leonardo.it

Come preparare l’aragosta perfetta

 
Camilla Salaorni
31 marzo 2008
1 commento

L’aragosta (o aligusta) è un grosso crostaceo dal colore bruno-rossiccio con macchioline bianche e gialle, non ha chele, ma ha due lunghe antenne, può raggiungere i 50 cm. ed i 7 kg. di peso (ma gli esemplari migliori pesano fra i 500 e gli 800 gr.) e può vivere fino a 30 anni.

Si pesca da Ottobre a Giugno, la primavera è il periodo della riproduzione e le femmine sono incorallate (la pesca delle femmine con le uova è vietata). Ne esistono in commercio 4 varietà: la migliore è senz’altro l’aragosta mediterranea, riconoscibile dalle 2 macchie gialle regolari su ogni segmento della coda), ci sono poi il tipo rosa, quello verde e quella detta “di Cuba”, per lo più africane e sudamericane, che, seppur discrete, non hanno quasi niente in comune con quelle siciliane e sarde.

Simile all’aragosta, e da alcuni erroneamente considerato il suo maschio, è l’astaco, o astice (o elefante di mare o lupicante) che si differenzia per avere due grosse e possenti chele del tutto assenti nell’aragosta. Il suo colore è turchino con macchioline gialle e bianche; quando è cotto diventa rosso. E adesso, dopo questo breve excursus necessario per guidare ad un acquisto corretto e consapevole della materia prima, vediamo come preparare una succulenta aragosta.



ARAGOSTE ALLA GRIGLIA

Ingredienti per 4 persone benestanti

  • 4 aragoste di circa 250 gr. (o 2 da 500 gr.)
  • 1\2 limone
  • olio d’oliva
  • sale
  • pepe bianco

Spaccate in due le aragoste (possibilmente vive) lungo il dorso e mettetele sulla gratella con il guscio rivolto verso la brace. Ungete la polpa con una salsetta a base d’olio, poco limone, sale e pepe bianco e dopo 5 minuti rigiratele.

Grigliate lentamente per 20 minuti circa girandole e spennellando sopra e sotto con la salsetta. Servite ben calde con un vino bianco importante.

Se disponete di una grossa aragosta, cioè di 1 kg. e oltre, potete cuocerla allo spiedo. Prima lessatela per 3 minuti gettandola viva nell’acqua bollente e salata. Scolatela e infilzatela in uno spiedo, cucinatela quindi piano per circa mezz’ora ungendola ogni tanto con la salsetta d’olio, limone, sale e pepe: non aspettatevi però la stessa morbidezza della ricetta suddetta.

Articoli Correlati
Cieche alla pisana, gustose e misteriose

Cieche alla pisana, gustose e misteriose

Le cieche, chiamate in dialetto cèe, sono gli avannotti delle anguille che dal mare tentano di risalire i fiumi: si pescano quindi alle foci dei fiumi (in Toscana nella Magra, […]

Dalla Sardegna: Triglie alla vernaccia

Dalla Sardegna: Triglie alla vernaccia

Le triglie di scoglio si riconoscono facilmente poichè hanno un bel colore rosso vivo, talvolta 3 o 4 linee orizzontali gialle lungo i fianchi e, unico segno sicuro, delle strisce […]

Fave, carciofi e piselli, gli ingredienti per preparare un’ottima Frittella

Fave, carciofi e piselli, gli ingredienti per preparare un’ottima Frittella

La frittella non è unicamente un piatto dolce, conosciuto come la colazione preferita dagli americani, ma ne esiste un’altra versione tutta nostrana e tipica della cucina Siciliana. Non fatevi ingannare […]

Come preparare la vera polenta

Come preparare la vera polenta

La polenta è un classico della cucina italiana. Il Friuli ed il Bergamasco sono la vera patria di questo piatto fatto con farina di mais, ossia di granturco. La polenta […]

Come preparare degli ottimi Fagioli all’Uccelletto

Come preparare degli ottimi Fagioli all’Uccelletto

Uno dei classici della tradizione fiorentina, che nella sua semplicità svela un magistrale connubio di sapori sono i fagioli all’uccelletto. L’origine delle definizione “all’uccelletto” è, come per molte ricette della […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento