Cardi gratinati al formaggio

di Anna Maria Cantarella 0



In questo periodo è ancora possibile acquistare i cardi ed è per questo che ho pensato di utilizzarli per la ricetta dei cardi gratinati al formaggio. Nonostante sia una verdura squisita, i cardi non sono spesso sulla nostra tavola e – eccezion fatta per qualche ricetta regionale come la bagnacauda o la minestra di cardi – non sono molte le idee originali per cucinarli in modo gustoso. Io amo i cardi fritti in pastella ma anche i cardi gratinati non sono da meno, e poi sono un pochino più leggeri e non c’è la noia della frittura, che ogni volta lascia quel fastidioso odore in cucina.

cardi gratinati con formaggio


Ingredienti

mezzo chilo di cardi | 30 gr. burro | 20 gr. farina | 100 gr. vino bianco | 50 gr. gruviera | 30 gr. sale grosso

Preparazione

  Pulite i cardi eliminando le punte e i filamenti del gambo. Tagliate i gambi a pezzi e lavateli.

  Portate a bollore abbondante acqua salata con il sale grosso e tuffatevi i cardi. Fateli cuocere per circa 30 minuti.

  Preparate la salsa bianca. Fate sciogliere 20 gr di burro in una casseruola, aggiungete la farina e mescolate con un cucchiaio di legno. Aggiungete 2 cucchiai di acqua di cottura dei cardi ben filtrata e il vino bianco. Continuate a mescolare fino a quando avrete ottenuto un composto liscio e omogeneo come la besciamella.

  Togliete dal fuoco la besciamella e incorporatevi il formaggio grattugiato. Amalgamate. Spremete il succo di limone, filtratelo per eliminare semi e polpa e unitelo al composto

  Scolate i cardi e trasferiteli in una teglia. Alternate i cardi con uno strato di besciamella e procedete così fino ad esaurimento degli ingredienti. Disponete sulla superficie i 10 gr di burro rimasti e infornate per 10 minuti a 180 gradi.


Per la ricetta dei cardi gratinati al formaggio avrete bisogno di pochi ingredienti essenziali: cardi, formaggio gruviera e poi farina e burro per preparare una salsa bianca, molto simile alla besciamella ma molto più leggera, perchè è fatta senza latte. Al posto del latte si utilizza l’acqua di cottura dei cardi e il vino bianco. Originalissimo il sapore, che non è il classico gusto vellutato di latte della besciamella classica, ma un gusto più intenso, leggermente acidulo ma ugualmente cremoso e vellutato.
Simili ai carciofi, i cardi li potete acquistare quando hanno il gambo molto sodo e le foglie integre. Al Nord è più facile trovarli con gambo bianco, il colore che assumno dopo essere stati sottoposti allo sbiancamento. Al Sud invece è più facile trovarli verdi, al naturale.
Se avete voglia di provare altre gustose ricette con i cardi, provate anche i cardi in carrozza e il risotto con salsiccia e cardi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>