carciofi alla trapanese

Strano a dirsi ma vero, e non è per essere “ruffiana” come si dice dalle mie parti, ma, grazie a mia suocera ho imparato tante cosine graziose in cucina. Oggi, come vi ho anticipato ieri, nell’articolo sulle orecchiette ai carciofi, feta greca e arancia, vi illustrerò come, proprio  “la suocera”, mi ha insegnato a fare i carciofi alla Trapanese. Tra tutte le ricette che vi ho postato, questa è davvero la più semplice e leggera; quindi andrà benissimo per tutti, grandi, piccini, golosi e per tutti coloro che sono perennemente a dieta o che semplicemente, vogliono depurare un po’ il loro corpo dopo le feste ed in attesa delle leccornie di Carnevale.

 

Carciofi alla trapanese


Ingredienti

6 carciofi | un ciuffo prezzemolo | olio, sale e pepe | acqua

Preparazione

  Pulite i carciofi come in foto 1, 2 e 3, privateli delle foglie più dure (foto 4, 5, 6) e metteteli a bagno per una ventina di minuti con acqua sale e limone (foto 7), per far si che non si anneriscano.

  Fateli gocciolare a testa in giù in un tagliare e batteteli, sempre a testa in giù (foto 8) per farli aprire, come delle rose (foto 9).

  Disponeteli in un tegame dai bordi alti (foto 10), conditeli con olio,sale e pepe, versate sul fondo del tegame un bicchiere d'acqua (foto 11) e fateli cuocere a fuoco medio per 40 minuti satando attenti a non fare asciugare l'acqua.

Come vi dicevo ieri a pietanze a base di carciofi come queste la cosa migliore da abbinare è un bel salutare, semplice e purificante bicchiere di acqua.