Sagne con ricotta e fagioli di Scanno, la ricetta di Sant’Antonio

di Fabiana Commenta



Si festeggia il 17 gennaio Sant’Antonio Abate il protettore degli animali e in occasione in tutta Italia vengono preparati tanti piatti tipici, tra cui le sagne con la ricotta e i fagioli che servono a Scanno, un paesino dell’Umbria.

FAGIOLATA, FAGIOLI, pasta e fagioli padovana, zuppa, zuppa di rape, fagioli e funghi

La tradizione nasce intorno al XIV-XV secolo quando i chierici ospedalieri di sant’Antonio Abate avevano nel paesino un monastero e in occasione del 17 gennaio servivano ai poveri un piatto di sagne condite con la ricotta e con i fagioli in omaggio al Santo che si era spogliato di tutti i suoi averi.

Sagne con ricotta e fagioli di Scanno, la ricetta di Sant’Antonio


Ingredienti

pasta: | 400 g Semola Di Grano Duro Rimacinata - 150 ml di acqua - 1 pizzico Sale | 250 g Fagioli Borlotti Secchi - 250 ml Passata Di Pomodoro - 1 Carota - 1 Cipolla - Rosmarino - 2 foglie Salvia - Sale - 100 grammi di Ricotta Salata

Preparazione

  Lasciate in ammollo i fagioli per almeno 12 ore. Trascorso il tempo richiesto, togliete i fagioli dall’acqua dell’ammollo e versateli all’interno di una pentola ampia con un trito di carota e di cipolla. Aggiungete anche il pomodoro, la cotenna di maiale (che è facoltativa), le foglie di salvia e il rametto di rosmarino.

  Coprite con abbondante acqua e lasciate cuocere a fuoco basso fino a quando i fagioli non saranno diventati morbidi. Ci vorranno circa un paio di ore. Aggiungete il sale solo a fine cottura quando i fagioli saranno diventati morbidi e in questo modo non si induriranno.

  Ora preparate le sagne: sistemate la farina a fontana sul piano di lavoro e aggiungete un pizzico di sale, poi impastate con l’aggiunta di circa 100 ml di acqua tiepida, fino a quando non avrete ottenuto un corposo uniforme. Lavorate l’impasto fino a quando non avrete formato una palla, lasciate riposare l’impasto, coperto dalla pellicola per almeno 30 minuti.

  A quel punto riprendete l’impasto: distribuite la farina sul piano di lavoro e stendete la pasta con il mattarello per ricavare una sfoglia sottile. Tagliate la sfoglia ottenuta un strisce di 4 cm circa di lunghezza e mezzo centimetro di larghezza.

  Adesso fate cuocere la pasta: portate a ebollizione una pentola di acqua salate e lasciate cuocere le sagne. Ci vorranno pochi minuti. Non appena sono cotte, aggiungetele ai fagioli e poi mescolate bene: condite con la ricotta salata grattugiata grossolanamente e servite in tavola.

Anche in altre città della zona si preparano piatti simili utilizzando le sagne, un formato di pasta molto diffuso in Abruzzo e dal sapore piuttosto rustico, ma veramente inconfondibile. 

LASAGNA AI FORMAGGI CON RAGU’

LASAGNE ESTIVE CON LE VONGOLE

LASAGNE AUTUNNALI CON ZUCCA E CON SALSICCIA