Cavolo (Brassica oleracea)

di Ishtar 0

Cavolo (Brassica oleracea)

Inglese: cabbage; Francese: chou commun; Spagnolo: col silvestre; Tedesco: Gemüsekohl

Caratteristiche generali

Il cavolo è una delle verdure più nutrienti al mondo. Ricco di numerose proprietà benefiche, dovrebbe occupare grande rilievo all’interno della nostra alimentazione.  I cavoli appartengono alla famiglia delle crucifere, varietà Brassica. Ortaggi saporiti e poco calorici trovano ampio spazio in cucina nella realizzazione di diverse pietanze. Sono ricchi di vitamina C, che va in parte perduta a seguito della cottura, di acido folico, fibre e potassio.

 

Varietà esistenti

Le varietà più diffuse sono il cavolo cappuccio, il cavolo verza, il cavolo cinese, quello marino, il cavolo nero, i cavolini di Bruxelles ed ancora il broccolo, i broccoletti ed il cavolfiore.

Stagione e diffusione

I cavoli sono ortaggi tipici del periodo invernale. Durante le stagioni fredde è possibile reperire le qualità ed i prezzi migliori. La maggior parte delle varietà è originaria del bacino del Mediterraneo.

Proprietà nutritive e calorie

Numerose, come anticipato prima, sono le proprietà nutritive del cavolo: innanzituto il contenuto di ferro, che a parità di peso è maggiore rispetto a quello contenuto nella carne. Non solo, il cavolo contiene anche una maggiore quantità di calcio, sempre a parità di peso, rispetto al latte. E’ ricco di fibre (una porzione di cavoli fornisce all’organismo il 5% di quelle necessarie al fabbisogno giornaliero), di acidi grassi, fondamentali per il nostro benessere, ed essendo ricco di vitamina A e C svolge un’importante azione antiossidante. Tra le altre proprietà un cenno meritano quella disintossicante e depurativa e di rafforzamento del sistema immunitario, ciò grazie al contenuto elevato di preziose sostanze benefiche che aiutano il corpo a difendersi da malattie, germi e batteri. I cavoli hanno un ridotto contenuto calorico, che si aggira, in media, intorno alle 35 calorie per 100 gr.

Raccolta e Conservazione

Trattandosi di un ortaggio tipico delle stagioni fredde, la raccolta del cavolo avviene principalmente dall’autunno all’inizio della primavera. I cavoli si conservano in frigorifero per pochi giorni mantenendo intatte le loro proprietà, meglio comunque consumarli freschi. Possono anche venire cotti e congelati, in questo caso si conservano per diversi mesi.

Principali impieghi in cucina

Tutte le varietà di cavolo trovano ampio spazio in cucina nella realizzazione di numerose pietanze. Sono ottimi se utilizzati per le vellutate o le creme di verdure, insostituibili in numerosi contorni semplicemente lessi e conditi con ingredienti semplici. Inoltre possono costituire il condimento di primi piatti gustosi, anche da fare al forno. Possono essere utilizzati nel ripieno di torte salate ed ancora la base per delle sfiziose frittelle.

Note e curiosità

Il cavolo, il cavolfiore, i broccoli, sono fondamentali nell’ambito della nostra alimentazione, ma spesso lo sgradevole odore che invade la casa a seguito della loro cottura ci scoraggia spingendoci a rinunciare a consumarli. Per ovviare al problema esistono alcuni e semplici trucchi: ponete dell‘aceto all’interno di una tazzina da posizionare vicino il coperchio della pentola oppure inserite all’interno della pentola una fetta di pane imbevuta dello stesso.

Photo Credit | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>