Gnocchi del Carnevale di Verona

di Fabiana Commenta



Si chiamano gnocchi del Carnevale di Verona e tradizionalmente venivano preparati con la pastissada o stracotto di cavallo. Gli gnocchi nacquero nel 1531 quando furono distribuiti ai cittadini più poveri del quartiere di San Zeno per sedare una probabile rivolta a causa della carestia.

Preparati con pane, vino, burro, farina e formaggio sono diventati un piatto tradizionale che veniva preparato con la “pastissada de cavàl”, un gustoso spezzatino di carne di cavallo.

Gnocchi del Carnevale di Verona


Ingredienti

Gnocchi: | un chilo di patate – un uovo – 300 grammi di farina – sale | spezzatino: | 600 grammi di polpa di cavallo | 2 carote - 1 sedano bianco - 2 cipolle - 40 grammi di farina - 50 di olio extravergine d’oliva | brodo di manzo - bottiglia di vino Valpolicella - alloro, noce moscata, chiodi di garofano, sale, pepe.

Preparazione

  Versate all’interno di un recipiente ampio la carne di cavallo oche dovrà macerarsi ricoperta con il vino per circa 36/48 ore. Il giorno della cottura mettete all’interno di una casseruola l'olio e il burro, e lasciatevi rosolare il sedano, le cipolle e le carote tagliate a pezzetti. Prendete la carne dalla terrina e sgocciolatela bene, aggiungete i chiodi di garofano, infarinatela e lasciatela ancora nella pentola.

  Dopo un'oretta di cottura, aggiungere la metà del vino della marinata, l'alloro e un po’ di noce moscata grattugiata. Continuate la cottura a fuoco moderato per almeno tre ore e se necessario aggiungete anche qualche mestolo di brodo continuando a mescolare gli ingredienti. Al termine della cottura aggiungete il sale e il pepe macinato. Non appena la carne sarà diventata morbida e friabile dovrete togliere dalla pentola e affettarla. Passate parte delle verdure al setaccio e aggiungete la farina e una noce di burro e lasciate addensare.

  Preparate gli gnocchi. Lavate le patate a pasta farinosa e cuocetele in abbondante acqua salata e provette della buccia, passatele nello schiaccia patate e amalgamatele con la farina passata al setaccio, l’uovo e il sale.

  Spolverizzate il piano di lavoro con la farina e lavorate il composto fino a farlo diventare morbido. Ora ricavate dall’impasto degli gnocchi dei filoncini dello spessore di un dito tagliandoli in pezzetti piccoli.

  Passate gli gnocchi freschi sulla grattugia o sui rebbi di una forchetta. Mettete a bollire l’acqua salata in una casseruola e lasciate cuocere gli gnocchi fino a quando non risaliranno a galla. Conditeli con lo spezzatino e poi serviteli.

E gli stessi gnocchi vengono preparati ogni anni in occasione del Bacanàl del Gnocco, la festa più antica della città che accompagna i veronesi durante il Carnevale veronese. Caratteristica degli gnocchi veronesi è che vengono ripassati su una grattugia: l’impasto è a base di farina, patate, uova e sale. 

GNOCCHI DI PANE CON SPINACI 

GNOCCHI DI ZUCCA ALLA SALVIA

GNOCCHI VEGETARIANI CON SPINACI E CON FORMAGGI