se qualcuno vuole inventarsi una ricetta e libero, ma la deve chiamare in un altra maniera e non farla passare come messicana.
    Grazie

    1. Grazie dei preziosi consigli..in realtà però oggi nei supermercati si trova di tutto, anche le farine che provengono da altri paesi. Però anche se la trovo quella che suggerisci tu, con l’aggiunta di calce…te la lascio volentieri;=)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>