La minestra maritata di cicoria. Un comfort food tradizionale del Natale.

di Anna Maria Cantarella 0



Io amo le minestre e trovo che specialmente a Natale, quando fuori dalle finestre il freddo è pungente, siano un piatto perfetto da gustare. La minestra maritata è un piatto tipico della Calabria e si cucina specialmente durante le feste, a Natale ma anche a Pasqua. Questa minestra si chiama “maritata” perchè si fa riferimento al connubio perfetto tra gli ingredienti che la compongono, che crea un perfetto matrimonio di sapori e di gusto. La ricetta nel corso degli anni è stata modificata molto rispetto all’originale della tradizione, anche perchè risulta sempre più difficile trovarein commercio gli ingredienti. In occasione delle festività natalizie però, nei mercatini rionali calabresi è un pochino più facile trovare tutto quello che serve per cucinare questa minestra, cioè la cicoria, le fave secche, la scarola, il finocchio selvatico. Come avviene per gran parte delle minestre anche la minestra maritata si serve con un fondo di dadini di pane tostato. E come tutte le ricette tradizionali anche questa ha numerose varianti che vengono rivendicate come originali ed è un piatto della tradizione non solo calabra ma anche campana. Nella Ciociaria infatti, la minestra maritata si cucina con l’aggiunta della carne e si mangia il giorno di Santo Stefano per “ripulire lo stomaco” dopo i giorni di esagerazioni culinarie.  Dopo ore di paziente cottura a fuoco lento, il risultato è un piatto leggero ma davvero gustosissimo. Nel nostro blog trovate anche la versione napoletana della minestra maritata.

Minestra maritata


Ingredienti

500 gr. fave secche | 300 gr. cicoria | 300 gr. scarola | 200 gr. finocchio selvatico | 1 cipolla | 200 gr. pancetta | 1/2 lt. brodo di carne | 150 gr. pane a dadini tostato o fritto | olio evo | peperoncino rosso | sale

Preparazione

   Mettete le fave secche in ammollo in acqua fredda per una notte. Il giorno seguente lessatele in acqua leggermente salata finchè non saranno tenere. Ci vorrà circa un'ora e mezza. Poi passatele nel passaverdure e tenetele da parte.

   In una pentola con acqua salata, sbollentate la cicoria, la scarola e il finocchietto per 15 minuti. Poi scolate le verdure e strizzatele se sono troppo impregnate d'acqua.

   In una padella capiente fate rosolare la cipolla tritata con la pancetta e un filo d'olio. Poi aggiungete il brodo di carne, il passato di fave e le verdure. Regolate di sale e lasciate cuocere ancora qualche minuto. Aggiungete il peperoncino a piacere.

   Servite la minestra calda nelle scodelle individuali, disponendo nel fondo di ognuna i dadini di pane tostato o fritto.

 Se voleste seguire una ricetta un pochino più saporita, più campana che calabrese, potete aggiungere alla vostra minestra maritata la carne. Ci sono molte versioni in proposito ma la più comune prevede di preparare un la minestra aggiungendo carne di maiale, un pochino di lardo e un osso di prosciutto. Certamente non sarà più un piatto molto leggero ma diventerà di sicuro molto saporito. e poi se vi resta il brodo di cottura della carne potete utilizzarlo per condire i tortellini o i passatelli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>