Ricette vigilia di Natale: minestra di ceci

di Ishtar 0



Durante la cena della vigilia di Natale le grandi protagoniste sono sicuramente le minestre. Che si tratti di zuppe di pesce, di vellutate o di creme avvolgenti, il bello è affondare il cucchiaio in un piatto caldo. Uno di questi, pensato appositamente sia per la vigilia di Natale che per i vegetariani e chi predilige un’alimentazione sana e controllata anche nei giorni di festa è la minestra di ceci. Un piatto ricco a base di verdure contenente oltre i ceci anche il cavolfiore, i fagiolini, le carote, le patate e le cipolle, ed infine la pasta, ovvero gli spaghetti.

minestra di ceci


Ingredienti

250 gr. ceci in scatola | 1/2 cavolfiore | 100 gr. fagiolini | 2 carote | 1 patata | 1 cipolla | olio evo | 200 gr. spaghetti | sale e pepe

Preparazione

  Lavare tutte le verdure e tagliarle a pezzi.Tritare la cipolle e metterla a soffriggere in una pentola con l'olio evo.

  Unire le verdure e farle insaporire. Aggiungere 1/2 lt di acqua calda e cuocere per circa 15 minuti.

  Unire a questo punto i ceci sgocciolati ed unire un litro di acqua calda. Regolare di sale e pepe. Unire quindi anche gli spaghetti spezzettati e cuocere per 8 minuti.

  Servire la minestra calda con un filo di olio evo.

I ceci, veri protagonisti di questa ricetta sono dei legumi molto apprezzati. Poveri di grassi e ricchi di proteine e di minerali oltre che di vitamia E, sono consigliati nelle diete vegetariane come validi sostituti della carne. La ricetta in questione prevede l’utilizzo dei ceci già cotti. Volendo possono essere utilizzati quelli secchi ma in questo caso la preparazione si allunga e dovrete ricordare di metterli a bagno in acqua almeno 12 ore prima, andrà bene la sera precedente.

Per ottenere una minestra originale invece potete sostituire gli spaghetti, formato classico, con della pasta a tema natalizio, le stelle ad esempio, per la felicità dei bambini. Altre minestre consigliate? Quella con verza e pancetta, la minestra maritata di cicoria e la minestra di ceci e sparacelli. La ricetta proviene da un vecchio numero della rivista Cucina No problem.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>