Maccheroni giri e besciamella al forno, per una vigilia di Natale tutta vegetariana

di Roberta Chiarello 9



Quest’ anno per Natale, stupiamo i nostri ospiti e, salviamo le nostre finanze!

Non portiamo a tavola solo carne, carne e poi ancora carne; lasciamo spazio alle verdure, spesso sottovalutate!

Le verdure, sono degli alimenti sani e completi, e, se cucinate in maniera particolare possono risultare molto appetitose e davvero invitanti.

Quindi, al posto di pietanze a base di carne o pesce, sicuramente ottime, perchè per queste feste non proviamo a fare pasti totalmente vegetariani dall’antipasto al contorno?

Io, cercherò di darvi qualche idea ma, ricordatevi che la cucina è prima di tutto fantasia e come seconda cosa, in linea generale, se due colori (di alimenti) stanno bene vicini, visivamente, quindi se il loro effetto cromatico vi piace, allora è quasi sicuro che saranno anche buoni da mangiare…

Non ci credete?

Provate….

pasta con i giri


Ingredienti

1 kg. giri | 250 gr. maccheroni | formaggio grattugiato | 1 confezione besciamella | sale | Per fare la besciamella | 500 gr. latte | 50 gr. farina | 25 gr. burro | sale

Preparazione

   Se avete deciso di fare da voi la besciamella mettete in un pentolino il burro, fatelo sciogliere, senza farlo friggere, una volta scioltolo, spegnete il fuoco e versate pian piano la farina fino al completo assorbimento. Scaldate il latte e, sempre a fuoco spento, versatelo sul composto, omogeneo, ottenuto da burro e farina, fino al completo accorpamento. Riaccendete la fiamma e mescolando sempre, senza mai fermarvi, fate addensare. Se invece avete il Bimby, mettete nel boccale latte, farina, burro e sale e fate andare il tutto a 90° per 6 min. Vel. 4 .

   Pulite i giri, togliendo soprattutto i filamenti (foto 3), metteteli in una vasca (foto 4) e lavateli molto accuratamente sotto l'acqua corrente (foto 5). Metteteli in una pentola con un po' d'acqua e sale (foto 6) e fateli cuocere per circa 15 minuti a fuoco medio (foto 7). Una volta cotti “pescateli” dalla pentola con un prendi spaghetti e tagliuzzateli (foto 8).

   Aggiungete all'acqua di cottura dei giri altra acqua, fate bollire e buttate la pasta. Attenti a tirare fuori la pasta qualche minuto prima e quindi al dente, perchè poi andrà passata in forno.

   Scolate bene la pasta, tenendo sempre da parte la solita tazza di acqua di cottura, nell'eventualità in cui il nostro condimento dovesse risultare troppo asciutto.

   Unite i giri tagliuzzati alla pasta (foto 9), la besciamella (foto 10), amalgamate bene (foto 11), versate in una pirofila da forno (foto 12), cospargete di formaggio grattugiato (foto 13) e passate in forno già caldo, prima per 10 minuti a 200° ed in ultimo per 5 minuti solo grill, fino ad ottenere la classica crosticina scura (foto 14). Servite calda.

Il vino che vi consiglio di bere con questa particolare pasta al forno è uno strepitoso I.G.T. siciliano bianco delle famose cantine Donnafugata, sto parlando del Lighea.

Questo elegante vino dal colore del sole della Sicilia e dai riflessi oro molto brillanti, porterà sulla vostra tavola un raggio di sole della mia amata terra.

Il suo nome “Lighea” appartiene, secondo i racconti di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, ad una splendida ed affascinante sirena dagli occhi verdi e dai capelli oro; personaggio dal quale si evince mistero, seduzione, intrigo, tutte caratteristiche di questo vino che regala al nostro palato, e ai nostri sensi olfattivi, un inebriante profumo dei frutti bianchi dolci, degli agrumi della conca d’oro e della odorosa ginestra.

La sua morbidezza accarezzerà il vostro palato regalandovi una sensazione di sapidità ed equilibrio davvero sorprendenti.

In una parola sola, il Lighea, è un vino che incanta, come una mistica sirena.

Commenti (9)

  1. Questa ricetta deve essere squisita.
    Ma cosa sono i giri?
    Qui a Milano non li conosco e non mi sembra di averli mai visti.

  2. Cinzia, considera che i giri sono i “fratellini” delle coste….fanno parte sempre della stessa famiglia, ma si avvicinano molto agli spinaci per forma e per sapore.
    Probabilmente hai ragione, a Milano mi sa che non li trovi ma potresti fare la stessa cosa utilizzandi le coste, oppure le erbette.
    Questa ricetta, è davvero squisita ma, ha una caratteristica ancora più importante, non so se hai notato, non c’è nulla di soffritto, non c’è cipolla, non c’è aglio, è molto leggera e digeribilissima;
    é ovvio che se la si vuole arrichire si può far saltare la verdura con l’aglio, si può aggiungere della mozzarella o delle sottilette e per fare una doratura ancora più dorata, su possono aggiungere dei fiocchetti di burro ma….credimi Cinzia, così è un piatto molto gustoso, delicato e, ripeto, molto, molto digeribile!
    Buon inizio feste e, se la provi con le coste, fammelo sapere! 😉

  3. è molto buona così come è non trovate? buona serata

  4. Questa è la prima ricetta sui giri che trovo su internet. Fino ad ora non avevo trovato molti usi se non farli bolliti con olio e limone, oppure fatti a frittatiten. Questa ricetta mi apre il mondo a tante nuove opportunità di cottura…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>