Pan de mei (o pan di miglio)

di Ishtar 0



Dolce tipico lombardo, il pan de mei o Pan Meino, o ancora, più semplicemente, pan di miglio, è un dolce di origine povera, antica, tipico soprattutto del periodo autunnale/invernale. E’ usuale vederlo comparire poco prima della festa dei Morti fino al Natale, anche se anticamente era tradizione gustarlo il giorno di San Giorgio, che si festeggia in Aprile, accompagnato da panna fresca non montata. A discapito del nome oggi non viene più reparato con il miglio ma con il granturco, tanto che in alcune zone viene anche chiamato pan di meliga (granturco, appunto).

Pan de mei (o pan di miglio)


Ingredienti

200 gr. farina gialla a grana fine | 100 gr. farina gialla a grana grossa | 150 gr. farina bianca | 150 gr. burro | 100 gr. zucchero | 15 gr. lievito di birra | 3 uova | fiori di sambuco | 3 cucchiaini | latte | olio | sale | panna liquida

Preparazione

  Miscelare insieme le tre farine e spargerle sul piano di lavoro. Unire parte dei fiori di sambuco, del sale, lo zucchero, le 3 uova e il burro fuso. Mescolare bene il tutto ed unire il lievito di birra sciolto in poco latte tiepido.

  Impastare bene, se necessario, unire altro latte. Fare lievitare il tutto per un'ora quindi prelevare piccole porzioni di impasto e creare delle palline.

  Disporle sulla placca del forno unta di olio e cosparsa di farina schiacciandole leggermente.

  Spolverarle con dello zucchero vanigliato e con i fiori di sambuco. Cuocere a 190 °C per circa 30 minuti.

Il pan de mei si presenta sottoforma di torta bassa, di simil focaccia non troppo lievitata. Originariamente preparato con il miglio e aromatizzato con il sambuco con il passare degli anni si arricchisce nell’impasto di uova, zucchero, tanto burro e qualche aroma. La preparazione dei giorni nostri ne vuole alla base un mix di farina bianca, farina di mais a grana grossa e macinata fine. Viene consumato soprattutto a colazione e può assumere la forma di un’unica focaccia o di piccoli simil biscotti. La ricetta proviene dal Cucchiaio d’Argento.

Altre ricette tipiche della cucina lombarda? La trippa alla milanese, i cardi alla milanese, il risotto alla certosina e la polenta al gorgonzola con zucchine trifolate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>