I Passatelli in brodo un primo piatto per il pranzo della Domenica

di Germana 2



Non so quanti di voi conoscono i Passatelli, io personalmente ho imparato a conoscerli quando mi sono trasferita qui in Emilia Romagna. Si tratta di un piatto tipico romagnolo che si può gustare sia in brodo che asciutto, ma io personalmente trovo che in brodo siano eccezionali. Per prepararli serve il così detto “ferro per passatelli” ma può andar bene anche uno schiacciapatate a fori larghi. Infatti si tratta di un impasto fondamentalmente a base di grana grattugiato, uova e pangrattato che dovrà avere una consistenza piuttosto morbida, simile appunto a quella della patata lessa. Una volta pronto questo impasto dovrete appunto metterlo nello schiacciapatate e spingere in modo che escano fuori queste striscioline lunghe e rugose di pasta, i passatelli appunto. Poi lasciateli asciugare un pochino su un vassoio ed infine tuffateli per qualche minuto in un buon brodo di gallina. Il risultato sarà eccellente, una valida alternativa ai cappelletti.

Passatelli in Brodo


Ingredienti

150 gr. grana grattugiato stagionato almeno 18 mesi | 120 gr. pangrattato di casa | 2 medie uova bio | scorza di limone grattugiata | pepe nero

Preparazione

  In una ciotola mescolare il grana con il pangrattato, poi metterlo su una spianatoia, fare la fontana e mettere al centro le uova già sbattute.

  Aggiungere la scorza di limone ed il pepe e mescolare il tutto dapprima con una forchetta poi con le mani fino ad ottenere un impasto abbastanza morbido. A questo punto avvolgetelo nella pellicola e lasciatelo riposare per circa 30 minuti a temperatura ambiente.

  Prendete lo schiacciapatate metteteci un pezzo di impasto dentro e pressate in modo da far venire fuori i passatelli. Disponeteli su un vassoio di cartone e fateli asciugare per 1 ora circa.

  A questo punto portate il brodo a bollore e cuocete i vostri passatelli, vedrete saranno deliziosi!

Commenti (2)

  1. CIAO,IO AGGINGEREI ANCHE NOCE MOSCATA E VOLENDO ANCHE UN CUCCHIAIO DI FARINA!

  2. Ciao Simone, se ti piace la noce moscata mettila pure, ma la farina io non l’ho davvero mai utilizzata né mai vista aggiungere, l’impasto diventerebbe davvero troppo duro ed inoltre dovresti anche allungare la cottura perché altrimenti la farina cruda resta piuttosto indigesta. Ciao e buon pomeriggio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>