Frittata di pasta con salame e provolone

di Ishtar 0



Oltre a costituire un ricco primo piatto tutto da gustare, la frittata di pasta con salame e provolone rappresenta un’ottima pietanza svuota frigo e consuma avanzi. Avete della pasta cotta avanzata? Dei salumi in frigo da smaltire? Allora non vi resta che mettere tutto insieme e dar vita al vostro pranzo subito pronto da mangiare. In questo caso a fare da condimento agli spaghetti abbiamo del salame e del provolone sostituibili, come sempre, con i “rimasugli” a vostra disposizione, dal prosciutto cotto alla mortadella, dalla scamorza al galbanino.

Frittata di pasta con salame e provolone


Ingredienti

500 g di spaghetti | 5 uova | 80 g di salame napoletano a pezzetti | 100 g di provolone | 40 g di pecorino grattugiato | olio extravergine di oliva | sale e pepe

Preparazione

  Versare in una padella un filo d’olio. Nel frattempo in una ciotola lavorare le uova con il sale, il pepe ed il pecorin. Unire quindi la pasta avanzata già cotta.

  Amalgamare bene e versare nella padella parte degli spaghetti, appiattirli creando una base e coprire con provola, provolone e salame a cubetti. Coprire con gli spaghetti rimasti e pressare leggermente.

  Cuocere da ambo i lati per almeno 15 minuti. Spegnere la fiamma, fare riposare per una decina di minuti e servire calda.

Ricetta appartenente alla tradizione napoletana, non si può certo definire una pietanza raffinata, ma proprio nella sua rusticità sta il suo punto di forza che la rende perfetta per qualsiasi occasione, dalle scampagnate al pranzo in ufficio fino a, perchè no, l’antipasto. Piace a tutti e può essere personalizzata all’infinito. Altre varianti? La frittata di pane e salame di Alessandro Borghese, la frittata di pasta con peperoni e piselli e la frittata di spaghetti napoletana al forno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>