Tempo di fichi? Prepariamo la marmellata

di Ishtar 3



I fichi, uno dei frutti piú dolci che esista: non é un caso che contengano circa 74 calorie ogni 100 gr, piú o meno come l’uva. Esistono diverse varietá di fichi, forse i piú conosciuti sono quelli verdi (oggetto della nostra marmellata) e quelli neri.

Per via della loro delicatezza i fichi non sono molto commercializzati, ma non é sicuramente un problema reperirili. Dunque, ogni anno durante questo periodo piú o meno, mi ritrovo in casa una discreta quantitá di fichi (santa nonna che ne possiede un albero molto molto prolifero), cosí penso bene di preparare una scorta di marmellata di fichi per tutto l’anno.

La marmellata di fichi é ottima spalmata sul pane, per la farcitura di crostate, per il ripieno di strudel e dolcetti vari. La marmellata che vi propongo oggi é aromatizzata al limone.

Marmellata di fichi al limone


Ingredienti

2 kg. fichi | 400 gr. zucchero | 4 limoni non trattati | rum a piacere

Preparazione

  Sbucciare i fichi e tagliarli in quattro. Metterli in una pentola insieme al succo dei limoni e alla buccia del limone (solo la parte gialla).

  Far cuocere rimestando continuamente.

  Quando la marmellata inizia a prendere consistenza unire lo zucchero e continuare a girare in continuazione per evitare che il composto si attacchi al fondo della pentola.

  Fare la prova per vedere se è pronta (ossia mettere una goccia su un piatto se non cola è pronta), Unire, se piace, 2 cucchiai di rum.

  Travasare nei vasetti ancora calda girarli sottosopra e farli raffreddare.

Il gusto acidulo del limone va a contrastare quello molto dolce dei fichi creando un’armonia di sapori perfetta. Se anche voi vi ritrovate in casa dei fichi in grande quantitá e non sapete come utilizzali (oltre a mangiarli, ovviamente) vi consiglio di farne una marmellata, vi  donerá gioia magari quando i fichi saranno solo un ricordo.

Commenti (3)

  1. al punto 2 dici di aggiungere un cucchiaio di limone ma non era stato messo già tutto?

  2. @ mammavera:
    Ciao, hai ragione, in effetti ho ripetuto di mettere il limone due volte. Ho appena corretto, grazie per la segnalazione:)

  3. è una bella ricetta, grazie a te per averla proposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>