Ricette dolci, le madeleines

di Claudia 0



Le madeleines sono dei tipici dolcetti francesi, per la precisione della Francia del Nord-Est, arrivano infatti dal comune di Commercy. Come si può vedere dall’immagine questi piccoli dolci hanno una forma come di conchiglia e infatti una prerogativa fondamentale per la loro preparazione sta nel fatto che bisogna possedere gli appositi stampini.

La ricetta è estremamente semplice, simile in tutto e per tutto a quella di una soffice torta, con burro, farina, zucchero e uova, solo che la grande differenza sta poi proprio nel fatto che andremo a ricavare questi piccoli dolcetti, perfetti per la colazione e la merenda, ottimi da gustare con una tazza di cappuccino, di tè o di cioccolato caldo. La madeleine credo abbia raggiunto il suo massimo periodo di successo e anche solo di conoscenza verso chi non si intende di pasticceria, ricordiamoci che questi dolcetti arrivano da un piccolo comune del nord della Francia, grazie all’opera di Proust “Alla ricerca del tempo perduto“.

Madeleines


Ingredienti

1 uovo | 1 albume d'uovo | 90 gr. zucchero | 1 cucchiaio liquore amaretto | 90 gr. farina | 45 gr. burro, sciolto e raffreddato | 1 cucchiaio zucchero vanigliato

Preparazione

  Scaldare il forno a 200° e ungere 20 stampi per madeleines, quindi infarinarli leggermente.

  Mettere in una ciotola l'uovo intero, l'albume, l'amaretto e lo zucchero, montare con la frusta fino a quando il composto diventerà cremoso. Setacciare la farina e incorporarla delicatamente con un cucchiaio di legno, quindi unire anche il burro fuso e raffreddato.

  Riempire gli stampi con la metà del composto, metterli in forno per 15-20 minuti, fino a quando saranno elastici, gonfi e dorati.

  Rovesciare i dolcetti sulla gratella e spolverizzarli con lo zucchero a velo vanigliato. Le madeleines possono essere servite ancora calde o fredde.

L’autore infatti, mangiando una madeleine richiama alla memoria i suoi ricordi d’infanzia e questo evento diventa poi il catalizzatore di tutta l’opera, uno spunto che oltretutto tutti possiamo riportare alla mente, visto che non esiste una sola persona che non porti dentro di sè il sapore di qualcosa che mangiava da bambino e che racchiude teneri ricordi d’infanzia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>